• Connettiti

Viaggio in Birmania, Paese dai tetti d'oro

Chi arriverà in Birmania finirà probabilmente per essere spiazzato dal curioso mélange di tetti d'oro, canoa che navigano l'Irrawaddy, villaggi lacustri, millenari templi e pagode incantevoli. La Birmania ospita anche spiagge paradisiache che si sviluppano alle pendici dell'Himalaya, i templi di Bagan sul lago Inle, Yangon e la sua pagoda Shwedagon, oltre ai monasteri di Mandalay. In breve, uno dei Paesi più belli del mondo.
  • Myanmar
    © iStockphoto.com / Uschools
Paola Kim Simonelli
Paola Kim Simonelli Esperto della destinazione Myanmar

Un viaggio in Birmania non finirà mai di stupirvi. Destinazione in piena espansione chiamata ufficialmente Myanmar, il Paese delle pagode e dei tetti d'oro cultiva le sue ancestrali tradizioni sotto l'ispirazione delle due grandi civiltà a lei vicine: quella indiana e quella cinese. Il viaggiatore scoprirà lentamente paesaggi molto vari, che possono andare da una crociera sul maestoso fiume Irrawaddy , alla scoperta dei territori interni con dei voli locali, dato che, per lo più, le strade sono impraticabili. Se tutto il territorio non è accessibile, in quanto la parte orientale e il triangolo d'oro (zona di produzione dell'oppio) sono da evitare, la parte che si aprirà ai turisti offrirà sufficienti meraviglie per sbalordire e soddisfare i viaggiatori.

Dal meraviglioso sito di Bagan, con i suoi 2000 templi, che si perdono quasi a vista d'occhio, al misterioso lago Inle, passando poi per Mandalay e per i suoi numerosi monasteri e pagode, senza dimenticare la capitale Yangon e le spiagge della regione del Ngapali, a sud del golfo del Bengala. Insomma, la Birmania concentra dentro di sé tutti gli splendori dell'Asia.

Uno spaesamento totale attende il viaggiatore giunto in Birmania, Paese dello smalto e del prezioso legno di teak, all'incontro dei monaci buddisti, dei monasteri,delle statue di Buddha sdraiate o, curiosamente, anche quella più grande del mondo. Dalla giungla alle città coloniali che conservano l'antica eredità britannico, rimarrete conquistati da questo Paese e dalla popolazione così calorosa. Un viaggio nei templi vi attende, in questa terra in cui la carro trainato dai buoi rimane ancora un mezzo di trasporto per le famiglie, e dove gli spostamenti si fanno sugli aerei per sopperire a delle strade che siano veramente praticabili!

Per poter vedere tutte le meraviglie della Birmania, il consiglio è quello di utilizzare almeno 10 giorni di tempo per scoprirle al meglio. Dotata di una superficie più grande della Francia e di una rete stradale quasi inesistente, la Birmania non è un Paese facile da visitare. Per questo motive, le agenzie di viaggio si sono accordate e propongono delle offerte da minimo 11 giorni, con numerosi spostamenti in aerei. L'offerta è abbondante, ma i prezzi sono alti.

Apertasi lentamente verso il turismo, la Birmania permette ai visitatori di scoprire una parte di Asia assai meglio conservata rispetto a quella dei vicini. Oltre alle mete imprescindibili del Paese, come Bagan, il lago Inle, Mandalay e Yangon, il Paese asiatico ospita anche delle vere e proprie perle turistiche meno conosciute. Tra le curiosità naturali, segnaliamo il monte Popa, un antico vulcano di 1500 metri di altezza che rappresenta un importante luogo di pellegrinaggio per tutti coloro che vogliono onorare i nat, gli spiriti o geni del bene e del male.

C'è poi la roccia Kyaikto, soprannominata la "roccia d'oro", il misterioso sito archeologico di Mrauk-Oo, capitale dell'antico regno di Arakan, o ancora le antiche rovine delle città-stato Pyu. Nei dintorni di Mandalay, le visite del ponte U Bein, di Mingun e di Sagaing non possono mancare. Quanto alla Birmania balneare, se Ngapali è la principale località di promozione turistica, l'arcipelago di Mergui, oggi ancora totalmente vergine, potrebbe nei prossimi anni ripercorrere la strada delle Maldive.

Myanmar : le cifre chiave

Superficie : 676578.0 km2

Numero di abitanti : 4834000 abitanti

Fuso orario : +5:30 ore rispetto all'Italia.

  • Il paese possiede delle vere e proprie meraviglie architettoniche, un'atmosfera mistica e paesaggi vergini.
  • La cordialità della popolazione è leggendaria.
  • Il regime politico è totalitario. Il paese è tristemente noto per le violazioni in materia di diritti umani e per la pratica dei lavori forzati.
  • Non c'è accesso aereo diretto.

Myanmar  : cosa visitare ?

Le rive

La fauna e la flora

Le arti e la cultura

Myanmar : quali souvenir comprare ?

Il sotto suolo birmano è molto ricco di pietre preziosi: dalle miniere del Paese si estraggono, infatti, rubini, zaffiri, diamanti, giade ed opali. Pensate che da sola la Birmania esporta addirittura metà delle pietre preziose del mondo! Nelle gioiellerie locali troverete a prezzi accessibili dei souvenirs preziosi molto belli. Attenzione, però, alle pietre false!

L'artigianato birmano è vario e produce oggetti meravigliosi: scodelle e servizio da té in smalto, ombrelli, marionette più o meno antiche, bronzi di buddha o di musicisti, scatole in argento, vasi o ancora bicchieri. È vietato portare fuori dal Paese antichità e oggetti religiosi del passato. In ogni caso, non partite senza qualche cheerot (i sigari birmani) fabbricato a mano. Potete anche acquistare un sarong (in versione thailandese), il lungo vestito in cotone che portano indifferentemente uomini e donne. Per i più golosi, infine, come scordare le caramelle al tamarindo?

Myanmar : cosa mangiare ?

La cucina birmana non possiede di certo la reputazione gastronomica della sua vicina Thailandia! Essa è relativamente semplice e basata essenzialmente su riso e curry . Un alimento essenziale dell'alimentazione locale è rappresentato dal pesce, solitamente accompagnato dall'onnipresente riso o da altre verdure. Il piatto nazionale birmano è il mohinga, una zuppa composta da pasta di pesce gatto, vermicelli di riso, coriandolo e cipolle. Numerosi sono anche i piatti composti da gamberetti e frutti di mare.

I condimenti principali dei piatti birmani sono costituiti dal curry, dalla noce di cocco, dall'aglio e dal peperoncino. La maggior parte delle zuppe locali sono composte da verdure. Mangiando sulle tavole birmane, troverete sempre il balachaung, un condimento a base di gamberetti pestati e aglio.

L'insalata più tipica è il lahpet , costituito da foglie di té pressate e mischiate ad arachidi, aglio e pomodoro. Quanto ai dolci della Birmania, si mangia soprattutto frutta (anguria, melone verde, ananas, banana, papaia), anche se a volte è possibile trovare delle torte di semolo all'aroma di noce di cocco o dei dolci alle banane. A colazione, i succhi di di anguria, papaia, ananas e melone verde sono eccellenti! Per quanto riguarda le bevande, c'è la Myanmar, una birra locale, e, sorprendentemente, anche una qualità vino, prodotto da alcuni vigneti che si trovano nei pressi del lago Inle.

Myanmar : quali sono le tradizioni culturali ?

Le tradizioni birmane sono legate al buddismo, che rimane la base centrale e punto fondante di tutta la cultura locale. Pertanto, non si può parlare di arte birmana senza evocare questa religione, dato che essa caratterizza il Paese sotto ogni aspetto. L'arte birmana si concentra soprattutto intorno ai luoghi di culto buddista: templi, monasteri, pagode, statue di Buddha, stupa. La sua forma più espressiva è data dallo spettacolo delle marionette, anche se questa tradizione è sempre più trascurata dai Birmani.

La musica e la danza sono da sempre considerate le arti più "nobili" perché anche le più spirituali, riuscendo a creare un perfetto equilibrio tra anima e corpo. Molto influenzate dall'India, dalla Cambogia e dall'Indonesia, la danza e la musica birmane riprendono i racconti e le leggende legate alla vita di Buddha. In questi rituali è necessario vestirsi correttamente, evitando ogni tenuta provocante, non gridare o parlare troppo forte, evitare di toccare la testa dei bambini e, ancora di più, indicare qualcuno o qualcosa con i piedi. Nei templi, toglietevi le scarpe. In generale, non cercate di imitare i costumi locali e evitate di fare qualunque cosa che non fareste mai da dove arrivate!

Myanmar : consigli di viaggio

Se andate in territorio birmano, munitevi di sarong. Si tratta della lunga veste in cotone portata sia dagli uomini sia dalle donne. Questa tunica permette di sopportare le elevate temperature locali pur mantenendo un certo "rigore"! Inoltre, pensate a procurarvi un calzascarpe, dato che ogni volta che si entra in un tempio o in una pagoda bisogna togliersi le scarpe.

Il periodo migliore per visitare la Birmania va da ottobre ad aprile, mesi che corrispondono alla stagione secca e soleggiata. Invece, la stagione dei monsoni va da maggio fino all'inizio di ottobre, con i mesi di luglio ed agosto particolarmente caldi e bagnati. Il mese di transizione tra le due stagioni, novembre, resta il migliore per fare delle foto.

Attenzione, in Birmania le carte di credito sono raramente accettate, a parte in qualche hotel di lusso e in gioiellerie di Yangon, Mandalay e, ormai, anche Ngapali, e nel Paese non ci sono molti distributori bancari. Pertanto, arrivate con diverso denaro contante! Infine, fate sì che i vostri soldi siano in perfetto stato, non piegati, sporchi, stracciati, senza scritte, perché i Birmani sono molto esigenti a riguardo! Una buona notizia, comunque, riguarda il gruppo Western Union, che ha aperto i suoi servizi di trasferimento di denaro anche in Birmania.

Prendete le dovete precauzioni e rassicurate fin da subito i vostri parenti: in Birmania comunicare è molto difficile. I collegamenti per la telefonia mobile sono inesistenti. Per fortuna, internet, per lungo tempo vietato, è sempre più accessibile dalla popolazione. Certo, la connessione non è formidabile, ma rimarrete piacevolmente sorpresi nell'apprendere che nella maggior parte degli hotel e degli aeroporti è presente il Wi-Fi gratuito!

Evitate di spingervi nella tristemente celebre regione del triangolo d'oro, dove prosperano i traffici illegali di ogni genere, in prossimità dei confini birmani con la Cina, il Laos e la Thailandia. Allo stesso modo, è meglio non andare negli stati di Karen e di Kachin così come nel nord dello stato di Arakan, al confine con il Bangladesh , dilaniato dalle insurrezioni interne. In ogni caso, vi servirebbe un permesso speciale del governo...

Myanmar : gli ultimi hotel testati
  • 9.05 /10
    Valutato da Easyviaggio
    Belmond Governor's Residence
    Hotel Hotel 3 Etoile(s)

    Benvenuti al residence del governatore, membro del prestigioso ...

  • 8.9 /10
    Valutato da Easyviaggio
    Aureum Palace Bagan
    Bagan - Myanmar
    Hotel Hotel 5 Etoile(s)

    In una posizione ideale a due passi dal maestoso sito di Pagan, ...

  • 8.6 /10
    Valutato da Easyviaggio
    Aureum Palace Resort & Spa Ngapali
    Hotel Hotel 5 Etoile(s)

    Benvenuti in paradiso: in riva alle deliziose acque dell'oceano ...

  • 8.6 /10
    Valutato da Easyviaggio
    Amara Ocean Resort
    Ngapali - Myanmar
    Hotel Hotel 5 Etoile(s)

    L'Amara Ocean Resort presenta i suoi 28 lussuosi bungalow disseminati ...

  • 8.45 /10
    Valutato da Easyviaggio
    The Hotel By The Red Canal Mandalay
    Hotel Hotel 4 Etoile(s)

    Il Red Canal è un boutique hotel pieno di charme situato nel ...

  • 8.35 /10
    Valutato da Easyviaggio
    The Strand Yangon
    Yangon - Myanmar
    Hotel Hotel 5 Etoile(s)

    Etichettato Leading hotel of the world, The Strand Yangon è un'istituzione ...

  • 8.25 /10
    Valutato da Easyviaggio
    Thande Beach Nagpali
    Ngapali - Myanmar
    Hotel Hotel 4 Etoile(s)

    In riva alle deliziose acque del golfo di Bengala, il Thande ...

  • 8.25 /10
    Valutato da Easyviaggio
    Bagan Thiripyitsaya Sanctuary Resort
    Hotel Hotel 4 Etoile(s)

    Nel cuore pulsante del meraviglioso sito di Pagan, gioiello della ...

Altrove nel mondo
Myanmar : Motore di ricerca Vacanze
  • Vacanze
  • Voli
  • Hotel
  • Volo + Hotel
  • Case vacanza
  • Auto