• Suriname
    © iStockphoto.com / Kjorgen
  • Suriname
    © iStockphoto.com / Atosan
1      
  • Trova i tuoi :
  • Voli
  • Hotel
  • Volo + Hotel
  • Case vacanza
  • Auto
  • Vacanze
  • Guida di viaggio

Suriname

Da Paola Kim Simonelli Paola Kim Simonelli Capo rubrica
Il più piccolo paese dell'America del Sud, il Suriname è incastonato tra la Guyana, la Guyana francese e il Brasile. A nord la costa del paese con la capitale Paramaribo si affaccia sull'Oceano Atlantico. Indipendente dal 1975, nell'antica Guyana olandese lingua ufficiale è rimasto l'olandese. Scoprire il Suriname significa incontrare i discendenti degli amerindi, degli africani, degli indù e degli europei insediatisi su questo territorio, divenuto nel corso del tempo un esempio di sincretismo culturale. Riguardo alla natura, le tartarughe offrono lo spettacolo famosissimo che vede realizzarsi la loro vita. Molto più a sud le fitte foreste tropicali invadono il paese.

Guida di viaggio

La capitale Paramaribo è il centro politico, economico e culturale della nazione e ospita numerosi capolavori architettonici ad opera dei colonizzatori francesi e olandesi. La particolarità della città sta nel fatto che il principale materiale utilizzato per costruire le case è il legno ; questo è stato notato dall'UNESCO, che ha decretato il centro storico della città patrimonio dell'umanità. In città le cose da vedere non mancano ; tappa obbligata è il palazzo presidenziale, assieme al museo Surina, alla Piazza dell'indipendenza e ai parchi Cultuurtuin e Palmentuin. Altre tappe obbligatorie sono i templi indù ; le moschee e le sinagoghe, che assieme alla Cattedrale du Paramaribo sono la testimonianza concreta della convivenza e dell'integrazione di più religioni in un'unica realtà. A sud di Paramaribo, il lago Professor Van Blommesteinmmer è il luogo ideale per una fantastica escursione in giornata. Una volta giunti sulle sponde, è possibile noleggiare delle canoe per recarsi all'isola di Tukunari, situata al centro del lago. I parchi naturali assolutamente da non perdere sono il Parco Naturale di Palmentuin e di Browsberg.

I consigli della redazione

Per entrare nel paese è necessario un visto, assieme ad un passaporto in corso di validità. La richiesta del visto puo' essere fatta presso l'ambasciata belga del Suriname, competente anche per l'Italia. Per raggiungere lo stato si possono fare diversi scali ; il viaggio più semplice prevede uno scalo ad Amsterdam per poi prendere un diretto per Paramaribo, ma se cercate prezzi più convenienti consigliamo il volo Parigi-Caienna ; una volta giunti nella città della Guyana francese potrete raggiungere la capitale del Suriname via terra.
Per quanto riguarda i trasporti nello stato, c'è davvero l'imbarazzo della scelta ! Gli autobus servono i tratti costieri , passano frequentemente e hanno prezzi ragionevoli ; se invece volete prendere un taxi tenete a mente che il prezzo sarà più caro. Dalla capitale partono dei piccoli aerei di linea con i quali è possibile raggiungere gli angoli più remoti del paese, come le riserve naturali. Alcune zone sono talmente remote che l'unico modo di raggiungerle è via fiume ; in compenso i prezzi dei battelli sono molto economici e l'esperienza è molto bella. Anche nolleggiare un'auto è possibile, se avete una patente internazionale. Si guida a sinistra.
Il periodo migliore per partire è tra febbraio e aprile e tra metà agosto e inizio dicembre, a causa del clima. Durante il mese di marzo e fino a luglio potrete assistere all'arrivo delle tartarughe, che nidificano sulle coste all'interno delle riserve di Wia Wia e di Galibi.
Attrezzatevi in modo adeguato contro le zanzare: spray, creme, zanzariere e indumenti lunghi e leggeri. Questi piccoli insetti vi renderanno la vita difficile!
In quanto a vaccini, si consiglia di vaccinarsi contro epatite A, tifo, polio, difterite e tetano. Si corre il rischio tutto l'anno e soprattutto nelle zone interne e nelle zone meridionali di contrarre la malaria. Prendete le dovute precauzioni, lavate sempre frutta e verdura prima di mangiarle e bevete acqua in bottiglia o precedentemente bollita.

I più

  • +Il Suriname mescola i generi culturali: gli immigrati dell'India, del Pakistan, della Cina, gli antichi schiavi dell'Africa e gli amerindi conferiscono al piccolo paese un'atmosfera misteriosa e attraente.
  • +Le riserve naturali della costa e il Parco Nazionale di Brownsberg portano il viaggiatore nel cuore della vita selvaggia.

I meno

  • -Il clima caldo e molto umido può rendere il viaggio molto faticoso.
  • -I voli last minute per Paramaribo sono aumentati negli ultimi anni. Evitate certi quartieri.

Gastronomia

La cucina del Suriname è tanto ricca e variegata quanto il mix etnico del paese. Il riso è l'elemento base, assieme a manioca, patate dolci e platani. Il pane più utilizzato è il roti, un pane piatto indiano.Altre specialità locali (più o meno importate da altre culture) sono il nasi goreng, il Bakmi e il Pom ; quest'ultimo, una specie di tortino salato al forno, è il piatto tipico dei giorni di festa. Il moksie alesie è un riso mescolato con carne, pollo, fagioli bianchi, pomodori e peperoncino. Il petjil è un piatto di verdure marinate con salsa di arachidi. Per insaporire i cibi si usano i peperoncini locali, i Madame Jeanette, particolarmente piccanti. Il pesce più usato nei piatti surinamesi è lo stoccafisso, che troverete in molte specialità o come accompagnamento al riso. Con lo stoccafisso si cucina inoltre il Broodje bakkelijauw, il panino al baccalà, grande specialità creola molto amata in Suriname. Tra i numerosi frutti tropicali, assaggiate la noce di palma o l'arancia awarra.
Se desiderate fare uno snack o un pranzo caratteristico andate da un warung, un chiosco locale dove servono piatti tipici del posto deliziosi e coloratissimi cocktail.

Souvenirs e artigianato

Nel Suriname si trovano tessuti colorati dell'India e sculture africane in legno. L'artigianato di origine amerindia e maroon presenta interessanti gioielli in oro e in argento. La fabbricazione dei gioielli e la lavorazione dei metalli preziosi sono due tradizioni tipiche del posto. L'artigianato locale regala sculture in legno, pittura e vasellamedi altissima quantità e a prezzi ridotti. I negozi sono aperti dalle ore 9:00 alle ore 16:30 dal lunedì al venerdì e dalle ore 9:00 alle ore 13:00 il sabato.