• Easyviaggio, offerte viaggi
    • Voli
    • Hotel
    • Vacanze
    • Destinazioni
    • Per saperne di Più
      • Idee di viaggio
      • Campeggio
      • Itinerari di viaggio
      • Autonoleggio
      • Community
      • ComparatoreGreen
  • Connettiti

Attrazioni turistiche Libano

  • Libano
    Libano
    © Grisha Grigorov / 123RF
Paola Kim Simonelli
Paola Kim Simonelli Esperto della destinazione Libano

I paesaggi

Nonostante la sua superficie limitata, il Libano offre molteplici paesaggi differenti. Su 60 km di larghezza del paese, il rilievo va da 3089 m di altitudine fino al livello del mare. La montagna occupa la maggior parte del territorio.

In pochi chilometri si passa dalle regioni desertiche di Hermel o dalle pianure agricole della Bekaa agli spazi boschivi di Aakkar o alle colline aridi del Sud Libano. Se le mitiche foreste di cedro si riducono sempre di più con il passare del tempo, le grotte di Jeïta e la vallata della Kadisha restano meraviglie naturali da non dimenticare.

Le rive

Dei 250 chilometri su cui il Libano si estende in lunghezza, 240 km costeggiano il Mediterraneo. Ciò significa che la costa ricopre un ruolo estremamente importante in questo paese. La tradizione commerciale delle città costiere quali Tyr, Tripoli, Saida, Beyrouth o Biblos fanno a volte dimenticare l'aspetto balneare e le spiagge di sassi consentono di svolgere attività nautiche e ludiche, sebbene il livello di pulizia non sia eccellente.

Le arti e la cultura

La cultura libanese è tripla: rimasta in parte francofona, si affianca ad una notevole presenza americana. Il Libano è un fulcro culturale importante dal Medioevo e ha conservato un certo gusto per la raffinatezza. La chiave di volta della cultura libanese è stata a lungo lo sviluppo di città cosmopolite e tolleranti.

Il canto tradizionale libanese tra le sue origini dalle melopee tristi e nostalgiche che venivano canticchiate sulle montagne e dai lavoratori dei porti della costa. È la base d'ispirazione di numerose poesie e canti liturgici religiosi. Questa tradizione musicale, perfezionata nel corso dei secoli, è tuttora presente grazie agli artisti libanesi.

I monumenti

Piattaforma culturale ed economica, il Libano è lo stato delle Antichità. Punto strategico delle Crociate nel Medioevo, il Libano è stato per lungo tempo attraversato da popoli di differenti confessioni; Cristiani, Musulmani, Ebrei, Protestanti. Le vestigia architettoniche ed archeologiche sono la prova di questo mosaico di influenze culturali e spirituali.

Ci sono numerosi siti archeologici in Libano.. Tra i più interessanti troviamo quello di Baalbek, un santuario monumentale eretto in onore del dio Soleil Baal, del quale si possono ammirare le colossali rovine. Byblos è la culla della Fenicia e da solo ha sulle spalle 10.000 anni di storia. Si tratta senza dubbio di uno dei siti archeologici mediterranei più importanti con rovine di più di 17 civiltà. La città d'Anjjar è la sola del Libano attuale a essere iscritta al patrimonio mondiale dell'Unesco. Essa ospita le rovine del Gran Palazzo, della Moschea e del Piccolo palazzo.

La fauna

Malgrado la sua superficie relativamente ridotta, il Libano possiede un'importante biodiversità. Sono state censite ben 9.119 specie, 4.633 delle quali appartenenti alla flora e 4.486 alla fauna.

Sfortunatamente le attività umane costituiscono una minaccia reale per la biodiversità del Libano. Il disboscamento, l'urbanizzazione, lo sviluppo della rete stradale, la caccia e l'agricoltura sono le principali cause della diminuzione della fauna libanese. La fauna marina è inoltre minacciata dallo scorrimento delle acque inquinate e dallo scarico dei rifiuti industriali.

Oltre 246 specie di uccelli (ovvero circa 500 milioni di esemplari l'anno) migrano attraverso il paese e oltre 500.000 cicogne bianche vi si stanziano ogni primavera.

La flora

Impossibile parlare della flora libanese senza ricordare il simbolo nazionale: il cedro. Nonostante siano pressoché scomparsi dall'epoca biblica, si trovano ancora alcuni luoghi dove cresce quest'albero, all'ombra delle montagne. Questa specie è quindi diventata rara, ma il Libano detiene comunque il record riguardo alle fitte foreste del Medio Oriente. Vi sono in particolare pini, mentre le coste sono occupate da alberi fruttiferi come i fichi o i mandorli.

Enogastronomia

La gastronomia libanese è una delle migliori d'Oriente. È famosa per il "mezze", un assortimento di circa 30 piccole portate. Rappresenta dall'epoca dei sultani un rito collettivo al quale nessun ospita oserebbe rifiutarsi. Il mezze si compone di verdure crude e farinacei preparati in vario modo e perfettamente disposti, i cui elementi di base sono molteplici: cetrioli, pomodori, insalata, radici, carote, ecc. Il mezze è un piatto sia da contorno che un elemento decorativo, e si accompagna con un pezzo di pane arabo, il khobz arabi.

I panini libanesi sono uno degli elementi più popolari della cucina libanese, conosciuti in tutto il mondo. Se ne trovano di ogni tipo e per tutti i gusti. Il chawarma è un panino con pollo grigliato e verdure crude, il manakish è invece una ciabatta libanese con timo, formaggio, carne, pomodoro e cipolla che si mangia generalmente a colazione.

Altrove nel mondo
Libano : Motore di ricerca Vacanze
  • Vacanze
  • Voli
  • Hotel
  • Volo + Hotel
  • Auto