Ryanair condannata a risarcire 250 euro al passeggero del volo Bergamo-Trapani
Pubblicato il 11/07/2018 1 condivisione

TrasportiItalia

Twitter Facebook 1 condivisione

La sentenza è stata emessa dal giudice di pace di Alcamo sostenendo che le sfavorevoli condizioni meteo non esonerano le compagnie aeree al rimborso dei passeggeri.

Ryanair: rimborso di 250 euro al passeggero

Ryanair: rimborso di 250 euro al passeggero
© trevorbenbrook/123RF

Vittoria per il passeggero del volo Bergamo-Trapani targato Ryanair del 14 giugno 2016; dopo circa due anni di procedure legali, ha ottenuto una sanzione contro la nota compagnia aerea, leader in Europa.

"Il maltempo non è imprevedibile e non esonera le compagnie aeree dal rimborso ai passeggeri per i voli annullati o che atterrano con oltre tre ore di ritardo". E' questa la sentenza emessa dal giudice di pace di Alcamo che ha riconosciuto le pretese del passeggero (G. Di. G.), che in precedenza si era visto negare il rimborso dopo essere arrivato all'aeroporto "Vincenzo Florio" di Birgi con oltre tre ore di ritardo, partito già in ritardo dall'aeroporto bergamasco di Orio al Serio.

Il vettore irlandese ha negato il rimborso dichiarando che il ritardo è dipeso da circostanze definite "eccezionali". Il passeggero si è visto costretto a rivolgersi ad un legale, l'avvocato marsalese Antonio Spanò, che ha immediatamente avviato la causa per ottenere il rimborso.

La sentenza ha condannando Ryanair al pagamento della somma di 250 euro a titolo di compensazione pecuniaria, oltre a interessi e spese legali.