• Isole Vergini americane
    © iStockphoto.com / Christian Wheatley
1      
  • Trova i tuoi :
  • Voli
  • Hotel
  • Volo + Hotel
  • Case vacanza
  • Auto
  • Vacanze
  • Guida di viaggio

Isole Vergini Americane, il viaggio di sola tintarella

Da Paola Kim Simonelli Paola Kim Simonelli Capo rubrica Profilo
A est di Porto Rico, le Isole Vergini Americane si trovano tra il Mar delle Antille e l'Oceano Atlantico. In questo arcipelago costituito da isolette verdeggianti ne spiccano tre: St Croix, St Thomas e St John. Ovviamente ogni isola è orlata da spiagge grandiose visitate tutto l'anno dai crocieristi. Tuttavia vi si presenterà anche l'opportunità di visitare città e dimore, eredità di un passato coloniale molto forte.

Guida di viaggio

L'arcipelago rappresenta il perfetto connubio tra la cultura americana e i paesaggi paradisiaci delle Antille. Le tre isole principali e la cinquantina si isolotti facenti parte del territorio, si situano al sud delle Isole Vergini Britanniche. Le spiagge di sabbia bianca e i rilievi vulcanici accolgono ogni anno numerosi turisti, che costituiscono (tra l'altro) l'attività economica più importante.

I primi abitanti Arawaks furono cacciati dai Caraibi nel XV secolo, prima che Cristoforo Colombo scoprisse queste terre, e prima che fossero colonizzate dai Danesi nel XVII secolo. Saranno vendute agli Stati Uniti nel 1917. Charlotte Amalie, situata sull'isola si San Tommaso, è oggi la capitale di questo territorio oramai americano. Non lontano, si eleva la Crown Mountain, il punto più alto delle isole vergini americane. San Tommaso è l'isola più popolata e sviluppata di tutto l'arcipelago, rispetto a Saint John e Sainte Croix che restano più selvagge. La seconda città più importante, ccon solamente qualche migliaio di abitanti è Christiansted, sull'isola di Saint Croix. I porti delle due città, ospitano diverse imbarcazioni.

Il Parco Nazionale delle Isole Vergini è stato creato nel 1956 e si estende su quasi l'intera superficie dell'Isola di Saint Jhon. Il suo perimetro comprende anche la magnifica barriera corallina. I turisti possono osservare le razze e gli squali nell'acquario di Saite Croix, oltre che le tartarughe marine nelle acque dell'arcipelago. Particolarmente ricco di vegetazione è il Giardino Botanico di Saint George Village.

Le due spiagge più celebri di San Tommaso sono Coki Beach e Magen's Bay . La prima è più piccola, ma l'acqua è particolarmente chiara e ricca di pesci : un luogo ideale per praticare lo snorkeling. La seconda ha la reputazione per essere una delle più belle spiagge del mondo, ma per entrarci bisigna pagare. Per gli amanti delle immersioni, Trunk Bay a Saint Jhon è l'indirizzo adatto. Gli amanti delle passeggiate non resteranno delusi dal persorso Reef bay Hike, che attraversa la foresta tropicale.

Come per le molte isole dei Caraibi, la moltitudine di popoli confluenti ha dato vita ad una grandissima ricchezza culturale. Anche se la lingua ufficiale è l'inglese, il creolo, il francese e il danese sono comunemente parlate.

I consigli della redazione

I migliori mesi per andare nelle Isole Vergini Americane vanno da dicembre ad aprile. Agosto, settembre e ottobre sono i mesi più piovosi. È una zona spesso minacciata dagli tsunami, particolarmente durante la stagione delle piogge. Il clima tropicale favorisce gli uragani, fate quindi attenzione al periodo da scegliere durante la vostra vacanza.

In loco, il costo della vita è estremamente elevato. Contate che al giorno potrete spendere dai 100 ai 300 dollari americani, dipende anche dal tipo di sistemazione che avete scelto. Per ridurre le spese, scegliete la bassa stagione (fine aprile o inizio dicembre). Se prevedete di andare a Saint Jhon, riservate in anticipo l'hotel in quanto i posti sono limitati.

Le macchine si guidano da sinistra ; potrete trovare facilmente delle agenzie per l'affitto già al di fuori dell'aereoporto. I taxi, spesso pickups, possono trasportare più persone.

I più

  • +Le Isole Vergini Americane sono una meta balneare dove è possibile anche dedicarsi all'escursione.
  • +Vi sono molte attività nautiche e una buona infrastruttura alberghiera.

I meno

  • -Il costo della vita è alto, soprattutto tra dicembre e aprile.
  • -Non esistono voli diretti dall'Italia.

Tradizioni

L'arcipelago è una zona turistica " ricca ", è molto richiesta la cortesia e gli abitanti non amano la " sciattezza " fuori la spiaggia. Da segnalare : è proibito passeggiare in città in costume. È apprezzata la mancia agli autisti e alle guide se soddisfatti del servizio.

La religione principale è quella cristiana e sono quindi celebrate le feste associate. Il Giorno del Presidente ha luogo in febbraio, quello di Colombo ( Columbus Day) in ottobre e la festa dell'Indipendenza cade il 4 luglio. I primi 15 giorni di Novembre si festeggia il Giorno della Liertà e quello dei Veterani. Il Carnevale sull'Isola di Saint Thomas ad Aprile è senza dubbio l'evento più atteso dell'anno. Ci sono molti festival organizzati durante l'anno sul tema della gastronomia e dell'agricoltura come il Virgin Islands Food and Agricultural Festival o il Ste Croix Food and Wine Experience a Saint Croix.

Gastronomia

Gli americani non hanno potuto fare a meno di importare la loro cucina tex-mex. Nelle città principali troverete numerosi piccoli ristoranti che servono hamburger, insalate enormi, il tutto bagnato da coca light o birra a non finire. Tuttavia il servizio è molto meno curato rispetto agli Stati Uniti e questo diventa una buona occasione per incontrare gli espatriati. Fortunatamente troverete anche ristoranti che propongono la cucina locale come: pesce grigliato, aragoste e una sorprendente varietà di frutta.

Tra i piatti tradizionali, molti sono realizzati con le spezie. È il caso per esempio di una delle specialità più popolari,  la pâte , una sorta di pasta sfoglia ripiena di carne, pesce o crostacei. La Foxy's Lager e la Blackbeard's Ale sono invece due delle più gustose birre locali, per quanto riguarda l'alcool forte, il Rhum dell'isola Saint Croix è quello più diffuso.

Souvenirs e artigianato

Troverete una vasta scelta di prodotti tax free nei porti franchi di Charlotte-Amalie (St Thomas) e di Christiansted (St Croix): cosmetici, materiale Hi-Fi, abiti di marca. Dronningen's Gate, la via pricipale di Charlotte-Amalie, è la mecca del duty free nei Caraibi. Potete anche approfittarne per fare il pieno di prodotti danesi. L'arcipelago presenta un artigianato contemporaneo molto bello: dipinti colorati, sculture in legno, ecc. Su St Thomas troverete un'ampia scelta di negozi all'American Yacht Harbor di Red Hook. Durante la settimana incluso il sabato i negozi sono aperti generalmente dalle ore 9:00 alle ore 17:00.