• Mozambico,
    © iStockphoto.com / Simon Dannhauer
  • Mozambico
    © Nico Smit / 123 RF
1      
  • Trova i tuoi :
  • Voli
  • Hotel
  • Volo + Hotel
  • Case vacanza
  • Auto
  • Vacanze
  • Guida di viaggio

Mozambico: viaggio tra ippopotami e leoni...ed in spiaggia

Da Paola Kim Simonelli Paola Kim Simonelli Capo rubrica
Conosciuto come uno dei paesi più poveri al mondo, Il Mozambico viene ricordato soprattutto per la sua mancanza di infrastrutture e per la situazione instabile di alcune sue zone, dovuta ad una guerra civile durata più di vent'anni. Perché allora visitarlo? I motivi sono tanti! Spiaggie stupende e isolate dalla civiltà, notti illuminate da cieli stellati, acque dove nuotare con mante e dugonghi, ottima cucina ittica...serve aggiungere altro?

Guida di viaggio

Affacciato sull'Oceano Indiano, il Mozambico è parte dell'Africa australe e uno dei cinque paesi africani dove il portoghese è la lingua ufficiale. Vittima di una lunga guerra civile, il Paese sta poco a poco risorgendo dalle sue ceneri, posizionandosi anche come una meta turistica di spicco. Complici i suoi 2470 chilometri di costa, un tempo protagonisti dei diversi comptoir portoghesi, e una Natura rigogliosa e selvaggia, attraversata da due dei principali fiumi dell'Africa meridionale: il Zambezia e il Limpopo.
l Mozambico fu abitato da popolazioni di boshimani prima di subire un'invasione di popoli bantù. Un'influenza che si riporta anche nel campo linguistico: tutt'oggi le numerose lingue che si parlano nel paese appartengono principalmente alla famiglia bantù. Parte della rotta commerciale tra il regno dello Zimbawe e l'Oceano Indiano, il Mozambico fu presto sede di comptoir commerciali di arabi e indiani. Più tardi, a seguito del Tratto de Tordesillas del 1494 che attribuiva al Portogallo le colonie a est dell'Isole di Capo Verde, il Paese venne inglobato all'impero portoghese. Vasco de Gama vi sbarca nel 1498, stipulando degli accordi con i capi delle tribù locali. L'esploratore vi trova - infatti - delle città-stato amministrate dagli Arabi o dagli Swahili. Lo stesso nome Mozambico fu preso da una piccola isola di fronte Madagascar, soprannominata Moçambique.

Con la colonizzazione portoghese, il Mozambico diventa parte della costa swahili che si estendeva dal sud della Somalia fino all'arcipelago delle Comore. Nel XVI secolo, il Paese accoglie i suoi primi coloni portoghesi e la colonia risponde all'amministrazione del vice-re delle India, basato a Goa.

Come la sua vicina Zanzibar, anche il Mozambico diventa un fulcro essenziale per la tratta degli schiavi. Meta di predilezione per questo triste commercio, è il Brasile, colonia portoghese al di là dell'Oceano Atlantico. Più tardi, con il regime di Antonio de Oliviera Salazar, le popolazioni indigine subirono una forte discriminazione, private della totalità dei loro diritti umani. Bisogna aspettare gli anni Sessanta per la formazione di un movimento di liberazione che sfociò, poi, in una lunga guerra civile che terminò solo nel 1994, con le prime elezioni libere.

Con i suoi tanti chilometri di coste, il Mozambico è conosciuto per le sue località balneari. L'offerta alberghiera si è principalmente sviluppata nell'arcipelago di Bazaruto e di Benguerra. Le località sono rinomate per la loro diversità di fauna e flora acquatica e sono mete di predilezione per gli appassionati di diving e snorkeling. Il Paese dispone di meravigliosi parchi naturali, come la riserva di Niassa o il Parco di Gorongosa. Quest'ultimo, regno di leoni, ippopotami ed antilopi, fu tuttavia completamente devastato durante la guerra civile e il governo sta lentamente cercando di lavorare alla sua riabilitazione. Anche l'architettura é peculiare, che sia in grandi città come Maputo o in piccoli paesi di pescatori come nel caso di Cidade de Pedra ; in entrambi i casi i portoghesi hanno lasciato segno del loro passaggio, costruendo edifici in stile coloniale che serbano ancora oggi tutto il loro fascino. Altra cosa da non perdere é Ilha de Mozambique, l'isola annoverata tra i patrimoni dell'umanità Unesco !

I consigli della redazione

Bisogna essere molto prudenti. Le coste sono sicure. Evitate le regioni di Gaza e Maputo, a causa delle mine e delle strade interrotte. Altrove la circolazione è molto difficile, ed é quindi consigliabile affittare una 4x4 e guidare lungo la EN 1, l'autostrada che attraversa il paese da nord a sud. Bisogna fara attenzion perché i sentieri si trasformano in pantano alla minima pioggia. Si raccomanda inoltre di non guidare di notte, perché potrete incrociare macchine a fari spenti o investire locali o animali selvatici (le strade non sempre sono asfaltate e non c'é illuminazione di notte fuori dalle grandi città). Gli appassionati di safari non partano con troppe aspettative :Molte riserve hanno perso i loro animali durante la guerra, e solo ora stanno riaprendo al turismo ; ciononostante, il parco di Gorongosa offre splendide visite con camping a cinque stelle e attività per esplorarne la natura selvaggia, caratterizzata dalla diversità di ecosistemi che ospita. Il Mozambico è una destinazione balneare senza gravi pericoli e dalle spiagge stupende, soprattutto lungo la penisola di Inhamban, dove é possibile (come più o meno ovunque in zona) fare immersioni ed esplorare la barriera corallina, nuotando assieme a mante e dugonghi ! Un'altra zona balneare rinomata é Tofo . Per quanto riguarda il clima, fate attenzione, da dicembre a marzo, al rischio di cicloni e tempeste tropicali sulla costa.

I più

  • +Si tratta di una bella destinazione balneare.
  • +I turisti sono ancora poco numerosi.
  • +La volontà di ripristinare le riserve devastate dalla guerra.

I meno

  • -La guerra civile ha provocato danni ingenti.
  • -I trasporti sono poco affidabili.
  • -Presenza di mine anti-uomo nel sud del paese

Gastronomia

La cucina mozambicana è una miscela di tradizioni portoghesi e dell'Africa orientale. Il pollo, il pesce, i crostacei, oltre a riso e mais, sono i piatti base. Potrete apprezzare la delicatezza del pollo grigliato all'olio di palma. I gamberoni e il pesce grigliato sono eccellenti e vengono serviti con la salsa matapa, una salsa locale al pistacchio. Particolari piatti consigliati sono Lulas (calamari grigliati e ripieni), il peperoncino Peri Peri e il pane locale, sfornato fresco e croccante ogni mattina e chiamato Pãozinho. Se volete ordinare il piatto del giorno, lo troverete sotto la voce 'Peixe Grilhade'. I migliori ristoranti si trovano negli hotel. Per quanto riguarda le bevande, tre birre vengono prodotte nel paese, la Manica, la Laurenta e la 2M, birra nazionale dal costo più che accessibile (costa 20 centesimi a bottiglia). Se volete provare il liquore locale si chiama Nipa, ma attenzione : é molto forte ! L'età per bere é 18 anni.

Souvenirs e artigianato

La maggior parte dell'artigianato locale si trova nei mercati. Troverete sculture in legno, vasellame, ceramiche, strumenti musicali a percussione come il timbila e dipinti. I negozi in città sono aperti dalle ore 8:30 alle ore 12:30 e dalle ore 14:00 alle ore 18:00 durante la settimana. Il sabato sono aperti dalle ore 8:30 alle ore 13:30.