Emilia Romagna, ad ogni città le sua specialità: cosa vedere e mangiare in 6 tappe

L’Emilia Romagna, una regione costituita da numerose città d’arte, dalla storia millenaria, dalle tradizioni tramandate di generazione in generazione, così come le ricette locali con le decine di varianti a seconda delle usanze famigliari e del periodo di creazione. Perfetta per i golosi, per i palati sopraffini, ma anche per chi ama una cucina povera, dai sapori primitivi, tutti pronti a partire per un viaggio alla scoperta delle prelibatezze culinarie di una delle regioni più ricche d’Italia.

Vari tipi di pasta fresca

- © ChiccoDodiFC / Shutterstock

Bologna e la pasta all’uovo

Capoluogo dell’Emilia Romagna, sede della più antica Università del mondo occidentale, famosa per le sue torri, i portici Patrimonio dell’Unesco e il centro storico fra i più estesi d’Italia, Bologna non ha bisogno di altre presentazioni. Soprannominata "la grassa", uno dei suoi pilastri culinari è sicuramente la mortadella, insaccato di suino dal colore rosa chiaro, disponibile in tante forme e varietà, la più comune con pepe e pistacchi.

Pasta Fresca Nonna Cesira
📍Indirizzo: Via Saragozza, 83b, 40134 Bologna BO, Italia
⏰orari: 8.30 - 13.45, 16.30 - 19.30

👉Visita il sito

Fondamentale sulle tavole bolognesi è la pasta: esclusivamente fatta in casa, con farina di grano tenero e uova fresche per garantirne la caratteristica doratura, la pasta all’uovo è declinata in tutte le sue forme, o ripiena come i tortellini, i cappelletti e gli anolini, o asciutta come le famose tagliatelle da condire con sugo, tartufo o l’immancabile ragù bolognese, a base di polpa di manzo macinata, soffritta nell’olio evo e sfumata con vino bianco. Ma la regina della pasta all’uovo è la lasagna: grossi rettangoli di pasta, alternati a ragù, besciamella e parmigiano per un piatto da leccarsi i baffi.

Hotel Centrale Bologna

Hotel Centrale

Si trova a meno di 10 minuti a piedi dalla stazione di Bologna Centrale.
A partire da
90 €
Prenota

Reggio Emilia e il Parmigiano Reggiano

Costruita lungo la via Emilia, antica strada romana voluta dal console Marco Emilio Lepido, e riconosciuta ufficialmente come la patria del Tricolore italiano, Reggio Emilia, insieme con Parma, è l’unica città a poter rivendicare l’autenticità del Parmigiano Reggiano, protagonista delle tavole nazionali e internazionali.

Visita gastronomica ad un caseificio

Consorzio Vacche Rosse
📍indirizzo: Via F.lli Rosselli 41/2 – 42123 Reggio Emilia
⏰orari: 9.30 - 11.30
👛Costo: 5€
👉 Per prenotare una visita, chiama il numero 0522 294655 o inviare una email a info@consorziovaccherosse.it

👉 Visita il loro sito ufficiale

Vittima del suo stesso successo, é probabilmente il formaggio più copiato del mondo, quindi, prima di tagliarlo con il tipico coltello a mandorla, bisogna assicurarsi della presenza del marchio DOP, che ne garantisce la qualità. Non dimenticate di completare questa degustazione con un buon bicchiere di Lambrusco Reggiano, un vino rosso dolce, perfetto per accompagnare questo tipo di formaggio a pasta dura.

Hotel Posta Reggio Emilia

Hotel Posta

L'Hotel è situato sulla Via Emilia, nel centro storico di Reggio Emilia
A partire da
104 € /notte
Prenota

Modena e l’aceto balsamico

Antica città universitaria e arcivescovile, sede di una storica e importante Accademia Militare, Modena racchiude un inestimabile patrimonio artistico e culturale, con diversi luoghi d’interesse protetti dall’Unesco, come la Piazza Grande e il Duomo con il suo imponente campanile soprannominato la Ghirlandina.

Strettamente legato a questo territorio e alle sue tradizioni, ambasciatore internazionale della cucina italiana, è l’aceto balsamico di Modena, il versatile condimento che può accompagnare piatti salati come arrosti e insalata, ma anche dolci, come fragole e gelato. Per conoscere i retroscena di questo prodotto che ha reso Modena famosa in tutto il mondo, non resta che visitare le numerose acetaie aperte al pubblico.

Hotel Estense Modena

Hotel Estense

L'Hotel è situato proprio nel centro di Modena, a 15 minuti a piedi dal Duomo
A partire da
164 € /notte
Prenota

Inoltre, se avete voglia di dolce, siete nella città giusta, poiché lì vengono prodotti dei deliziosi pasticcini a base di mandorle, gli Amaretti di Modena. Croccanti e friabili all’esterno, morbidi e fragranti all’interno, ogni pasticcere tramanda una ricetta familiare e secolare, tutte accomunate dalle mandorle, dal miele e dagli albumi rigorosamente montati a neve.

Ferrara e i cappellacci di zucca

Grazie alla nobile famiglia degli Estensi, Ferrara ha sempre rappresentato nei secoli un’ importante centro politico, artistico e culturale, con un modello urbano che ha suscitato l’interesse dell’Unesco, dapprima per il suo centro storico e, in seguito, per le ricche residenze dei duchi d’Este nel Delta del Po, soprannominate le Delizie estensi.

Antichi quanto gli edifici storici, i cappellacci di zucca, o "caplaz", richiamano la forma del cappello di paglia dei contadini e sono una prelibatezza da assaggiare almeno una volta nella vita. Ma Ferrara è nota soprattutto per i suoi prodotti da forno, come la coppia ferrarese, costituita da due panetti di pane intrecciati con orletti e ricami, e la brazadela, ciambella schiacciata e senza buco che si gusta tradizionalmente "pucciandola" in un bicchiere di vino.

Dove mangiare i cappellacci di zucca

Cusina e Butega
📍Indirizzo: Corso Porta Reno, 28, 44121 Ferrara FE, Italia
⏰orario: 12.30 - 14.30, 19.30 - 23

👉Consulta il menù sul loro sito

Forlì-Cesena e la piadina romagnola

La provincia di Forlì-Cesena è uno scrigno di valore inestimabile che racchiude innumerevoli abbazie, basiliche, castelli, rocche e parchi archeologici e culturali, a testimonianza della ricchezza della storia e del passato di questo territorio. Le antiche tradizioni di queste città si ritrovano anche in ambito culinario, con una particolare ricetta risalente alla notte dei tempi: la piadina romagnola.

Le decine di varianti esistenti la vedono spessa e soffice a Cesena e Ravenna, più sottile e più grande nel riminese, mentre a Forlì esiste una variante popolare chiamata "piadina della Madonna del fuoco", preparata per la festa della Santa Patrona della città e dal particolare profumo di anice. La piadina romagnola è farcita tradizionalmente con prosciutto crudo, rucola e squacquerone, un formaggio locale ad elevato tenore di acqua, chiamato così perché si "squaglia" in bocca.

Parma e il prosciutto crudo

Patria natale di Giuseppe Verdi e Arturo Toscanini, e detentrice del titolo "Città Creativa UNESCO per la Gastronomia", la città di Parma non poteva non avere un posto nell’itinerario del gusto di questa regione.

Mercure Parma Stendhal Parma

Mercure Parma Stendhal

Lo Stendal si trova a 400 metri dal duomo di Parma
A partire da
101 € /notte
Prenota

Può essere definita la patria dei salumi, e sicuramente il portabandiera è il prosciutto di Parma DOP, prodotto con la coscia del suino, un po’ di sale e tanto tempo, il tutto suggellato dal venticello delle colline parmensi che ne permette la stagionatura.

Da provare, inoltre, sono la coppa di Parma, il culatello di Zibello e il salame felino, tutti ottimi ingredienti per condire una buona piadina, la star delle estati romagnole.

Bologna

✈️Biglietti aerei per Bologna

Biglietti aerei per Bologna
A partire da
30 €
Prenota
di La Redazione
Ultime notizie
Rio de Janeiro
Raggiungi la cima del Monte Pan di Zucchero
Zurigo
Visita alla chiesa di Grossmünster di Zurigo
Salisburgo
Dove soggiornare a Salisburgo, per una vacanza da sogno
Losanna
Un weekend a Losanna
Tutte le notizie
Destinazioni top