© SANCHAI LOONGROONG / 123RF
  • Voli
  • Hotel
  • Volo + Hotel
  • Auto
  • Vacanze
Voli Roma Kyoto

Non esistono voli diretti da Roma a Kyoto - essendo la città giapponese sprovvista di aeroporto: dovrai perciò raggiungere la tua meta utilizzando percorsi alternativi. Una soluzione è quella di prenotare un volo Roma-Tokyo, e da lì giungere a Kyoto tramite aereo, treno o bus. I voli Roma-Tokyo, abbastanza frequenti, partono tutti dall'aeroporto di Roma-Fiumicino ed atterrano quasi sempre in quello di Tokyo-Narita (raramente a Tokyo-Haneda). Ne esistono alcuni diretti, senza scali intermedi, che impiegano circa 19 ore. Per gli altri, che fanno scalo a Milano, Francoforte o Zurigo (a Londra, New York, Chicago o Dallas, se serviti da American Airlines) e spesso effettuano il cambio di aeromobile, dovrai mettere in conto di viaggiare per un giorno intero o quasi (dalle 22 alle 24 ore); in compenso, però, potrai fare qualche passo per sgranchirti le gambe. Una volta a Tokyo, potrai poi scegliere di prendere un altro volo per Osaka o Kansai, e da qui salire a bordo di uno dei treni che ti condurranno alla modernissima stazione di Kyoto. In alternativa, puoi prendere il treno o il bus già a Tokyo.

Voli economici sulla tratta Roma - Kyoto 

Per viaggiare spendendo poco tra Roma e Kyoto  Easyviaggio mette a tua disposizione l’andamento delle tariffe per i voli sulla tratta Roma - Kyoto . Questi dati ti permetteranno di analizzare la tratta tra Roma - Kyoto trovando la tariffa più bassa rispetto alla data di partenza prevista.

I motivi per partire Kyoto 1 I Giardini Zen

Kyoto è nota in tutto il Mondo per i suoi Giardini Zen, chiamati così perché, secondo un'interpretazione storica, nascono all'esterno dei templi Zen per offrire ai monaci uno spazio rilassante in cui meditare. Si tratta di giardini "secchi" (kare sansui Giapponese), dove l'elemento vegetale e quello idrico che costituiscono i giardini "classici" sono rappresentati rispettivamente da rocce più o meno grandi e da ghiaia, a cui viene aggiunto in alcuni casi uno sfondo di muschio per dare un effetto prospettico. Il più famoso è quello del tempio di Royan - ji, non grande (300 mq), ma realizzato con 15 pietre dalle forme molto particolari che, spostate periodicamente sulla ghiaia, rendono l'idea ora di nuvole nel cielo, ora di isole nell'Oceano.

2 templi della spiritualità buddhista e shintoista

Da vedere, oltre il tempio Royan - ji, celebre soprattutto per il suo giardino, ci sono poi i templi: Chion-in e Shoren-in, immersi nel parco di Maruyama, nella zona di Higashiyama sud; e Kinkaku-ji, ovvero il magnificente "Padiglione d'oro", nell'area nord-ovest;

3 La natura

Rimanendo nella zona nord, salendo sulle alture che circondano la città, è d'obbligo una tappa al bosco Arashiyama, immensa foresta di alberi di bambù, alti fino a 30 metri, che ondeggiano "suonando" dolcemente quando vengono sfiorati dal vento.

4 Il Palazzo Imperiale

Il Palazzo Imperiale è un sontuoso edificio monumentale risalente al VII secolo d.C., ma ricostruito da ultimo nel 1855, dopo essere stato più volte bruciato e distrutto durante le varie guerre civili. Sorge all'interno del bellissimo parco Kyoto Gyoen, e racchiude al suo interno diversi stili architettonici.

5 La stazione ferroviaria

Infine, la stazione, luogo di arrivo e partenza, merita che le dedichi un po' del tuo tempo. Progettata dall'architetto Hiroshi Hara, è costruita in acciaio e vetro e ha una linea decisamente moderna. Sali con la scala mobile fino all'undicesimo piano ed ammira la veduta dal suo enorme giardino panoramico!

Formalità e visti Giappone

All'aeroporto di Tokyo, gli adempimenti doganali e le operazioni di sbarco - ed eventuale reimbarco, se decidi di prendere l'aereo per Osaka / Kansai - saranno molto celeri. Arrivato a destinazione, potrai avvertire qualche minimo fastidio da jet-lag, dato il fuso orario di + 7 ore, e un po' di stanchezza per la diuturnità del viaggio. Ma dopo qualche ora di ristoro, sarai pronto per immergerti nella magia orientale di questa splendida città. Kyoto è infatti una delle poche città giapponesi ad aver conservato un consistente patrimonio storico - sopravvissuto a eventi bellici e naturali - tanto da essere inserita fra i luoghi "patrimonio dell'umanità" dall'UNESCO. Non è il caso, perciò, di perdere nessuna delle sue bellezze!