lightbulb

I tetti di Parigi con la Torre Eiffel sullo sfondo.

- © Beautiful landscape / Shutterstock
Parigi
Parigi

Un viaggio nella città più bella del mondo

Parigi in breve

Sono le sei e Parigi si sta svegliando. A poco a poco, le luci calde riflesse sulle vetrate dei caffè illuminano gli occhi assonnati dei primi clienti, come la prima luce del giorno che ravviva la città assopita.

Sono le otto, Parigi si sta alzando. Le principali arterie che attraversano la capitale, fiancheggiate da eleganti edifici haussmanniani, cominciano ad animarsi. In Place de l'Hôtel de Ville, gli innamorati si baciano. La foto di Doisneau viene riproposta più volte: stessa ambientazione, personaggi diversi. Tutt'intorno, la gente entra o esce dalle stazioni della metropolitana: Châtelet, Palais Royal, Musée du Louvre, Opéra... che, in bocca al turista, diventano la chiave di un mondo a volte ignorato dai nativi.

L'Arco di Trionfo a Parigi.

- © Eric Isselee / Shutterstock

Sono le dieci e Parigi si sta svuotando. Abbandonata dalle onde operose, la città si offre ai curiosi. Lungo il suo asse storico, la città racconta la propria storia, scoprendo le sue antiche pietre sacre, il Louvre, la Concorde, gli Champs Elysées e l'Arco di Trionfo. Come un fregio cronologico, questo asse termina a La Défense. La pietra lascia il posto al ferro e al vetro, e gli edifici si innalzano per solleticare il cielo. La città romantica di una cena a lume di candela diventa un villaggio commerciale di luci pubblicitarie.

Èmezzogiorno e Parigi ha fame: prosciutto e burro divorati al volo in un parco alberato; entrecôte e patatine fritte, accompagnate da un bicchiere di vino sulla terrazza di una brasserie; ricette regionali tradizionali, che ricordano le popolazioni sradicate che si sono stabilite nella capitale; una sottile miscela di sapori e prodotti eccezionali, messi in scena con talento da chef stellati. La gastronomia parigina, per quanto innovativa, rimane un monumento!

Notre-Dame de Paris prima dell'incendio.

- © milosk50 / Shutterstock

Sono le due del pomeriggio e Parigi sta sorgendo. Alta nel cielo, la Torre Eiffel veglia sulla città da 120 anni. Questo scheletro di ferro, la cui vita dovrebbe essere effimera, è diventato l'emblema di Parigi. Notre-Dame si allunga man mano che si percorre il suo sagrato. Ai suoi piedi si trova il Quartiere Latino, con le sue stradine serpeggianti che un tempo avevano una reputazione sulfurea. Oggi, ristoranti, piccole boutique e librerie di seconda mano deliziano i passanti.

Sono le 16.00 e Parigi è in movimento... culturalmente parlando. La città rivela un intero mondo di forme, lettere, colori, suoni, immagini e parole. Teatro, musica, pittura, scultura, cinema, poesia: i parigini sono tanto belli quanto colti. Va detto che secoli di scrittori hanno infestato questi luoghi...

Il ponte Alexandre III e gli Invalides a Parigi.

- © maziarz / Shutterstock

Sono le 18 e Parigi corre. La campanella è suonata e gli scolari, finalmente liberi, invadono le piazze e i parchi.... Circondati dalla pietra grigia, è nei giardini che fioriscono i colori naturali, come un'eco delle vetrine. Che si tratti del Jardin du Luxembourg, del Jardin des Tuileries, del Jardin des Plantes, del Parc Floral o del Parc Montsouris, queste oasi verdi nel cuore della città sono veri e propri serbatoi di ossigeno, di calma e di risate dei bambini.

Sono le 20.00 e Parigi è in festa. Il sole sta tramontando e l'Avenue des Champs-Elysées è addobbata con un filo di perle luminose. Ha la grazia di una diva e la sobrietà delle persone di classe. Il suo tappeto di lastre grigie si offre agli spettatori come una sorta di discesa di gradini di cui i negozi di lusso sono i pioli. Ma gli Champs-Elysées non hanno il monopolio del lusso e del gusto a Parigi. In tutta la città, i nomi dei grandi couturier sono esposti a lettere dorate accanto alle grandi gioiellerie e agli hotel di lusso.

Una tipica brasserie parigina.

- © Catarina Belova / Shutterstock

Sono le 22.00 e Parigi si rilassa. Al calar della sera avviene una metamorfosi. L'alveare di attività diurne è scomparso, per essere sostituito da una popolazione più rilassata, colorata e festosa che affolla i famosi locali notturni di Parigi.

È mezzanotte e Parigi rimane sveglia…

Maggiori informazioni dopo l'annuncio
Maggiori informazioni dopo l'annuncio

Gli ultimi articoli

I migliori musei gratuiti di Parigi
Parigi

I migliori musei gratuiti di Parigi

Sì, Parigi ha musei incredibili come il Louvre, l'Orangerie, l'Orsay, Rodin, il Palais de Tokyo, ed ognuno di loro è straordinario, ma la capitale francese ha anche musei con ingresso...
Parigi 2024: consigli e giorni da evitare durante i Giochi Olimpici
Parigi

Parigi 2024: consigli e giorni da evitare durante i Giochi Olimpici

Come tutti sapete, la Francia, e più precisamente Parigi, ospiterà i Giochi Olimpici del 2024 dal 26 luglio all'11 agosto e i Giochi Paralimpici dal 28 agosto all'8 settembre. Ed è...
I segreti dei 18 monumenti più belli di Parigi
Parigi

I segreti dei 18 monumenti più belli di Parigi

Parigi attira turisti da tutto il mondo, rendendola una delle città più visitate al mondo. Va detto che l'arte di vivere francese e l'architettura della città sono sufficienti a far...

Da non perdere

Tutti i must da non perdere

Come arrivare?

Tutte le strade portano a... Parigi! Con sei grandi stazioni ferroviarie che collegano tutta la Francia e l'Europa e due aeroporti internazionali, la Città della Luce è facilmente raggiungibile da tutto il mondo! È inoltre collegata al resto del Paese da numerose autostrade, che la rendono facilmente raggiungibile in auto.

Parigi

✈️Biglietti aerei per Parigi

Biglietti aerei per Parigi
A partire da
30 €
Prenota

Dove dormire?

Gli alloggi a Parigi accolgono i pretendenti di una delle città più ricercate al mondo in un'ampia varietà di strutture. Dai palazzi agli ostelli della gioventù, dagli hotel di charme a quelli storici, contemporanei e boutique, i viaggiatori troveranno sicuramente un alloggio a Parigi adatto alle loro esigenze.

Parigi: la top 10 degli hotel insoliti per un soggiorno unico
Parigi
Parigi: la top 10 degli hotel insoliti per un soggiorno unico
Se conoscete Parigi come la città della luce e la città degli innamorati, conoscete la Parigi sorprendente e misteriosa? Molti segreti sono nascosti nei monumenti più famosi della...

Informazioni pratiche

Visite:

I musei e i monumenti da visitare a Parigi sono tantissimi e, se li si mette tutti insieme, il prezzo di una visita può salire rapidamente. Alcuni pass offrono prezzi preferenziali su visite più o meno imperdibili. Il Pass All-Inclusive di Go City, a partire da 89 euro, vi permette di visitare tutte le attrazioni che desiderate in 2, 3, 4 o 6 giorni. Per 4 o più giorni, include il Paris Museum Pass, che dà accesso a tutti i musei di Parigi. Il Paris Passlib' consente di visitare 3, 5 o 6 siti emblematici nel corso di un anno, a partire da 35 euro. Sulla stessa linea, c'è anche l'Explorer Pass di Go City, a partire da 115 euro, che include l'ingresso a Disneyland Paris.

Periodo migliore dell'anno:

Il periodo migliore per visitare Parigi va da maggio a ottobre, quando le temperature sono più gradevoli. Il mese di agosto può essere piuttosto caldo, ma se avete il coraggio di sfidare le alte temperature, potrete godere di una Parigi svuotata dai turisti e dagli abitanti del luogo. L'inverno è freddo e spesso piovoso, ma questo non impedisce ai turisti di godersi la capitale illuminata a festa.

Come muoversi:

È meglio evitare l'auto a Parigi. Vi porterà solo stress, problemi di parcheggio e ingorghi. Con le sue 14 linee di metropolitana, i tram, gli autobus e i RER, Parigi rende ogni angolo accessibile ai pedoni. La RATP offre il pass "Paris Visite", una carta che consente di utilizzare l'intera rete parigina per uno, due, tre, quattro o cinque giorni. Per visitare la città, i tacchi sono fuori discussione. Sulla cartina le distanze possono sembrare notevoli, ma una volta in strada, di fronte alle bellezze sparse qua e là, non si sa mai fino a che punto i piedi possono portarci... Se non siete grandi camminatori, potete anche optare per un Velib'. Anche gli autobus hop-on hop-off e il Batobus sono un ottimo modo per spostarsi a Parigi e scoprire i monumenti.

Cosa mangiare?

Il rischio di morire di fame a Parigi è minimo! Non c'è quasi nessuna strada a Parigi che non abbia un ristorante in vista. Cucina indiana, cucina asiatica, cucina africana, cucina vegetariana, cucina regionale: ce n'è per tutti i gusti! I turisti che non hanno abitudini alimentari esotiche troveranno i loro punti di riferimento: fast food, Doner Kebab e altre gioie grasse. I più audaci potranno avventurarsi in una "brasserie parigina" dove insalate e piatti del giorno sono serviti con un bicchiere di vino rosso e un caffè. Questa atmosfera è al massimo al Bouillon Chartier. Per quanto riguarda la qualità, non è facile dire a colpo d'occhio quale ristorante sia migliore di un altro. Come regola generale, è meglio evitare di mangiare fuori nelle grandi aree turistiche (i prezzi sono molto più alti e la qualità è spesso discutibile). Capitale della Francia e patria della gastronomia, Parigi è una tappa culinaria imperdibile per tutti gli amanti della buona tavola.

Cosa portare con sé?

Vera e propria capitale della moda, con grandi nomi come Chanel, Dior, Gaultier e Hermès, Parigi attira molti turisti che vengono ad acquistare beni di lusso. Lo sfarzo e il glamour delle nuove collezioni si possono ammirare non solo alle sfilate, ma anche nei quartieri chic della città, che diventano essi stessi passerelle urbane. Hédiard e Fauchon, i famosi ristoratori, hanno permesso a chi poteva permetterselo di portare con sé alcuni raffinati souvenir gastronomici. Anche i macaron di Ladurée e Pierre Hermé sono molto apprezzati! Chi ha meno soldi può sempre ripiegare su una palla di neve con l'Arco di Trionfo come decorazione, una Torre Eiffel in miniatura venduta di nascosto, una maglia del PSG o una riproduzione della Monna Lisa.

lightbulb_outline Consigli della redazione

Si dice spesso che i parigini siano sgradevoli, perché li si vede di cattivo umore in metropolitana al mattino, e che i camerieri dei ristoranti "turistici" siano spesso poco professionali. Ma se vi mescolate alla gente nei bar, nei ristoranti e in altri luoghi, vi renderete presto conto che in realtà le persone non sono più sgradevoli che altrove. Infatti, sapevate che più di due terzi degli abitanti di Parigi non sono parigini?

explore Prova i nostri comparatori

Ultime notizie
L'isola di Astypalaia, un'oasi di pace cullata dal Mar Egeo
Tasse di soggiorno 2024: ecco le città italiane più care
Estetica e cultura, ecco le 10 città più trendy d’Italia
Le 10 migliori strade del vino in Europa
Tutte le notizie
Zone turistiche di alto livello
Le Cinque Terre
Le Cinque Terre
La Provenza
La Provenza
Mykonos
Mykonos
Ibiza
Ibiza
Costa Azzurra
Costa Azzurra
Costiera Amalfitana
Costiera Amalfitana