Tartu, in Estonia, diventa Capitale Europea della Cultura 2024

La città estone orientale è stata nominata Capitale europea della cultura 2024, ma oltre all'incredibile programma che ha in serbo, Tartu ha molto da offrire.

Los íconos de Tartu.

- © Arcady / Shutterstock

Tartu, la seconda città più grande dell'Estonia (dopo Tallinn), è stata nominata Capitale Europea della cultura 2024 insieme a Bad Ischl e Bodø. Insieme al sud del Paese, quest'anno Tartu celebrerà attività incentrate sul potere delle arti per migliorare il futuro e la sopravvivenza attraverso il rispetto per l'ambiente, la forza della comunità e le abilità di vita essenziali.

Il programma di questo evento è ricco di proposte. Ci saranno danze pagane, viaggi in autobus attraverso le regioni meridionali, feste gastronomiche, concerti, festival, benessere, e arte. Saranno organizzati più di 350 progetti, che porteranno a più di mille attività.

Estonia

✈️ Prenota il tuo volo per l'Estonia

Prenota il tuo biglietto per l'Estonia
A partire da
45 €
Prenota il tuo volo

Ma al di là di ciò che si svolgerà quest'anno, Tartu è una città con molta storia e luoghi interessanti da vedere e conoscere. Ecco un tour dei suoi luoghi imperdibili, in modo da poter godere di questa Capitale europea della cultura anche dopo il 2024.

Il cuore della storia

Tartu è molto antica. La città fu fondata nel 1224 quando un vescovo, appartenente ai Cavalieri dell'Ordine Teutonico, decise di costruirvi la sua cattedrale, rendendola la più antica enclave urbana del Baltico. Sebbene si sappia che la zona del fiume Emajõgi era abitata già da prima, la sua storia è stata raccontata da allora.

Oggi il centro storico di Tartu presenta edifici classici e neoclassici, con colori pastello e tetti a capanna in mattoni. Da questa parte del mondo, è una delle pochissime città in cui l'influenza sovietica non è visibile nella sua architettura. Un incendio nel 1775 costrinse i residenti a ristrutturare i loro edifici di influenza olandese, ma da allora sono stati solo mantenuti e poco modificati. Di conseguenza, il centro della città estone è un po' una favola, con strade acciottolate e solo poche torri che sporgono dalle alture.

Tartu desde las alturas.

- © Ikars / Shutterstock

Il punto focale è la piazza del Municipio, dove spicca l'edificio comunale. È stato costruito con elementi rococò e barocchi, ma ha una facciata neoclassica molto elegante in rosa pastello e rosso. L'orologio in cima è stato collocato in un secondo momento, come incentivo agli studenti della città a essere puntuali a lezione.

La facciata si affaccia su un'iconica fontana di Tartu con al centro una scultura di due studenti che si baciano sotto un ombrello, il Suudlevad tudengid. Sebbene non sia l'unica scultura della città, è la più rappresentativa, sia per la sua posizione sia perché lo sviluppo di Tartu è in gran parte dovuto alla sua università.

Nella piazza centrale si trova anche la Casa pendente, riconosciuta come l'edificio più inclinato in diagonale d'Europa, superando persino la Torre di Pisa.

© Maya Afzaal / Shutterstock

Una città universitaria

L'emblema di questa città e l'artefice delle dinamiche sociali è l'Università, che si trova a pochi minuti a piedi dal municipio - da qui l'utile orologio.

Fu fondata nel 1632 - quando Tartu faceva parte dei territori svedesi - dal re Gustavo II di Svezia. Si dice che l'epoca della sua fondazione sia stata la più pacifica per questa città, che era oggetto di dispute territoriali perché era un'eccellente stazione commerciale.

La pace è mantenuta a Tartu, che è l'epicentro studentesco del Paese con la più grande università estone, membro del Gruppo di Coimbra e della Rete di Utrecht.

Universidad de Tartu

- © Arcady / Shutterstock

Soggiorno a Tartu

Culture apartment tartu Estonia
Booking.com

Culture apartment tartu

Un appartamento molto bello nel centro storico di Tartu..
A partire da
97 € /notte
Prenota ora

L'edificio principale ha una maestosa facciata in stile classico, bianchissima, con enormi colonne doriche. All'interno dell'edificio si possono visitare alcune stanze e curiosità, come il luogo in cui venivano rinchiusi per settimane gli studenti che si comportavano male, la camera delle mummie con decorazioni di ispirazione egizia e, nel Museo d'Arte dell'Università, anch'esso situato in questo edificio, una collezione di sculture antiche.

L'insieme degli edifici universitari si trova ai piedi della collina di Toomemägi, che fa parte di un magnifico parco. È chiamata anche Collina della Cattedrale, perché qui si trovano le rovine della prima cattedrale, la genesi di Tartu. Tra gli archi e gli imponenti muri di mattoni si trovano la biblioteca, il Museo universitario e l'osservatorio.

La Catedral, donde empezó la historia de Tartu.

- © Popova Tetiana / Shutterstock

IlMuseo dell'Università di Tartu presenta una serie di mostre permanenti e temporanee che coprono diversi temi. La scienza e le sue scoperte sono al centro dell'attenzione, e si possono vedere strumenti per lo studio dell'anatomia, come una vera mano usata per lo studio. Ma ci sono anche altre eccentricità, come la maschera funeraria del grande poeta russo Alexander Pushkin e una collezione di cotolette che gli studenti preparavano per i loro esami.

Informazioni pratiche sui musei

Museo d'arte dell'Università

Orari:

  • Da maggio a settembre: lunedì-sabato 10:00-18:00
  • Da ottobre ad aprile: martedì-sabato 11:00-17:00

👛 Costi:

  • Adulti: 4€
  • Sconto: 3€
  • Biglietto famiglia: 10€

Museo dell'Università di Tartu

Orari di apertura:

  • Da maggio a settembre: martedì-domenica 10:00-18:00
  • Da ottobre ad aprile: mercoledì-domenica 11:00-17:00

👛 Costi:

Da maggio a settembre

  • Adulto: 10 €
  • Sconto: 8€
  • Biglietto famiglia: 25€

Da ottobre ad aprile

  • Adulto: 8€.
  • Sconto: 6€
  • Biglietto famiglia: 21€

Anche il parco sulla collina di Toomemägi merita una passeggiata. È un luogo davvero bello che emerge dalla città, con grandi alberi e sentieri, da cui emergono gli edifici universitari. Qui si trova anche il giardino botanico, gestito dall'università, che si estende per circa tre ettari. Dispone di tre serre con specie provenienti da diversi climi tropicali e subtropicali, e di un roseto con molte specie diverse di rose, tra le altre collezioni.

I musei di Tartu

Oltre ai numerosi musei dell'università, Tartu ne conta diversi altri. Il Museo Nazionale Estone è uno dei più acclamati ed è dedicato all'eredità popolare di Jakob Hurt - teologo, linguista, soprannominato "il re del folklore estone" - all'etnografia e all'arte popolare estone.

È il luogo chiave per comprendere la storia delle generazioni che hanno vissuto e dato vita a questo Paese, la cui storia è complessa e ricca, con influenze russe, svedesi, olandesi e, naturalmente, le proprie tradizioni e idiosincrasie.

Il museo fu fondato nel 1909, ma la struttura originale fu irrimediabilmente danneggiata durante gli attacchi della Seconda Guerra Mondiale. In seguito, per mano dei sovietici, lo spazio destinato al museo fu trasformato in una base segreta per i bombardieri sovietici, lasciando la collezione del museo senza spazio.

Gli oggetti esposti erano sparsi in molti luoghi e per molto tempo fu impossibile ripristinare l'approccio originale: mostrare la storia, la vita e le tradizioni del popolo estone. Solo nel 2004, con la costruzione dell'attuale edificio, la fantastica collezione è stata nuovamente esposta.

El Museo Nacional de Estonia.

- © Anton Kaydalov / Shutterstock

Tatru non si ferma qui. Il quartiere di San Giovanni, che prende il nome da una chiesa del primo gotico che un tempo ospitava circa duemila figure in terracotta, è affascinante e merita una passeggiata. Ci sono molti parchi, come il Parco Pigorov, che prende il nome dal poeta, dove si organizzano botellones durante la stagione scolastica.

Si può anche visitare la Casa Capovolta, un'attrazione molto eccentrica che permette di assumere una certa prospettiva...

di La Redazione
Ultime notizie
Lima
Visita romantica al Parco dell'Amore di Lima
Lille
I nostri 10 hotel preferiti nel centro storico di Lilla
New Orleans
Gastronomia e New Orleans, un affare serio!
Ginevra
Visitare la Victoria Hall
Tutte le notizie
Destinazioni top