• Connettiti
Un incredibile video accelerato dell'aeroporto di Roma
Pubblicato il 18/11/2019

TransportiItalia

Twitter Facebook 9 condivisioni

Gli aeroporti attraggono molti passeggeri. Nonostante ci vogliano solo poche ore per salire o scendere dall'aereo, la vita in aeroporto è tutt'altro che tranquilla. Lo prova questo magnifico video girato in timelapse nell'aeroporto di Roma.

<strong></strong>
© khunaspix/123RF

Gli aeroporti affascinano molto i viaggiatori. Queste grandi infrastrutture accolgono ogni giorno migliaia di passeggeri provenienti da tutto il mondo. Questo continuo andirivieni può far venire le vertigini! Chiunque sia mai stato in un aeroporto si rende conto che questi luoghi sono dei veri e propri formicai, in cui centinaia o addirittura migliaia di persone lavorano duramente giorno e notte per permetterci di viaggiare.

In transito, in vacanza, per lavoro..... È un luogo di passaggio quasi obbligatorio quando si viaggia da un Paese all'altro. Nei terminal degli aeroporti, le persone sono impazienti, in attesa di salire a bordo, mentre, a pochi metri di distanza, altri abbracciano i cari appena atterrati, o le organizzazioni turistiche accolgono i clienti. Per non parlare degli aneddoti sul personale: dogane, piloti, controllori del traffico aereo, steward e assistenti di volo o personale di terra. In altre parole, ci sono almeno mille storie da raccontare sugli aeroporti.

Giorno e notte, la vita continua e gli aeroporti non si fermano mai. Questo è ciò che l'internauta Fabio Sorce ha voluto mostrarci con questo magnifico video. Un timelapse che mostra la vita dell'aeroporto di Roma, Italia, in diversi momenti del giorno e della notte.

In questo video accelerato, ammiriamo la danza freneetica degli aerei delle diverse compagnie aeree (Vueling, norvegese, turca Ailrines.....) che si susseguono durante il decollo e l'atterraggio, quasi con leggerezza. Si possono anche vedere le manovre a terra, come le luci nella torre di controllo, che servono di giorno e di notte a guidare i piloti dal cielo.