• Menu Esci
  • Easyviaggio, offerte viaggi
    • Voli
    • Hotel
    • Vacanze
    • Destinazioni
    • Per saperne di Più
      • Idee di viaggio
      • Campeggio
      • Itinerari di viaggio
      • Autonoleggio
      • Community
      • ComparatoreGreen
  • Connettiti
Volo Qantas da record: New York-Sydey in meno di 20 ore
Pubblicato il 26/10/2019

TransportiAustralia

Twitter Facebook 1 condivisione

Le 49 persone a bordo del volo sperimentale sono atterrate dopo 19 ore e 16 minuti. Ecco cosa si vive durante il viaggio aereo più lungo al mondo!

<strong></strong>
© Andrey Bayda/123RF

Qantas ha deciso di mettere all'opera il volo passeggeri più lungo della storia. Il Boeing 7879 è atterrato a Sidney domenica 20 ottobre, trasportando quasi cinquanta persone (tra equipaggio, medici e passeggeri) in una rotta decollata da New York. Il viaggio che attraversa 3 fusi orari solcherà i cieli già nel 2022-2023.
Il gioco varrà davvero la candela? Le testimonianze dei passeggeri che hanno sperimentato il collegamento fanno riflettere.

Sicurezza è stata la parola d'ordine di questa rotta; prima della partenza sono stati condotti molti test scientifici che avevano come finalità la salvaguardia della salute dei partecipanti e la riduzione al minimo dei rischi. Con il serbatoio riempito al massimo e un numero ridotto di passeggeri (e bagagli), è decollato l'aereo dei record.
Dati e informazioni sono stati raccolti a fine tragitto, soprattutto le reazioni dei viaggiatori a bordo del velivolo. I passeggeri, nel corso del viaggio, sono stati sottoposti al monitoraggio delle onde cerebrali, della pressione e dei livelli di melatonina.

<strong></strong>
© Ryan Fletcher/123rf

Dopo 16mila e 200 chilometri, le persone sono arrivate sane e salve a destinazione. "È andato tutto bene ma non so più che giorno è oggi. - si legge nella dichiarazione di un partecipante su il Sole 24 Ore -Sono arrivato a Sydney e c'è il sole, il mio corpo però mi dice è notte a New York".
Il capitano Sean Golding ha sottolineato la sua soddisfazione per l'esito della sperimentazione. "È sicuramente preferibile un volo diretto rispetto a quelli con scalo ma non è adatto a tutti, ci vogliono tanta disciplina e rigore". Nei cieli, infatti, le persone sono state obbligate a praticare esercizi fisici, per evitare i cattivi effetti dell'immobilità prolungata. Pasti, sonno e movimento si svolgevano ad orari stabiliti...Vale davvero la pena? Ai posteri l'ardua sentenza!