• Connettiti
Marrakech
© Apollon / age fotostock
  • Trova i tuoi :
  • Voli
  • Hotel
  • Volo + Hotel
  • Case vacanza
  • Auto
  • Vacanze
  • Guida di viaggio

Marrakech

Da Paola Kim Simonelli Paola Kim Simonelli Capo rubrica
Quando il sole tramonta a Marrakech, si alzano le fumarole di piazza Jemaa El Fna, la Koutoubia si illumina e la voce di un muezzin rimbomba. Gli abitanti di Marrakech si dirigono verso la famosa piazza mentre i suk multicolori si svuotano progressivamente.Un viaggio che non dimenticherete facilmente.

Guida di viaggio

Capoluogo della regione medio-sud-ovest di Marrakech-Safi, Marrakech è la più importante delle quattro Città Imperiali del Marocco. Fondata nel 1062 da Abu Bakr ibn Umar, un ?importante capo militare; nel XII secolo iniziarono ad essere edificate numerose madrase e moschee di influenza andalusa. Tra il XVII e il XIX secolo la città perse molta della sua importanza commerciale che riacquistò alla fine dell'XIX secolo e che durò fin oltre l'arrivo dei Francesi. A partire dall'indipendenza da questi, Marrakesh si è ingrandita notevolmente: oggi l'area metropolitana conta circa 1 milione di abitanti.
Un avvenimento importante è avvenuto nel 2009; Fatima Zahra Mansour è stata eletta primo sindaco donna di Marrakech e secondo sindaco donna nella storia del Marocco, dopo Asmaa Chaabi, a capo della città di Essaouira.

Da vedere

La città rossa è un turbinio di tradizione e modernità, ragion per cui bisogna visitarla in ogni suo angolo per captare il suo vero essere. Intanto, il centro nevralgico di tutta la città è la piazza principale Jemaa El Fna; qui si sviluppa la città vecchia (medina), custode di tesori epocali come il famoso minareto della moschea Koutoubia, il più antico e completo delle tre torri almohadi ( la Giralda di Siviglia e la Torre di Hassan di Rabat). Procedendo in direzione del minareto, troviamo i fantastici Giardini Menara, iniziato nel XII secolo, il luogo ideale per allontanarsi dal trambusto cittadino. Uno dei giardini più celebri è sicuramente il Giardino Majorelle, un complesso di giardini botanici e paesaggistici progettato dall'artista francese Jacques Majorelle nel 1931.

Altro must to see sono sicuramente i fantastici souk! In questi mercati si fa mostra di arti tradizionali. Chinando la testa sotto un arco vi ritroverete nel souk di Semmarine, probabilmente uno dei più interessanti del Marocco; qui troverete pezzi di artigianato berbero e arabo. Ogni artigiano ha la sua bancarella, in cui vengono esposti assortimenti di candele ornamentali, terracotta, lampade e altro. Ci sono poi i souk specializzati, come quello di Attarine, dedicato ai prodotti in ottone e in rame, si trovano magnifici pezzi in tutte le tonalità. Insomma, un'esperienza da non perdere.

A sud della piazza principale troviamo le Tombe Sadiane un complesso funerario le cui strutture furono fatte costruire dal Sultano Ahmad al-Mans?r, scoperte solo nel 1917, le cui decorazioni sono una delle maggiori attrazioni turistiche di Marrakech. A sud della moschea e delle Tombe Sa'diane si estende la Kasbah: l'antica cittadella reale, costituita da un caratteristico intrico di stradine e di abitazioni private.

E come non visitare l'antico Palazzo Reale, che termina a nord con i resti del Palazzo El Badi, un tempo comprensivo di 360 stanze, un cortile lungo 135 m e largo 110 e una piscina lunga 90 m e larga 20 m, riccamente decorate con marmi italiani e grandi quantità d'oro, importato dall'Africa subsahariana. Dietro il Palazzo, si estende il quartiere ebraico (Mellah) comprensivo del cimitero ebraico, caratterizzato da una distesa di tombe bianche rettangolari, di cui alcune molto antiche.

Da fare

Non immaginate nemmeno quante cose è possibile fare a Marrakech! Oltre alla sua storia millenaria, sono tantissime le attività da fare. Non dimenticate che ad incorniciarla ci sono i Monti Atlas, che con i loro ripidi pendii sono un vero e proprio richiamo all'avventura. Escursione, trekking e....scii! Esatto, il paesaggio montano intorno a Marrakech dà la possibilità di praticare attività sciistiche o snowboard. Con un'altitudine massima di 3200 metri, la stazione sciistica di Oukaïmeden offre tutti i servizi di cui avrai bisogno e in più avrai la possibilità di sciare per un giorno intero e passare infine la serata nel clima più caldo di Marrakech. Ne parliamo anche qui.

I più

  • +  Il piacere di girovagare e contrattare nei suk
  • +  L'aeroporto è vicinissimo alla città
  • +  La ricchezza culturale di questa città imperiale

I meno

  • -  Bisogna contrattare quasi tutto
  • -  Le difficoltà di circolazione
  • -  Il caldo è soffocante in estate
  • -  Il rumore e l'inquinamento

Da evitare

[Dal sito della Farnesina] Manifestazioni possono aver luogo in alcune città del Marocco, generalmente senza particolari problemi di ordine pubblico, salvo alcuni episodi di vandalismo, e di circoscritti scontri tra manifestanti e forze dell'ordine.
E' vietato uscire dal Marocco con Dirham. Alla fine del soggiorno in Marocco si possono convertire in Euro o altra valuta straniera solo i Dirham acquistati in precedenza presentando le relative ricevute.

Da degustare

La cucina marocchina è soggetta a influenze berbere, moresche, mediterranee e arabe. Lo ripetiamo, anche se non serve, che il piatto principale della cucina marocchina è il cuscus, antica prelibatezza di origine berbera. Ma ansiamo avanti...
L'hariri, è una tradizionale zuppa marocchina a base di pomodori, cipolle, zafferano e coriandolo, arricchita con ceci, lenticchie, fagioli ed erbe aromatiche, leggermente piccante. La pastilla è una tortina dolce-salata fatta di sfoglia tipo fillo, farcita con un ripieno a base di carne (in genere pollo o piccione) alternata con strati croccanti di mandorle tostate e tritate, zucchero e cannella, il tutto spolverato in superficie con zucchero a velo e cannella. Altro piatto principale, famoso quanto il cuscus, è il tajine. Il termine fa riferimento al caratteristico recipiente di terracotta a forma di cono in cui viene stufata per ore la carne, preparata in tantissimi modi diversi.

Da portare

Per gli amanti dello shopping, da segnalare (oltre ai souk) il quartiere Gueliz, dove non si contratta sul prezzo! più grandi marchi locali e internazionali si trovano nelle principali arterie della città e nei centri commericiali per vendere ai clienti i loro gioielli, i vestiti e le scarpe. Salta di negozio in negozio per scoprire l'emozione dello shopping.

Clima Marrakech

Gli indici di comfort meteo rappresentano una famiglia di criteri utili per fornire un quadro generale delle condizioni climatiche e meteorologiche di Marrakech . Quest'insieme di indici di comfort meteo vi aiuteranno nell'organizzazione del vostro viaggio a Marrakech . Ad esempio, in base alle previsioni meteo della città potrete scegliere le attività da praticare durante il vostro soggiorno: rilassarsi in spiaggia, passeggiare sul lungomare, visitare monumenti e musei, praticare sport estivi o invernali ... Scoprite nel dettaglio, per ciascuna settimana a Marrakech , l'indice meteo globale: una stima complessiva delle condizioni meteo, calcolata in base ad indici temperatura, pioggia, abbronzatura e vento!

Meteo novembre
Voto globale 60/100
  • Indici temperatura 36% Fresco

    La temperatura massima è compresa tra 16 e 18°C, la temperatura percepita è <30°.

  • Indici precipitazioni 82% Secco / Ideale

    Precipitazioni scarse o inesistenti - precipitazioni cumulate < 1,5 mm/g.

  • Indici abbronzatura 70% Prevalentemente sereno

    Prevalentemente sereno (cielo sereno tra 60% e 80%).

  • Indici vento 78% Brezza tesa

    Velocità del vento compresa tra 9 km/h e 20 km/h.

  • Indici umidità 74% Sopportabile

    Sensazione di malessere relativo a una percentuale di umidità maggiore al 65%.

Marocco : Scopri le città
  • Casablanca Casablanca
  • Rabat Rabat
  • Fez Fez
  • Agadir Agadir
  • Tangeri Tangeri
  • Meknes Meknes
Le regioni Marocco
  • Il centro del Marocco
  • Il Nord del Marocco
  • Il sud del Marocco