• Menu Esci
  • Easyviaggio, offerte viaggi
    • Voli
    • Hotel
    • Vacanze
    • Destinazioni
    • Per saperne di Più
      • Idee di viaggio
      • Campeggio
      • Itinerari di viaggio
      • Autonoleggio
      • Community
      • ComparatoreGreen
  • Connettiti
Tagliato l'85% dei treni: le persone ancora non prendono coscienza
Pubblicato il 20/03/2020

TransportiItalia

Twitter Facebook 3 condivisioni

Trasporti: stop movimenti da e per Sicilia. Regolare il trasporto merci. Le persone possono viaggiare via mare sullo Stretto solo "per comprovate esigenze di lavoro, salute o necessità". Il punto sul nuovo decreto relativo ai trasporti.

<strong></strong>
©Elena Shchipkova/123RF

Alta Velocità

Come si legge sul sito ufficiale di Trenitalia :
A seguito delle disposizioni emanate dalle Autorità competenti in materia di prevenzione e contenimento del Coronavirus, l'offerta commerciale delle Frecce è riformulata per garantire i servizi minimi essenziali.
Programma di servizio dei treni a disposizione. Attivo call center gratuito 800 89 20 21.

Intercity

A seguito delle disposizioni emanate dalle Autorità competenti in materia di prevenzione e contenimento del Coronavirus, il trasporto Intercity è rimodulato per garantire i servizi minimi essenziali.
Programma di servizio dei treni a disposizione.

Il punto sul decreto

Collegamenti con la Sicilia quasi del tutto interrotti, voli privati limitati a comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o per motivi di salute, trasporti ferroviari ridotti: sono tra le nuove restrizioni che il ministero delle "Infrastrutture e Trasporti ha concertato insieme al ministero della Salute per frenare il diffondersi dell'epidemia. La stretta più pesante arriva per i collegamenti con la Sicilia, con due novità: per il traffico merci continuerà a essere garantito il trasporto delle derrate, ma «possibilmente su unità di carico isolate non accompagnate». Per i passeggeri da Messina per Villa San Giovanni e Reggio Calabria le corse giornaliere passano da 20 a 4, ma solo dalle 6 alle 21. E comunque a poter viaggiare saranno solo appartenenti alle Forze dell'ordine, operatori sanitari, pendolari, o persone che abbiano comprovate ragioni lavorative, di necessità o di salute", si legge sul Corriere.