Viaggi Isole Faroe - Guida Isole Faroe con Easyviaggio
  • Connettiti
  • Isole Faroe
    © Andrea Ricordi / 123RF
  • Isole Faroe
    © Galyna Andrushko / 123RF
1      
  • Trova i tuoi :
  • Voli
  • Hotel
  • Volo + Hotel
  • Case vacanza
  • Auto
  • Vacanze
  • Guida di viaggio

Tra beccacce e pulcinelle, viaggio alle Isole Faroe

Da Paola Kim Simonelli Paola Kim Simonelli Capo rubrica
Migliaia di pecore, centinaia di pulcinelle di mare. Le scogliere selvagge, il mare freddo e arrabbiato. Le nuvole che inghiottono la città e la pioggia magari intermittente, ma sempre pronta ad arrivare. Sono questi alcuni frammenti di una vacanze nelle selvagge Faroe, che non esauriscono certo l'indimenticabile esperienza che si può vivere in queste isole.

Guida di viaggio

L'arcipelago delle Faroe, situato a Nord della Scozia, conta 18 isole che offrono un spettacolo grandioso di natura selvaggia. Vedrete scogliere impressionanti, ricoperte d'erba verde, precipitarsi nelle acque dell'Atlantico, fredde ed agitate. Qui, di tanto in tanto, i raggi di sole fanno capolino nel cielo grigio, per illuminare con lame di luce un villaggio o una cima. Il panorama diventa allora ancora più spettacolare.

Un viaggio alle Faroe si articolerà in lunghe escursioni, spesso sotto la pioggia o il vento: bisogna attrezzarsi, ma ne varrà la pena! Pecore, pulcinelle e beccacce saranno i vostri compagni di viaggio, tanto durante le escursioni nelle aree più remote quanto nei villaggi. Vi stupirete di scoprire dove possono arrivare le pecore, che abitano da tempo immemorabile sull'arcipelago (Faroe significa proprio isole delle pecore) e che ne sono divenute il simbolo negli stemmi ufficiali.

L'Isola di Vagar, dove si trova l'unico aeroporto, offre bellissime escursioni ed un'ottima base dalla quale partire per Mykenes, il paradiso delle pulcinelle di mare. Qui una bella escursione di una mezza giornata è quella lungo il lago Sorvagsvatn. Si parte dalle case in pietra appena fuori dal villaggio di Vatnsoyrar, non lontano dall'aeroporto, si costeggia la costa lacustre e si arriva alla punta, dove una spettacolare cascata esce dal lago direttamente nel mare!

L'isola di Streymoy, invece, ospita la capitale Thorshavn. E' qui che arrivano le navi dalla Norvegia, che fanno scalo qui prima di ripartire verso l'Islanda. Essendo le Faroe una nazione autonoma all'interno del regno di Danimarca, Thorshavn si vanta di essere la capitale più piccola al mondo e probabilmente è vero. E' un piccolo villaggio ricco di storia, negozi, caffé e ristoranti. Il luogo ideale per preparare le vostre escursioni o ritornare al ritorno.

I consigli della redazione

Un'escursione all'isola di Mykenes è immancabile. Per arrivarci bisogna necessariamente prendere una nave da Vagar (non lontano dall'aeroporto dell'arcipelago). Dopo un'ora e mezza di traversata, potrete inziare una camminata bella, talvolta impegnativa, che vi consentirà di ammirare le pulcinelle di mare, uccelli veramente buffi che sono tra i simboli delle Faroe assiemme alle beccacce.

Passate una sera a Gjogv, un piccolo villaggio nel Nord dove il mare ha scavato una gola lunga e profonda, molto suggestiva. Potrete fare una camminata sulla collina che sovrasta il vilaggio e la gola, accompagnati dalle immancabili pecore e beccacce che popolano tutti gli angoli dell'arcipelago.

Altra escursione che vi consigliamo è al villaggio di Kikjubour, un minuscolo villaggio con la bianca chiesa di St. Olav, costruita per la prima volta nel 1111, e le rovine della cattedrale dedicata a Magnus, oltre che una fattoria storica (chiamata Roykstovan). Bellissima anche un'escursione a Saksun, sempre nell'isola di Streymoy.

I più

  • +La destinazione attira pochi turisti.
  • +La natura è incontaminata.

I meno

  • -Il clima riduce molto la stagione turistica.
  • -La ricettività è scarsa.

Tradizioni

La maggior parte degli eventi alle Isole Faroe si concentrano ovviamente d'estate. La musica occupa un ruolo molto importante nella vita culturale delle isole, basti pensare ai numerosissimi festival, di dimensioni ridotte ma molto interessanti, che si susseguono durante la stagione in cui le giornate sembrano eterne.
Un'altra grossa componente della cultura feroese è rappresentata dalle leggende. I miti e le storie della tradizione nordica pervadono ogni componente della vita delle isole, tanto che il nome della capitale Torshavn significa "porto di Thor", il nordico dio del tuono.

Gastronomia

Lq culturqgqstrono,icq delle Isole Faroer è di impronta rustica e casereccia poiché fino all'avvento del turismo, di fatto, sulle isole non esisteva alcun ristorante e, anche nelle occasioni conviviali, i locali erano soliti cucinare in casa. Una delle specialità da assaggiare era la pulcinella di mare, ma da qualche anno è vietato mangiarlo. Chi l'ha assaggiato dice che la carne di questo uccello sa di pesce, perché questo volatile cerca il suo nutrimento in acqua. La pulcinella di mare veniva servita come primo piatto, magari affumicata. Le altre specialità sono assolutamente sorprendenti, ma spesso le troverete soltanto in case private: salsicce di agnello, grasso di balena, pelle di merluzzo essiccata e paté di fegato tiepido alle cipolle. Li si serve con pane fatto in casa, burro e formaggio.
L'affumicazione è una delle peculiarità del luogo. Nata come metodo di conservazione in un ambiente in cui l'inverno non lascia scampo, è diventata nei secoli una tradizione e una peculiarità unica nel gusto sia della carne che del pesce. Non è raro, vicino alle case, trovare delle piccole cabine le cui pareti sono fatte di assi di legno non perfettamente accostate, in modo da lasciare passare il vento dalle fessure e poter così essiccare i prodotti.
L'argomento della caccia alle balene non è affrontato volentieri dai locali, per quanto la pesca dei cetacei sia una delle pratiche più tipiche delle isole. Per chi fosse curioso di assaggiare le specialità a base di carne di balena non sarà dunque facile riuscirvi: dovrete essere invitati da qualcuno nella propria casa.

Souvenirs e artigianato

Nelle isole si contano due pecore per ogni abitante e la lana che producono è di qualità eccellente. Un trattamento particolare la rende impermeabile, quindi perfettamente adatta al clima. Approfittatene per acquistare pullover, berretti, calze... Avrete sicuramente l'occasione di utilizzarli sul posto. Inoltre, poiché le isole Faroe non fanno parte dell'Unione Europea, potrete recuperare l'importo dell'IVA (25%) sui vostri acquisti superiori a 300 FOK. Vi basterà compilare il modulo che vi forniranno i negozi affiliati (ve ne sono 150) e farlo convalidare all'aeroporto. Durante la settimana i negozi sono aperti dalle ore 9:00 alle ore 17.30.