lightbulb
© mgnovenia / Shutterstock
La Provenza
La Provenza

La dolce vita alla francese tra sole, lavanda e cicale

La Provenza in breve

Il solo nome di questa regione è un motivo per andarci. La Provenza evoca immagini di campi e di profumo di lavanda, di pastis e di olive, di garighe e di paesaggi di Pagnol. Tra una partita di pétanque e una bouillabaisse, la Provenza evoca tutta una parte della cultura del sud della Francia. Marsiglia, con il suo accento e la sua "bonne mère", Aix-en-Provence, con i colori celebrati da Cézanne, e Avignone, con il suo ponte, il suo Palais des Papes e il suo festival teatrale, sono solo alcuni dei luoghi da visitare che attraggono tutti i sensi.

Incastonata tra le montagne della Provenza, le Alpi e il Mar Mediterraneo, la costa gode di un clima mite e piacevole, con una vegetazione dai colori vivaci. Spiagge dorate, rocce rosse e acque cristalline riassumono i paesaggi della costa provenzale. I panorami sono variegati come la costa mediterranea, le tipiche falesie calcaree tra Marsiglia e Cassis e la Camargue nella zona del delta del Rodano.

Il castello rinascimentale nel villaggio di Aiguines si affaccia sul Lac de Sainte-Croix.

- © Zdenek Matyas Photography / Shutterstock

Questa regione, ricca di storia e cultura, testimonia il suo passato altamente artistico. L'arte sacra del Medioevo si ritrova nelle abbazie cistercensi sulle colline, nelle piccole chiese risalenti al periodo della Controriforma lungo la strada che collega le Alpi Marittime a Imperia e nelle cattedrali come Notre-Dame de la Garde a Marsiglia e il Palais des Papes ad Avignone.

I colori della Provenza hanno affascinato e ispirato anche molti artisti, soprattutto pittori. Van Gogh, ad esempio, trascorse 15 mesi ad Arles e in quel periodo rivoluzionò la sua pittura. Oggi ad Arles esiste una galleria in memoria di Van Gogh, creata dai suoi amici artisti. Anche Cézanne scelse questa regione per dipingere e il suo studio si trova sulla collina di Lauves ad Aix-en-Provence.

Le stand d’un marché provençal.

- © Isabella Pfenninger / Shutterstock

La variegata gastronomia della Provenza riflette l'ambiente naturale della regione, il cui clima mite favorisce la produzione di frutta e verdura per vini,oli,spezie, aromi e salse. Dalle specialità a base di pesce come la bouillabaisse, alla cucina del Delfinato, ai prodotti di montagna come il miele e la marmellata, ai dolci e al pastis, la gastronomia di questa regione è una delle più varie e raffinate della Francia. Sia che vi troviate in una delle grandi città della Provenza o in uno dei suoi tipici paesini, ci sono molti ristoranti che servono piatti tradizionali e cantine dove potrete degustare i vini locali.

L'affascinante villaggio di Les Baux-de-Provence.

- © lr.s / Shutterstock

La Provenza si presta a numerose attività sportive, che permettono di godere della natura e di scoprire magnifici paesaggi. Con le sue viste mozzafiato sul Mediterraneo, la regione attrae turisti e abitanti del luogo. È quindi possibile praticare sport acquatici e godersi il languore di Marsiglia.

I visitatori possono anche seguire innumerevoli sentieri escursionistici attraverso campi di lavanda e uliveti o lungo le calanques. La flora della Provenza è estremamente varia, ed è in un ambiente ricco di profumi di resina e di essenze inebrianti che si possono incontrare cervi, cinghiali, serpenti, lucertole e altri animali, il tutto accompagnato dal canto delle cicale, al cui suono tutti dicono: "Siamo nel Sud!". Il luogo migliore per scoprire gli elementi naturali della Provenza è senza dubbio il Parc Naturel Régional du Luberon: tra la gariga, le falesie, le gole e i fiumi, questo parco si impegna a preservare la biodiversità attraverso la protezione delle specie.

Maggiori informazioni dopo l'annuncio
Maggiori informazioni dopo l'annuncio

Gli ultimi articoli

La Provenza in bicicletta lungo l'EuroVelo 8
La Provenza

La Provenza in bicicletta lungo l'EuroVelo 8

L'EuroVelo 8, noto anche come ciclovia del Mediterraneo, si estende per 7.500 chilometri, attraversa 10 Paesi e conta 23 siti iscritti nella lista dell'UNESCO lungo il suo percorso....
I 15 villaggi più belli della Provenza
La Provenza

I 15 villaggi più belli della Provenza

La Provenza è una terra di lavanda e ulivi, dove il sole splende tutto l'anno. Ogni anno la regione attira milioni di visitatori che vengono a scoprire i suoi paesaggi colorati, il...

Da non perdere

Tutti i must da non perdere

Come arrivare?

Vi consigliamo di raggiungere la Provenza in auto, in modo da potervi muovere a piacimento una volta arrivati. Per farlo, dovrete probabilmente percorrere l'Autostrada del Sole, spesso intasata nei giorni di punta delle partenze. Si può arrivare anche in treno, passando per le stazioni di Marsiglia Saint-Charles, Aix-en-Provence TGV, Nîmes o Arles. In aereo, si può atterrare all'aeroporto di Marsiglia-Provence.

Dove dormire?

Nelle città più grandi della Provenza si può scegliere tra numerosihotel, pensioni,appartamenti in affitto eostelli della gioventù. Nei piccoli villaggi in pietra o nel cuore della campagna provenzale, non avrete difficoltà a trovare mas, bastides e persino castelli dove potrete godere della dolce vita tipica del sud della Francia.

10 bastides e mas dove soggiornare in Provenza
La Provenza
10 bastides e mas dove soggiornare in Provenza
Passeggiando tra i campi di lavanda, gli uliveti e le pinete della Provenza, è facile capire che la regione vanta un'architettura particolare. Sia nei piccoli villaggi tipicamente...

Informazioni pratiche

Visite

C'è così tanto da vedere e da fare in questa splendida regione che non vorrete annoiarvi durante il vostro soggiorno in Provenza. Diverse città offrono pass turistici che permettono di scoprire i loro monumenti più belli a un prezzo ridotto. Tra questi, il City Pass di Aix-en-Provence, che dà accesso a 14 musei e siti turistici imperdibili della città, il City Pass di Marsiglia, che dà accesso ad attrazioni come il MUCEM e il battello per le isole Frioul, oltre che alla rete di trasporti pubblici, e ilCity Pass di Avignone, che dà accesso a diverse attrazioni della città, tra cui il Palais des Papes e il Fort Saint André.

Periodo migliore dell'anno

È meglio visitare la Provenza in primavera o in autunno, in modo da poter approfittare delle temperature gradevoli per passeggiare nella regione. In estate, migliaia di turisti affollano la regione e la temperatura sale, ma è in questo periodo dell'anno che le spiagge sono più deliziose. Venire in inverno significa evitare la folla, ma assicuratevi di portare con voi abiti caldi: anche se il sole splende tutto l'anno nel sud della Francia, il vento può raffreddare rapidamente l'aria.

E se volete vedere i campi di lavanda in fiore, un paesaggio così tipico della Provenza, programmate il vostro viaggio tra metà giugno e agosto e preparatevi a rimanere a bocca aperta.

I trasporti

Per spostarsi in Provenza, vi consigliamo di portare la vostra auto o di noleggiarne una. In questo modo, potrete esplorare la regione al vostro ritmo e uscire dai sentieri battuti per scoprire paesaggi incredibili e gemme nascoste.

Nonostante tutto, la rete di autobus in Provenza è ancora abbastanza ben sviluppata, anche se dovrete essere ben organizzati per arrangiarvi con i mezzi pubblici: il sito web Le Pilote

vi aiuterà a pianificare i vostri itinerari. Anche i treni TER attraversano la regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra.

La sicurezza

Potete viaggiare in Provenza in tutta tranquillità, perché non correrete molti rischi quando sarete nella regione. Basta tenere d'occhio i vostri effetti personali, soprattutto nelle grandi città, e sarete a posto!

Cosa mangiare

Una sinfonia di colori, profumi e sapori, la cucina provenzale vale da sola il viaggio. Verdure colorate, olive e olio d'oliva, condimenti ed erbe aromatiche, e le acciughe sono sempre tra le note dominanti: vengono utilizzate per preparare la ratatouille, la tapenade, la rouille, l'aïoli, la zuppa di pistou e la salade niçoise. Anche le specialità di carne e salumi (costolette d'agnello, coniglio alla provenzale, ripieni) e, naturalmente, il pesce (bouillabaisse, bourride) sono diventati punti fermi dell'arte di vivere provenzale.

Anche i dolci non mancano: miele e marmellate di montagna, calissons di Aix, berlingots di Carpentras, frutta candita di Apt, câlins e crostate di Saint-Tropez...

Quanto al pastis e ai vini locali (Châteauneuf-du-Pape, Côtes-de-Provence, Rasteau, Bandol...), vanno ovviamente bevuti con moderazione.

Cosa portare con sé

Portate un po' di Provenza direttamente a casa vostra, grazie alle tovaglie e ai tessuti provenzali che troverete nei mercati. E se non volete dimenticare i dolci profumi del Sud della Francia, provate le bustine di lavanda o il sapone di Marsiglia. Tutti i dolci e le bevande tipicamente provenzali piaceranno sicuramente ai vostri amici e familiari.

lightbulb_outline Consigli della redazione

Se potete permettervelo, esplorate la Provenza in un'auto decappottabile: è così esaltante guidare attraverso questi paesaggi colorati e profumati con i capelli al vento! Il senso di libertà che si prova è indescrivibile.

explore Prova i nostri comparatori

Ultime notizie
Islanda on the road
Parigi
I migliori musei gratuiti di Parigi
L'isola di Egina, l’atollo greco lontano dal turismo di massa
Emilia Romagna, ad ogni città le sua specialità: cosa vedere e mangiare in 6 tappe
Tutte le notizie
Città Top
New York
New York
Roma
Roma
Barcellona
Barcellona
Dubai
Dubai
Lisbona
Lisbona
Londra
Londra