Le Hautes Gorges du Verdon: il grande canyon della Provenza

Il tratto più spettacolare delle Gole del Verdon, quello da cui vengono scattate tutte le meravigliose foto di pareti rocciose a strapiombo e acque bianche color smeraldo, è lungo "solo" 25 km: benvenuti alle Hautes Gorges du Verdon, conosciute come il Grand Canyon! Questa parte delle gole inizia a valle di Castellane e diventa più pronunciata da Carajuan in poi, scavando un canyon profondo fino a 700 metri, che si snoda stretto tra pareti vertiginose fino al lago di Sainte-Croix. I paesaggi sono quelli di una Provenza alpina e mediterranea, con le sue rocce calcaree e i suoi rilievi frastagliati, le sue specie e i suoi profumi, basati su formazioni geologiche semplicemente eccezionali. Uno dei siti naturali più belli della Francia, le Hautes Gorges du Verdon sono particolarmente attraenti per gli amanti della natura: il kayak e l'arrampicata sono le attività di punta del grande canyon, e non dimenticate di avvistare un grifone lungo il percorso!

Le alte gole del Verdon

- © David Evison / Shutterstock

Il Grand Canyon, una versione spettacolare delle Gole del Verdon

In totale, il corso del Verdon si snoda per 165 km attraverso le Alpi dell'Alta Provenza, dal Col d'Allos, la sua sorgente, alla Durance, di cui è affluente. Scorre tra i paesaggi essenzialmente calcarei del massiccio delle Prealpi, una roccia sedimentaria che il fiume ha scavato instancabilmente per milioni e milioni di anni.

L'ingresso al Grand Canyon attraverso il Lac de Sainte-Croix

- © Bildagentur Zoonar GmbH / Shutterstock

Il Verdon ha così creato diverse serie di gole. A titolo di riferimento, a monte delle Hautes Gorges du Verdon, un primo tratto funge da introduzione dalla Porte de Saint-Jean alla Clue de Chasteuil, non lontano da Castellane. Poi, nei 25 km successivi, inizia il canyon delle Gorges du Verdon vero e proprio, fino al Lac de Sainte-Croix. A valle di quest'ultimo si trovano le Basses Gorges du Verdon. Lungo tutta questa eccezionale formazione geologica, il visitatore si trova di fronte a uno scenario imponente: pareti i cui versanti distano in alcuni punti solo 200 m l'uno dall'altro, sovrastano il corso del Verdon fino a 700 m di altezza. Il fiume, di colore turchese, serpeggia sotto di noi, con il letto ridotto in alcuni punti a una larghezza di 6 m, o addirittura di 1 o 2 m presso lo Styx du Verdon!

Il misterioso Stige del Verdon

- © Stephane GEUS / Shutterstock

Nel 1905, lo speleologo Édouard-Alfred Martel fu il primo a esplorare le gole nella loro interezza: questo passaggio stretto e quasi impraticabile, dove l'acqua scompare in una caverna buia, gli ricordava lo Stige, il fiume che conduce agli Inferi nella mitologia greca... effetto garantito! A poco più di un secolo dalla spedizione di Martel, le Gole del Verdon sono diventate una delle mete turistiche più popolari della Francia. Il sito è davvero mozzafiato, perché anche dopo aver ammirato il canyon da ogni angolazione in fotografia, la realtà è talmente spettacolare da superare di gran lunga i luoghi comuni. L'unico rammarico è che il canyon è troppo frequentato in estate, il che è difficile da evitare...

Kayak, arrampicata su roccia, bird-watching: le attività di punta delle Hautes Gorges du Verdon

Numerose città si affacciano sulle Gole del Verdon. Una di queste, La Palud-sur-Verdon, è una sorta di capitale, con una popolazione di poco più di 350 abitanti tutto l'anno, ma che esplode durante i mesi estivi. Essendo parte integrante del Parco Naturale Regionale del Verdon, l'atmosfera a La Palud è molto sportiva, perché c'è molto da fare nel canyon!

Informazioni pratiche

L'Ecomuseo e l'Ufficio del Turismo di La Palud-sur-Verdon

Un modo interessante per scoprire le Gole del Verdon dal punto di vista culturale e geologico. L'ecomuseo occupa lo Château de La Pallud, lo stesso edificio dell'ufficio turistico, dove troverete tutte le informazioni sulle attività nelle gole.

⏰ O rari di apertura:

  • Aprile e ottobre: da martedì a sabato, dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 18.00.
  • Maggio-giugno e settembre: da lunedì a sabato, 9.00-12.00 e 14.00-18.00, domenica 9.30-12.30
  • Luglio-Agosto: tutti i giorni 9-13 e 14-18.30
  • Chiuso da novembre a marzo

👛 Ingresso:

  • Intero: 4 €
  • Ridotto (giovani tra i 6 e i 18 anni, studenti e persone in cerca di lavoro): €2
  • Gratuito per i bambini sotto i 6 anni

In kayak nelle Gole del Verdon

- © Karine Lazarus / Shutterstock

Per apprezzare appieno la bellezza delle Hautes Gorges du Verdon, non c'è niente di meglio che pagaiare nel cuore della gola, proprio sul letto del fiume. Il kayak è il modo ideale per esplorare il canyon, almeno in parte: solo i kayakisti più esperti sono in grado di percorrere l'intero canyon! Potrete anche cimentarvi nel rafting, nel canyoning o nel nuoto in acque bianche: un programma rinvigorente.

Arrampicata a La Palud-sur-Verdon

- © Erik Tanghe / Shutterstock

Le Hautes Gorges du Verdon sono anche conosciute come una delle migliori aree di arrampicata della Francia. Non meno di 1.500 vie di arrampicata vi aspettano sulle pareti che si affacciano sul Verdon! I livelli di difficoltà sono diversi e adatti a tutte le capacità, dagli scalatori esperti che non soffrono di vertigini a quelli che si avvicinano a questo sport.

Informazioni pratiche

Kayak e arrampicata nelle Gole del Verdon

A La Palud-sur-Verdon ci sono diversi fornitori di servizi per praticare sport d'acqua bianca, kayak nelle gole e/o arrampicate su roccia in compagnia di una guida esperta.

  • Casa delle guide del Verdon
  • Avventura e natura
  • Guide per l'avventura

Alcune vie di arrampicata devono essere adattate agli abitanti delle falesie: il grifone, reintrodotto nel Parco Naturale del Verdon, nidifica proprio sopra il canyon e non deve essere disturbato! Non preoccupatevi, questi grandi rapaci sono innocui.

Dove alloggiare nelle vicinanze?

⭐ Hotel & Spa delle Gole del Verdon

di Gessica Iacono
Hai bisogno di aiuto? Consulta la guida
La Provenza
La Provenza
Ultime notizie
Parigi Mon Amour, dove anche gli hotel vi faranno innamorare
Islanda on the road
Parigi
I migliori musei gratuiti di Parigi
L'isola di Egina, l’atollo greco lontano dal turismo di massa
Tutte le notizie
Città Top