• Connettiti
Previsioni per l'autunno: scioperi Ryanair e nuovi voli
Pubblicato il 21/08/2019 , Modificato il 23/08/2019

TransportiItalia

Twitter Facebook 7 condivisioni

Si annuncia un mese di settembre burrascoso per Ryanair, che prevede una nuova tornata di scioperi da parte del personale di bordo a partire da fine agosto. Alle proteste si aggiungono ora i dipendenti di Vueling, complicando la già difficile situazione dei cieli europei. Intanto l'aeroporto di Torino dà il via al collegamento con Kiev, disponibile a partire da dicembre...

<strong></strong>
© William Perugini/123 RF

Lo sciopero dei comandanti e del personale di bordo Ryanair si espande a macchia d'olio da agosto a settembre. Si prevedono oltre dieci giorni di sciopero tra fine agosto e inizio settembre, che potrebbero mettere seriamente a rischio le vacanze dei viaggiatori.
Se la prima tornata di scioperi in Inghilterra, dal 23 al 24, era già stata prevista; la seconda giunge inattesa.I piloti della compagnia irlandese si sono riuniti sotto la sigla sindacale Forsa/Ialpa e nello specifico si ribellano agli stipendi ritenuti insoddisfacenti e ad alcuni comportamenti della più grande low-cost europea ritenuti illegittimi.
Salari troppo bassi, mancanza di tutela in caso di paternità e maternità, assenza di riborsi: queste le cause che muovono la protesta.

La minaccia peggiore giunge dalla Spagna che ormai dà per certa la chiusura delle tre basi Ryanair a Tenerife nel mese di settembre. Stavolta a muoversi sono i sindacati spagnoli Uso e Sitcpla, le date della protesta sono impressionanti: dall'1 e il 2 settembre, così procedono saltuariamente fino al 27 e il 28, coinvolgendo in pratica tutti i weekend del mese.
I voli in partenza dagli aeroporti italiani - almeno fino ad ora - non dovrebbero presentare alcun problema.
Ma sicuramente nel mese di settembre la situazione di Ryanair sarà critica.
Il braccio di ferro tra personale e compagnia si fa serrato. "In mancanza di un accordo, lo sciopero verrà proclamato ufficialmente" sono queste le ultime parole del segretario del sindacato, Jairo Gonzalo, che aggiunge lapidario: "Dubitiamo molto della volontà di Ryanair di raggiungere un accordo."

Nuova tratta Torino Kiev

La compagnia low-cost ucraina SkyUp Airlines espande i propri collegamenti italiani a partire dall'aeroporto di Torino Caselle. Un'offerta che va ad aggiungersi alla forte presenza italiana di SkyUp negli scali di Catania, Napoli e Rimini
Dal 12 dicembre verranno aperte le nuove rotte bisettimanali, che avranno luogo il giovedì e la domenica. I biglietti sono già in vendita sul sitoskyup.aero con tariffe a partire da 50 euro sola andata.

Il nuovo volo diretto da Torino a Kiev amplia l'offerta di destinazioni low-cost sul nostro territorio, andando anche incontro alle esigenze di viaggio della popolazione ucraina che sempre più spesso sceglie destinazioni sciistiche europee per le proprie vacanze.
Da non sottovalutare inoltre la presenza in Piemonte di una vasta comunità ucraina, che conta oltre 10 mila residenti.
La tratta Torino-Kiev compie senz'altro un passo avanti nell'aprire l'Ucraina al mondo.

Gli scioperi di Vueling

La complessa situazione dei cieli europei è aggravata dagli scioperi di Vueling, che vanno ad aggiungersi alle agitazioni del personale Ryanair previste per questo weekend.
La congiunzione di proteste tra le due compagnie aree mette a repentaglio oltre 112 voli, coinvolgendo i viaggiatori di diversi paesi europei.
Le ultime settimane di agosto diventano così particolarmente complicate per i turisti di ritorno dalle vacanze. Nel mirino degli scioperi in particolare la Spagna, con gli aeroporti di Madrid- Barajas ed El Prat dove centinaia dipendenti protestano per ottenere un contratto a tempo determinato.
Si profila una conclusione di vacanze complicata quest'anno.

L'Alta Corte di Dublino blocca Ryanair

Lo sciopero dei piloti Ryanair non si farà.
A dirlo è l'Alta Corte di Dublino che ha bloccato la protesta prevista per giovedì e venerdì in Irlanda. La decisione è stata presa al fine di prevenire una drammatica replica dei fatti occorsi lo scorso anno quando furono centinaia i voli cancellati in tutta Europa con conseguenti disagi per milioni di viaggiatori.