• Libano
    © Anna Om / 123RF
  • Libano
    © Chris Elwell / 123RF
1      
  • Trova i tuoi :
  • Voli
  • Hotel
  • Volo + Hotel
  • Case vacanza
  • Auto
  • Vacanze
  • Guida di viaggio

Viaggia alla scoperta del Libano e dei suoi mille volti

Da Paola Kim Simonelli Paola Kim Simonelli Capo rubrica
All'ombra del cedro, albero simbolo del paese, il Libano, sorta di Svizzera del Medioriente, cela innumerevoli ricchezze naturali e culturali. La sua capitale Beirut è ormai conosciuta per la sua vita notturna alla moda e le intense attività bancarie, attirando al contempo una gioventù dorata e uomini d'affari. Fuori dall'effervescenza cittadina, la campagna libanese è un concentrato di serenità, natura e antichi siti archeologici.

Stretto con soli 60 chilometri e lungo (su 250km), il Libano presenta tuttavia molteplici facce: sciare in montagna, tintarella e bagno nelle acque turchesi del Mediterraneo e gite culturali fra rovine antiche.

A questo si aggiunge il viaggio culinario alla scoperta della gastronomia libanese: raffinata e delicata.

I consigli della redazione

La prima cosa da fare prima di partire per il Libano é procurarsi un visto, che potrete richiedere all'ambasciata libanese in Italia, assicurandovi inoltre che il vostro passaporto non scada entro i sei mesi dal vostro ingresso nello stato. I cittadini europei possono richiedere il visto una volta arrivati all'aeroporto di Beirut, ma attenzione ! Visti i pessimi rapporti con Israele, Palestina e la situazione in Siria, potrebbero fare storie alla vista di un visto di questi tre paesi.
Siate sempre molto chiari con gli ufficiali sulle vostre intenzioni e specificate sempre se volete rimanere nei confini dello stato o intendete uscirne durante il vostro soggiorno. Stabilite il vostro itinerario nel paese informandovi sulla situazione politico sociale al momento della partenza e valutando i mezzi di trasporto a disposizione ; la rete ferroviaria non é affidabile, ma è molto più semplice prendere a noleggio una vettura, anche esibendo una semplice patente europea. Il patrimonio archeologico è la grande ricchezza turistica del paese.


I luoghi sono ben conservati (parliamo di siti come Baalbek, Byblos, Tiro, Anjaar, Eshmoun, Sidone...). Passeggerete tra alcune meraviglie. Templi, archi di trionfo, necropoli, portici e fortezze vi proietteranno indietro di milioni di anni. Ma per arrivare ai siti dovrete attraversare paesaggi dove si mescolano rovine di guerra e lavori in corso, oppure costeggiare un litorale devastato da un'urbanizzazione insensata e dall'inquinamento. Sconsigliata la zona più meridionale del paese, dove in periodo di guerra sono state piazzate diverse mine antiuomo.

I più

  • +Il patrimonio archeologico è importante (Byblos, Baalbek).

I meno

  • -La costa mediterranea è talvolta sporca e poco adatta alla balneazione.
  • -Le strade sono pericolosissime.

Tradizioni

I Libanesi, come molti popoli del medio oriente, sono molto accoglienti ed estremamente espansivi per gli standard occidentali, quindi dite addio alla timidezza e non spaventatevi se persone che vi conoscono a malapena vi abbracciano o vi danno tre baci per salutarvi ; certo, dipendentemente dalla religione e dal sesso della persona il comportamento potrebbe cambiare, e gli uomini dovrebbero generalmente evitare di fare ciò con una donna libanese, soprattutto se islamica.

Il galateo libanese é all'apparenza abbastanza complesso, e si basa sul non detto : se qualcuno vi offre qualcosa, rifiutate garbatamente due o tre volte prima di accettare ; se vi invitano a casa, portate dei fiori in regalo ; se vi invitano per pranzo o cena, portate dei baklava. Non spaventatevi se ad una domanda un locale risponde annuendo, rivolgendo gli occhi al cielo ed emettendo un " tsk " stizzito ; in Libano é semplicemente un modo per dire no.

Se vi trovate a parlare con della gente locale, fate attenzione agli argomenti di conversazione ; non parlate di politica, guerra o religione a meno che non siano loro a introdurre il discorso e siate sempre molto diplomatici, perché i tre argomenti sono tutt'ora molto delicati per il popolo libanese. Parlate piuttosto di famiglia, considerata molto importante anche qui ; l'interesse per le vicende e la salute della famiglia è visto molto di buon occhio e potrete farvi dei buoni amici in tal modo.
L'ultimo consiglio é di non eccedere in scollature e in vestiti estrosi ; il paese é molto occidentalizzato, ma avendo una confluenza di diverse religioni e culture potreste essere non essere visti di buon occhio se girate in minigonna per alcuni quartieri di Beirut.

Gastronomia

Niente pasti in Libano senza 'mezze', assortimento stuzzicante di piccole portate (se ne possono provare fino a 40). Nel menù: taboulè (con più prezzemolo e meno semola di quello servito in Francia), hummus (purè di ceci), moutabal (crema di melanzane), foglie di vite e una grande varietà di verdure ripiene, farcite con carne, riso, altre verdure... La carne (manzo, montone, pollo) è servita grigliata o agli spiedini. Una specialità di carne sono le ali di pollo marinate in olio, limone e tanto aglio. Altro piatto tipico sono i falafel , polpette fritte di fave secche e ceci, guarnite con prezzemolo e servite con pomodori a pezzi e una salsa al sesamo. Può essere considerato antipasto o piatto a sé stante. Vanno molto il puré di ceci (Hommus bi-tahineh) e il puré di melanzane arrostite (baba ghannooge). Per chi vuole stare leggero in Libano si preparano ottime minestre arricchite di lenticchie e speziate con cannella, ma ci sono anche tante insalate fresche e molta frutta di stagione. Altri ingredienti che non possono assolutamente mancare nella cucina libanese sono frutta secca, mandorle, pinoli e il condimento a base di succo di limone. Concludono il pasto gelati e dolci delicati. I dolci generalmente sono molto elaborati (pensiamo ai buonissimi baklava di sfoglia, alle noci o al pistacchio, tipici anche della cucina turca), quindi vengono da tutti consumati al bar davanti a un buon caffé. I libanesi bevono generalmente dell'arak, alcool locale aromatizzato all'anice, da accompagnare alle mezze. Ma (merito della colonizzazione francese) si può anche assaporare del buon vino, come il "kefraya". La birra è servita ghiacciata. Da sapere: non ci sono alcolici nei ristoranti musulmani, ma se volete assaporare una bevanda tipica raccomandiamo l'Ayran, a base di yoghurt salato.

Indice di confort meteo

Scopri le previsioni meteo settimanali di Libano . I diversi criteri climatici utilizzati ci permettono di suggerire con precisione il miglior periodo per partire a Libano . Gli indici temperatura, pioggia, abbronzatura o ancora l'indice vento vi permetteranno, grazie ad un indice meteo globale, di scegliere tra le attività che più si adattano alle condizioni climatiche previste per il periodo selezionato e in tal modo, godere a pieno delle proprie vacanze a Libano .

marzo

  • Beyrouth flecheStagne 65/100 Buono
Vedi tutte le località meteo

Souvenirs e artigianato

Tappeti e gioielli conquisteranno gli esperti. Si trovano anche gioielli in argento, ceramiche, vetro soffiato, ferro battuto, arazzi e oggetti d'antiquariato. I negozi, durante la settimana, sono aperti dalle ore 9:00 alle ore 18:00.