• Easyviaggio, offerte viaggi
    • Voli
    • Hotel
    • Vacanze
    • Campeggio
    • Per saperne di Più
      • Destinazioni
      • Idee di viaggio
      • Itinerari di viaggio
      • Autonoleggio
      • Community
      • ComparatoreGreen

Tabarka: la Tunisia preferita per i viaggi dei sub

  • Chiedete a un esperto di immersioni o a un giocatore di golf che conoscete se ha già sentito parlare di Tabarka. E preparatevi ad ascoltarlo per ore ed ore... Tabarka è la Tunisia sconosciuta, con un percorso di golf tra mare e pineta, un campo a 18 buche tecnico e pittoresco, che farà la gioia degli appassionati (ad eccezione di coloro che non sono ancora esperti, in quanto non si tratta di un percorso ...
    © Jarozde / 123RF
Paola Kim Simonelli
Paola Kim Simonelli Esperto della destinazione Tunisia

Chiedete a un esperto di immersioni o a un giocatore di golf che conoscete se ha già sentito parlare di Tabarka. E preparatevi ad ascoltarlo per ore ed ore... Tabarka è la Tunisia sconosciuta, con un percorso di golf tra mare e pineta, un campo a 18 buche tecnico e pittoresco, che farà la gioia degli appassionati (ad eccezione di coloro che non sono ancora esperti, in quanto non si tratta di un percorso per principianti). Tabarka è anche un luogo privilegiato per le immersioni, alla pari di Malta o la Corsica: fondali visibili fino a 15 metri, coralli rossi e neri, gorgonie, numerosi pesci e crostacei mediterranei (cernie, orate, aragoste, gamberi). Ci sono una ventina di siti di immersione al largo di Tabarka, lungo la costa di Coralli così come in prossimità dell'arcipelago della Galite. Alcuni sono accessibili ai principianti, altri riservano incredibili sorprese, come lo scoglio con le cernie addomesticate (che vengono a mangiare le sardine portate loro dai subacquei), oppure sensazioni forti, come il relitto dell'Antico Porto.
Se non siete né un subacqueo né un giocatore di golf, potrete comunque trascorrere vacanze piacevoli a Tabarka: soprattutto se apprezzate i paesaggi come quelli di Grecia o Baleari. La natura, verdeggiante (foreste di pini, querce da sughero, eucalipto), fiorita (allori rosa, buganvillee), impregnata dell'essenza di timo, di salvia e di menta, è molto diversa in Kroumirie rispetto al resto della Tunisia. Un ottimo motivo per scoprire il posto (se non si conosce ancora la regione di Tabarka), e tra un'escursione e l'altra, il Forte genovese, le Aiguille (formazione rocciosa ai piedi di Tabarka, all'estremità del circo omonimo), le colline scoscese di Aïn Draham, il sito antico di Bulla Regia. In questo ultimo sito sono da vedere le abitazioni romane parzialmente interrate, e in particolare la Venere della casa della Caccia (ricordatevi di portare un po' d'acqua per versarla sui mosaico e scoprire i colori originali, vivaci e contrastate). Scoprite inoltre i numerosi sentieri di escursioni, in tutto 550 km adeguatamente frecciati. Da scoprire a piedi, a cavallo o in mountain bike.

Tabarka : cosa fare ?

Da marzo a novembre, potete praticare immersioni (evitando i giorni ventosi di fine agosto e settembre). Tabarka dispone di 6 centri per le immersioni. Partenze dal porto della città, siti accessibili per i principianti (a meno di 10 metri). Tutto l'anno (salvo il periodo più caldo di luglio e agosto), provate il percorso da golf di Tabarka (accessibile ai possessori della Tessera Verde), e esercitatevi a praticare il Tabarka Beach. Fate una passeggiate in quad (inquinamento acustico e inquinamento dell'aria ma piacevole...), una mini-crociera, una passeggiata a cavallo o in mountain bike sui sentieri della Kroumirie.

L'interno del forte di Tabarka (costruito dai Genovesi nel XV secolo) non può essere visitato, ma il panorama dalla sommità del promontorio vale ampiamente i 15 minuti di salita a partire dall'insenatura delle Aiguilles. Il tragitto può essere realizzato anche in auto. In alto, prendere a destra il piccolo sentiero che si apre nella vegetazione: vista panoramica sul Forte dopo 150 metri, quindi sulla baia di Tabarka, una volta passata la scarpata rocciosa. Da visitare preferibilmente la mattina (verso le 9:00) o al tramonto. Acqua trasparente, costa visibile fino all'estremità della zona turistica, così come la città costruita sul retro del porto e le colline.

Tabarka : cosa visitare ?

Promemoria

Potrete cambiare i soldi in hotel (nessuna commissione), ritirarli al bancomat (all'aeroporto o nella città)..non gettate le vostre ricevute! Alla partenza, per scambiare i dinari che vi sono rimasti (obbligatorio, in quanto la moneta tunisina non può essere esportata), dovrete presentare come minimo uno scontrino di cambio o di prelievo. Vi è rimasta una sola banconota da 20 dinari? Prendete qualcosa da bere al bar della sala d'imbarco (circa 2 dinari): il resto vi sarà dato in euro!

Da evitare

L'aeroporto di Tabarka dispone, per il momento, di un solo negozio nella zona di registrazione (dove si può pagare in dinari): vi è possibile trovare qualche oggetto di porcellana (fabbricato a Nabeul), dei cammelli di peluche, bustine di spezie e di erbe aromatiche, qualche bottiglia di olio di oliva e delle cartoline. Dopo i controlli della polizia, occorre pagare in euro presso il negozio di duty free (interessante esclusivamente per il tabacco, gli alcolici e i profumi sono cari come altrove).

Tabarka : cosa mangiare?

Aragoste, cicale di mare, gamberi, pescati al largo delle coste di Tabarka e dell'arcipelago della Galite. Cernie, triglie, tonni, orate, cefali, che vivono in abbondanza in questa parte del Mediterraneo (detta costa dei Coralli). Per quanto concerne le ricette, alcuni antipasti, presentati sotto forma di tapas (gamberi e calamari alla griglia), evocano l'arte culinaria Italiana (occupazione genovese dal XV al XVII secolo), mentre il pesce, accompagnato da patate al vapore, è più in tono con la cucina della Navarre, una regione francese (presenza dalla fine del XIX secolo all'inizio del XX secolo). Tè alla menta, ai pinoli, caffè tunisino da bere al caffè di Francia (detto caffè degli Andalusi), il più noto a Tabarka, sul viale Habib-Bourguiba.

Tabarka : che cosa comprare ?

Il corallo rosso proviene dalle formazioni che si trovano al largo della costa di Tabarka e dell'arcipelago della Galite. L'uso a scopo decorativo e commerciale (gioielli, braccialetti, orecchini), riduce di anno in anno i gruppi corallini naturali, quindi limitatevi a 1 o 2 acquisti (braccialetti, ciondoli). Le cicogne sono solite fare i nidi nei dintorni di Tabarka. Li potrete acquistare come souvenir divertente, una statuina posizionata dentro un pezzo di quercia da sughero, uno degli alberi che popolano la foresta della Kroumirie (l'entroterra di Tabarka, la città situata sulla costa dei Coralli). Prezzi da discutere nei negozi e sul mercato artigianale del viale delle Aiguilles (di fronte al Forte genovese).

Hotel Tabarka Hotel recensiti
  • 7.75 /10
    Valutato da Easyviaggio
    SentidoTabarka Beach Resort
    Tabarka - Tunisia
    Hotel Hotel 5 Etoile(s)

    Un bell'hotel, dalle camere comode, con un centro di talassoterapia ...

  • 7.6 /10
    Valutato da Easyviaggio
    Dar Ismail
    Tabarka - Tunisia
    Hotel Hotel 4 Etoile(s)

    Ben posizionato sulla parte di costa sabbiosa, all'inizio della ...

  • 7.2 /10
    Valutato da Easyviaggio
    Abou Nawas Montazah
    Tabarka - Tunisia
    Hotel Hotel 3 Etoile(s)

    Un hotel da prendere in considerazione per la sua posizione centrale ...

  • 7.1 /10
    Valutato da Easyviaggio
    Yadis Morjane
    Tabarka - Tunisia
    Hotel Hotel 3 Etoile(s)

    Un hotel semplice, ben situato lungo le dune naturali della costa ...

Altrove nel mondo
Tunisia : Motore di ricerca Vacanze
  • Vacanze
  • Voli
  • Hotel
  • Volo + Hotel
  • Auto