• Connettiti
Torino
TORINO/Il Borgo Medievale visto dal Pò
© Birillo81 / 123RF
  • Trova i tuoi :
  • Voli
  • Hotel
  • Volo + Hotel
  • Case vacanza
  • Auto
  • Vacanze
  • Guida di viaggio

Fra Faraoni e Cinema, alla scoperta di Torino

Da Paola Kim Simonelli Paola Kim Simonelli Capo rubrica
Il nome di Torino è da sempre legato alla Fiat. Dal 2006, ovvero da quando si sono svolti i XX° Giochi Olimpici Invernali, il capoluogo piemontese ha cambiato look, proiettandosi nel nuovo millennio con un atteggiamento più spigliato e intrigante. Scopriamo insieme la magica Torino!

Guida di viaggio

L'operazione di restyling di Torino porta il nome di persone famose. Nella zona nord, accanto alla vecchia azienda del gas si è creato un polo universitario per una dimensione internazionale della città, che porta la firma di Norman Foster. Più in là, opera dello svizzero Mario Botta, la ciminiera di un'officina si trasforma nel campanile di una chiesa. Ad ovest, i terreni industriali inutilizzati lungo la vecchia ferrovia sono stati convertiti in un'asse futurista (la Spina Centrale), mentre a sud, il vecchio villaggio olimpico è stato riconvertito poco a poco in quartiere residenziale.

L'ammodernamento della città passa però, per il suo sitema di trasporti. Dopo l'ampliamento e potenziamento delle stazioni ferroviarie di Porta Susa e Porta Nuova, si è proceduti alla costruzione e apertura della metropolitana di ultima generazione, che è fornita di doppie porte antisuicidio, e il controllo delle vetture per via telematica rende superfluo l'autista.

Situata lungo il Po, il fiume più lungo d'Italia, Torino è stata ristrutturata e ricostruita in parte durante il XVII° secolo da diversi artisti, fra cui Filippo Juvarra, che su un modello preesistente di castrum romano, hanno innestato strade, palazzi e portici, in una visione d'insieme degna di una scenografia barocca. Anche qui, grandi lavori di ristrutturazione hanno permesso di restituire la loro bellezza a questi monumenti. Così adesso il capoluogo piemontese si può presentare al meglio al visitatore, soprattutto nel percorso che và da Porta Nuova a Piazza Castello e da quest'ultima a Piazza Vittorio Veneto.

Un altro magnifico esempio di restauro è la Reggia di Venaria Reale, prima residenza di caccia della famiglia Savoia edificata nel XVII° secolo. Utilizzata come caserma dall'epoca napoleonica alla seconda guerra mondiale, la Venaria Reale non conteneva nessun mobile. Dopo che si era pensato di distruggerla negli anni '60, successivamente si è immaginato di convertirla in museo in omaggio ai Savoia. Il progetto di ristrutturazione, finanziato dall'Unione Europea e dalla regione Piemonte, è stato articolato in più fasi: subito si è proceduto al restauro dei giardini sui modelli francese e italiano, poi all'interno, si è passati all'acquisizione dei mobili provenienti da altri musei di Torino e d'Europa, e infine si è creato un percorso di visita che mette in risalto l'architettura e ritraccia la storia del Piemonte dal XVII°secolo all'arrivo di Napoleone.

Oltre ai monumanti barocchi Torino ha altri due assi nella manica: il Museo Egizio e la Mole Antonelliana. Il primo situato al centro della città, è il secondo museo di arte egiziana più grande al mondo dopo quello del Cairo. La secoda, poco distante dal primo, con i suoi 167,5 metri di altezza è uno degli edifici in pietra più grandi d'Europa. Se si sale fino in cima, essa può offrire una vista panoramica a 360° della città. Al suo interno ospita il Museo del Cinema, unico in Italia, con una vastissima collezione di cineprese che hanno resistito ai decenni e un grande assortimento di locandine di film originali. Torino può anche giocare la carta del turismo religioso. Infatti è una delle città magiche d'Europa, e la Cattedrale di San Giovanni Battista ospita la Sindone, il sudario dove Cristo è stato avvolto, quando venne deposto dalla croce.

Se si è un pò stanchi di girare per la città e ci si vuole riposare il Parco del Valentino fa proprio al caso vostro. Questo immenso parco che costeggia il Pò, ospita grandi giardini e fontane musicali. Al suo interno si trova il Castello del Valentino, sede dell'univerità di architettura e delle belle arti. Infatti Torino è una città universitaria, e ospita il politecnico, famoso in tutto il mondo. Sempre all'interno del parco si trova il Borgo Medievale, una ricostruzione di un borgo antico che racchiude in sé tutti gli stili dei castelli e fortezze sparse tra Piemonte e Valle d'Aosta. Di notte, e soprattutto nel weekend, qui si trovano numerose discoteche. D'estate il Cacao è un ottimo posto dove andare a ballare.

Torino con le sue meraviglie nascoste è una città da visitare tutto l'anno. Che cosa aspettate ad andarci?

Da vedere

La Pinacoteca Agnelli realizzata dall'architetto Renzo Piano ospita 25 opere della collezione privata dell'omonima famiglia regalate alla città di Torino.
Per quanto concerne il Museo Egizio, ospita i tesori della civiltà faraonica.
L'ascensore in vetro della Mole Antonelliana, che ospita il divertente Museo del Cinema, vale la visita.
La Reggia di Venaria Reale, soprannominata la piccola Versailles, con il suo giardino di 80 ettari, è l'ideale per una bella passeggiata.
La chiesa di Santo Volto, una delle più grandi d'Europa, si erge sul sito precedentemente occupato da una fabbrica. Conserva le 7 ciminiere industriali originali, una delle quali funge da supporto per il campanile, e utilizza dei materiali come i mattoni, il legno, la pietra rossa di Verona. Il contrasto tra l'esterno e l'interno è stupefacente.

Da fare

Il mercato della Crocetta, aperto dal lunedì al sabato, propone qualsiasi tipo di capo di abbigliamento, sia firmato che no-name.
Molto pittoresco, il mercato di Porta Palazzo con i suoi 900 venditori offre una grande varietà di prodotti. Dopo la seconda guerra mondiale, tanti italiani del sud ci vennero a lavorare, il che spiega l'importante varietà sociale. Sarebbe dotato dell'"anima torinese dell'Italia del sud".
La Spina Centrale, antico quartiere industriale, divenuto un asse di comunicazione collegato al centro storico e al Lingotto. E' stato concepito da uno studio di Milano. Accanto al Lingotto, l'Arco Olimpico di 65 metri di altezza disegna una bella prospettiva.
Avviso a chi va matto per le scarpe, Torino dispone di innumerevoli negozi, e anche se non sono più economici che in Europa, è un piacere passeggiare lungo Via Garibaldi.

I più

  • +  La cucina saporita composta essenzialmente da prodotti locali
  • +  La ricerca estetica nel design

I meno

  • -  I Torinesi a volte un po' formali

Da pensare

I pass cioccolato o caffè possono risultare interessanti per un itinerario sulle vie del gusto, un'occasione per scoprire i caffè storici della città, dagli arredi sovente teatrali. Un carnet di 10 pass vale 24 ore (10 euro) oppure 48 ore (15 euro) e fornisce l'accesso a diverse persone.
A maggio ogni anno si svolge il Salone Internazionale del Libro alLingotto Fiere, in via Nizza 280.
Sempre al Lingotto Fiere, in via Nizza 280, a ottobre si svolge il Salone del Gusto in collaborazione con Terramadre, rete internazionale per la salvaguardia dei prodotti tipici locali.
Per quanto concerne gli appassionati dello sci, qui troveranno delle stazioni sciistiche a 2 ore di strada, in particolare nella Valle di Susa.

Da evitare

I Torinesi sono orgogliosi della loro città, pertanto risultano essere le migliori guide di Augusta Taurinorum. Infatti basterà fermarne uno per chiedere indicazioni, che vi dirà subito cosa vedere e dove andare!

Da degustare

Chi ama la gastronomia sarà senza dubbio entusiasta di Torino per la vasta scelta di prodotti di qualità. A cominciare dal gianduia. Creato nel 1870 per far fronte alla scarsità di cacao, è una vera delizia di cioccolato e nocciola. Accanto ai cioccolatai tradizionali, nuovi creatori propongono dei melange davvero sorprendenti, frutti di un'intensa ricerca scientifica.
Il biccerin, un liquore a base di cioccolato, latte e caffè, è assolutamente da provare. Tuttavia, vi consigliamo di consumare, prima, un pasto tradizionale...
L'aperitivo, vero e proprio rito a Torino, si ripete due volte al giorno. Prima del pranzo e della cena, giovani e meno giovani si ritrovano intorno a un bbuffet composto da grissini, salame affettato, olive e formaggi, accompagnati solitamente da un vermut (bevanda creata nel 1786 all'angolo di via Viotti e piazza Castello).
In piazza Castello, come al Quadrilatero (zona fra via Garibaldi e Porta Palazzo, è possibile recarsi ai celeberrimi ristorantini per fare un'apericena, misto fra aperitivo e cena, dove, dalle 19, pagando un cocktail fra i 5 e i 10 euro si può mangiare a volontà le pietanze servite. Vi consigliamo di andare al Lobelix, in piazza Savoia.

Da portare

Una miniera di idee per i golosi: Eataly. Questo supermercato propone una grande varietà di prodotti del territorio italiano. Dalla classica pasta ai sughi più creativi, alle spezie, al cioccolato, alle salse, la scelta è ampia. Vi consigliamo soprattutto di portare con voi una borsa capiente per acquistare tutto ciò che desiderate. Da non perdere: i gianduiotti, cioccolatini con nocciole tipicamente torinesi.
I patiti dell'automobile potranno inoltre acquistare, presso il museo Carlo Biscaretti, una miniatura da collezione proveniente dalla capitale del design automobilistico.
Borse, gioielli, accessori, la moda piace ai Torinesi, sia alle donne che agli uomini, e le strade del centro pullulano di grandi negozi e piccole botteghe, in particolare via Roma, che connette Porta Nuova a Piazza Castello e via Garibaldi, che da Piazza Castello porta a piazza Statuto.

Clima Torino

Gli indici di comfort meteo rappresentano una famiglia di criteri utili per fornire un quadro generale delle condizioni climatiche e meteorologiche di Torino . Quest'insieme di indici di comfort meteo vi aiuteranno nell'organizzazione del vostro viaggio a Torino . Ad esempio, in base alle previsioni meteo della città potrete scegliere le attività da praticare durante il vostro soggiorno: rilassarsi in spiaggia, passeggiare sul lungomare, visitare monumenti e musei, praticare sport estivi o invernali ... Scoprite nel dettaglio, per ciascuna settimana a Torino , l'indice meteo globale: una stima complessiva delle condizioni meteo, calcolata in base ad indici temperatura, pioggia, abbronzatura e vento!

Meteo Marzo
Voto globale 32/100
  • Indici temperatura 0% Freddo

    La temperatura massima non supera i 16°C, la temperatura percepita è <30°.

  • Indici precipitazioni 44% Rovesci

    Media compresa tra 2,5 e 3,5 mm al giorno.

  • Indici abbronzatura 44% Schiarite

    Cielo parzialmente nuvoloso con schiarite (copertura nuvolosa compresa tra 40% e 60%).

  • Indici vento 80% Brezza leggera / Ideale

    Comfort ottimale: velocità del vento ottimale (< 9 km/h), temperatura ambiente 24°.

  • Indici umidità 72% Sopportabile

    Sensazione di malessere relativo a una percentuale di umidità maggiore al 65%.

Italia : Scopri le città
  • Roma Roma
  • Venezia Venezia
  • Milano Milano
  • Verona Verona
  • Napoli Napoli
  • Bologna Bologna
Le regioni Italia
  • Sardegna
  • Sicilia
  • Campania
  • Calabria
  • Abruzzo
  • Lombardia
  • Basilicata
  • Emilia-Romagna
  • Molise
  • Marche
  • Umbria
  • Friuli Venezia Giulia
  • Liguria
  • Toscana
  • Lazio
  • Piemonte
  • Trentino Alto Adige
  • Puglia
  • Veneto
  • Valle d'Aosta