• Menu Esci
  • Easyviaggio, offerte viaggi
    • Voli
    • Hotel
    • Vacanze
    • Destinazioni
    • Per saperne di Più
      • Idee di viaggio
      • Campeggio
      • Itinerari di viaggio
      • Autonoleggio
      • Community
      • ComparatoreGreen
  • Connettiti
Il 3 Giugno l'Italia riapre le frontiere: ecco cosa succederà
Pubblicato il 18/05/2020

SocietàItalia

Twitter Facebook 5 condivisioni

3 Giugno 2020: questa la data della riapertura della frontiere da e per l'Italia. Nel Decreto Riaperture vengono finalmente poste le basi per la ripartenza di viaggi e turismo grazie alle linee guida per il distanziamento sociale e le prime date sicure per ricominciare a programmare la stagione.

Riaprono le frontiere

Riaprono le frontiere
© diamant24/123RF

Fino al 2 giugno 2020 restano vietati gli spostamenti, con mezzi di trasporto pubblici e privati, in una regione diversa rispetto a quella in cui attualmente ci si trova, così come quelli da e per l'estero, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza o per motivi di salute; resta in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

Dal 3 giugno 2020 saranno nuovamente consentiti gli spostamenti tra regioni diverse e potranno essere limitati solo con provvedimenti statali adottati ai sensi dell'articolo 2 del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, in relazione a specifiche aree del territorio nazionale, secondo principi di adeguatezza e proporzionalità al rischio epidemiologico effettivamente presente in dette aree.

Tali norme varranno anche per gli spostamenti da e per l'estero, che torneranno liberi a meno di limitazioni nello Stato di arrivo e potranno essere limitati solo con provvedimenti statali anche in relazione a specifici Stati e territori. La riapertura delle frontiere non riguarda solo l'Italia ma tutta l'area Schengen che, secondo quanto riporta Repubblica si sta muovendo in maniera coordinata sotto la guida della Commissione Europea che coinvolge tutti gli Stati membri con la la vigilanza dell'Agenzia Ue per le malattie che potrebbe ripristinare limitazioni in alcune zone in caso di risalita dei contagi.