6 luoghi emblematici del centro coloniale di Santo Domingo

Chiamata Nueva Isabela in onore della regina Isabella di Castiglia, Spagna, la prima città del Nuovo Mondo fu fondata il 4 agosto 1496 da Bartolomeo Colombo, fratello di Colombo e governatore dell'isola di Hispaniola. Per la cronaca, fu lui a dare il nome all'isola francese di Saint-Barthélemy. Costruita sulla riva orientale del fiume Ozama, fu distrutta da un uragano e ricostruita nel 1502 sulla riva orientale del fiume da Nicolas de Ovando. Fu allora chiamata Santo Domingo de Gúzman, in onore di San Domenico di Guzmán, fondatore dell'ordine domenicano. Per la costruzione di questa città, che oggi è il quartiere recentemente restaurato della zona coloniale, fu scelta una pianta a scacchiera.

Statua di Cristoforo Colombo e basilica di Santa Maria la Menor nella zona coloniale di Santo Domingo.

- © Nick N A / Shutterstock
Santo Domingo

✈️ Prenota il tuo volo per Santo Domingo

Compara i prezzi dei voli per Santo Domingo
A partire da
592 € / AR
Prenota il tuo volo

I punti di interesse sono concentrati in tre vie principali Nella pedonale Calle de Las Damas si possono ammirare l'antica fortezza Fuerte Del Homenaje (soprannominata "Fortaleza"), la Casa de Bastidas e il Palacio de los Capitanes, la Casa de Ovando, che ospita un superbo hotel, e il suo famoso portale gotico-isabelliano. In Calle Isabela la Catolica si trovano la cattedrale di Santa Maria la Menor, costruita nel 1518 e la più antica delle Americhe (monumento emblematico dell'isola), il Palacio de Borgella, le imponenti rovine del monastero di San Francisco, la Casa Del Duarte e la Chiesa di Santa Barbara.

In Calle Padre Billini, non perdete la chiesa Regina Angelorum, la cui costruzione richiese oltre 200 anni, la chiesa Los Dominicos, sede della prima università delle Americhe, la Casa de Tostado, la chiesa Santa Clara, la Casa de Las Monedas e, infine, la casa Tapao e la leggenda del misterioso uomo mascherato. L'Alcázar de Colón, la prima cattedrale d'America, la Fortezza di Ozama, il Museo Las Casas Reales, il Giardino Botanico Nazionale, il Malecon e il Palazzo delle Belle Arti sono le sette meraviglie della capitale dominicana inserite nella "Lista Rappresentativa dei Tesori del Patrimonio Culturale Mondiale".

1. Cattedrale di Santo Domingo

Santa Maria la Menor, conosciuta anche come Nostra Signora dell'Incarnazione e Catedral Primada de América, fu la prima cattedrale costruita nel Nuovo Mondo. La costruzione iniziò nel 1523 e fu completata nel 1541, ad eccezione del campanile, che non fu mai costruito. Inizialmente fu costruita in terra battuta e ricoperta di palme.

© Cedric Weber / Shutterstock

Il pavimento è in mattoni e i mobili sono in mogano massiccio. Il portale principale è ornato da un'enorme porta del peso di 2,5 tonnellate, risalente alla sua creazione e restaurata per il 500° anniversario della scoperta dell'America. L'esterno è in stile rinascimentale, con volte gotiche. La sua facciata in pietra corallina ocra e l'inestimabile altare d'argento sono un vero e proprio colpo d'occhio.

Informazioni pratiche

📍 Ubicazione: F4F8+696, Callejón de los Curas, Santo Domingo 10210, Repubblica Dominicana

👛 Ingresso: gratuito

⏰ Orari: il monumento è aperto al pubblico tutti i giorni dalle 9.00 alle 16.00.

© Zoran Karapancev / Shutterstock

2. Plaza de Colon

La cattedrale domina la Plaza de Colon (ex Plaza Mayor), al centro della quale si trova la statua in bronzo e granito di Cristoforo Colombo, eretta dal francese Gilbert nel 1887. La piazza, piacevole e ombreggiata, è fiancheggiata da caffè, gallerie d'arte e negozi di sigari e dà origine a El Conde, una lunga e vivace strada pedonale ricca di negozi.

Dove si trova? È qui su Google Maps

© e2dan / Shutterstock

3. L'Alcázar di Colon

Questo monumento è un edificio emblematico del quartiere coloniale di Santo Domingo, se non il più emblematico. È stato il primo palazzo fortificato del Nuovo Mondo. L'architettura dell'edificio è una sapiente miscela di Rinascimento spagnolo e italiano, con un pizzico di architettura gotica e mudéjar. L'Alcázar ha ospitato personaggi storici come Cortés e Velasquez, entrambi giunti sull'isola per colonizzare le vicine Cuba, Messico e Perù.

Informazioni pratiche

📍 Luogo: Plaza de España, C. La Atarazana 2, Santo Domingo 10212, Repubblica Dominicana

👛 Ingresso: gratuito

⏰ Orari di apertura: aperto da martedì a domenica dalle 10 alle 18. Chiuso il lunedì. Chiuso il lunedì.

🚌 Come arrivare: nel cuore della zona coloniale, scendere alla fermata dell'autobus

Av. Independencia Proximo C/ Mariano Cesteros con le linee C10C11, C10D o C10S.

👉 Sito web

© saaton / Shutterstock

4. La Fortaleza Ozama

Costruita tra il 1502 e il 1507 su ordine del governatore Nicolas de Ovando per proteggere la città dagli attacchi dei pirati, Fortaleza Ozama fu la prima fortezza europea e il primo edificio militare in America. Un muro di pietra la separa dal fiume Ozama, da cui l'edificio prende il nome.

Vi si accede attraverso la famosa Calle de las Damas, la prima strada del Nuovo Mondo. All'interno si può passeggiare in un vasto giardino con la statua in bronzo di Don Gonzalo Fernandez de Oviedo, famoso cronista del XVI secolo che scrisse la prima storia delle Americhe.

La Fortaleza Ozama

- © Evannovostro / Shutterstock

Il complesso è dominato dalla Torre del Homenaje (Torre del Tributo), un massiccio torrione medievale in pietra corallina. Questo edificio quadrato risale al 1503 e contiene una scala a chiocciola in ferro. Dalla cima della torre, alta 18 metri, si può vedere tutta la città e il fiume. Le navi che entravano nel porto venivano salutate dalla cima di questa torre, da cui il nome di Torre degli Omaggi. Nel 1937 il dittatore Trujillo la rinforzò con un muro merlato e la utilizzò come prigione fino al 1970. Sul retro, la porta Carlos III è uno degli ingressi più antichi alla fortezza, che non è mai stata presa con la forza!

Informazioni pratiche

📍 Posizione: C. Las Damas 1, Santo Domingo 10210, Repubblica Dominicana

👛 Prezzo: 70 peso dominicano, circa 1,50 dollari.

⏰ Orari di apertura: aperto da martedì a domenica dalle 10 alle 18. Chiuso il lunedì. Chiuso il lunedì.

🚌 Come arrivare: proprio nel cuore della zona coloniale, scendere alla fermata dell'autobus

Av. Independencia Proximo C/ Mariano Cesteros con le linee C10C11, C10D o C10S.

👉 Sito web

© Evannovostro / Shutterstock

5. Il monastero di San Francisco

Costruito nel 1512 dai monaci dell'Ordine di San Francesco, il monastero di San Francisco fu il primo monastero e il primo centro di istruzione superiore (1538) del Nuovo Mondo. I Francescani (e non i Domenicani) furono i primi religiosi a stabilirsi sull'isola di Hispaniola. Arrivarono durante il secondo viaggio di Cristoforo Colombo.

In parte bruciata nel 1586, quando Sir Francis Drake distrusse la città, è sopravvissuta a malapena a un terremoto nel 1673. Ciononostante, le imponenti e commoventi rovine sono ancora un luogo popolare per fare una passeggiata.

© GiuseppeCrimeni / Shutterstock

Ai piedi dell'edificio, circondato da vasti spazi verdi, si tengono numerosi concerti ed eventi culturali. Ogni domenica, con la pioggia o con il sole, si tiene un concerto gratuito davanti al monastero di San Francisco! Sono sopravvissuti l'antico pozzo e una cisterna dove veniva immagazzinata l'acqua per gli abitanti della città.

Sotto la volta in rovina si trova la tomba di Alonso de Ojeda, uno dei più intrepidi capitani conquistadores. La leggenda narra che, in un atto di estrema umiltà, chiese di essere sepolto all'ingresso del convento, in modo che tutti potessero camminargli sopra!

Dove si trova? Èqui su Google Maps

© AlevtinaGorskaya / Shutterstock

6. La Casa del Cordon

Nel mondo ispanico esistono molte "Case del Cordone". Commissionata nel 1502 da Don Francisco de Garay, un compagno di viaggio della prima spedizione di Cristoforo Colombo, la Casa del Cordon di Santo Domingo fu la prima casa in pietra del Nuovo Mondo. Il figlio del grande ammiraglio Diego Colombo e sua moglie Maria de Toledo vissero qui prima della costruzione dell'Alcazar de Colon.

È qui che le dame di corte si riunirono nel 1586 per donare i loro gioielli per pagare il riscatto richiesto dal corsaro inglese Sir Francis Drake in cambio della liberazione della città saccheggiata. Il nome della casa deriva dal simbolo dell'ordine francescano dei monaci: una cintura di corda scolpita sulla facciata.

Situata in Calle Isabel la Catolica, di fronte al Palazzo delle Telecomunicazioni, la Casa del Cordon ospita oggi la Banca Popolare Dominicana, ma non esitate a spalancare la sontuosa porta di legno per scoprire i suoi tesori: c'è una magnifica collezione di mobili dell'epoca coloniale, oltre a un grazioso patio. Unica condizione: è vietato scattare foto!

Dove si trova? La Casa del Cordon si trova al 214 di Calle Isabel la Catolica, nel cuore della zona coloniale. È qui su Google Maps

© Florin Cnejevici / Shutterstock

Il nostro hotel preferito a Santo Domingo

Renaissance Santo Domingo Jaragua Hotel & Casino - Santo Domingo St-Domingue
Booking.com

Renaissance Santo Domingo Jaragua Hotel & Casino - Santo Domingo

Affacciato sul Mar dei Caraibi, il Renaissance è uno dei resort più grandi e più belli di Santo Domingo.
A partire da
203 €
Prenota
di Marina Gemma
Hai bisogno di aiuto? Consulta la guida
Santo Domingo
Santo Domingo
Ultime notizie
Luxor
Una giornata al Palazzo d'Inverno
Luxor
La maestosa Valle delle Regine
Luxor
Scopriamo insieme i Templi di Milioni di Anni
Luxor
Un indimenticabile giro in mongolfiera nella Valle di Luxor
Luxor
Scopriamo insieme il tempio di Hatshepsut
Luxor
Abbracciare la Valle dei Re
Tutte le notizie
Zone turistiche di alto livello