• Menu Esci
  • Easyviaggio, offerte viaggi
    • Voli
    • Hotel
    • Vacanze
    • Destinazioni
    • Per saperne di Più
      • Idee di viaggio
      • Campeggio
      • Itinerari di viaggio
      • Autonoleggio
      • Community
      • ComparatoreGreen
  • Connettiti
La nuova e avveniristica stazione di Tallinn
Pubblicato il 05/12/2019

TransportiEstonia

Twitter Facebook 2 condivisioni

Sono uscite le prime foto dei progetti per la stazione ad alta velocità di Tallinn: un omaggio a Zaha Hadid e alla sua estetica rivoluzionaria

Voir cette publication sur Instagram

Rail Balticu Ülemiste ühisterminali arhitektuurikonkursi võidutöö!!! Autoriteks on Zaha Hadid Architects ja OÜ Esplan. #railbaltica #zahahadid #ülemistecity #architecture #arhitektuur #transporthub #linnaplaneerimine #newtallinn #tulevikulinn

Une publication partagée par New Tallinn (@new_tallinn) le

Zaha Hadid era un'architetta irachena irrequieta e ambiziosissima.
Non è vissuta molto, Zaha: scomparsa a soli 65 anni a causa di un arresto cardiaco improvviso, ha lasciato dietro di sé centinaia di progetti aperti e altrettanti, conclusi, conosciuti in tutto il mondo.
Qualche nome? Il Museo nazionale delle arti del XXI secolo (MAXXI) a Roma, per esempio, e il London Aquatics Centre sono solo due degli innumerevoli lavori di Hadid.

Oggi lo studio da lei creato, lo Zaha Hadid Architects, di cui è direttore Patrik Schumacher, ha vinto il concorso internazionale indetto da Rail Baltica per creare una stazione sostenibile e funzionale (in linea con la certificazione ambientale Breeam) che sorgerà a Ulemiste, accanto all'aeroporto principale di Tallinn.
L'obiettivo è di riuscire a concludere l'opera entro il 2026, inaugurando così i collegamenti del nuovo terminal ad alta velocità tra Finlandia, Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia.

<strong></strong>
© Oleksiy Mark/123RF

Chi conosce le opere di Zaha Hadid sa di non potersi aspettare qualcosa di molto diverso dai suoi eredi: l'estetica è rimasta fedele all'avanguardia dell'architetta e cosi sarà anche per la stazione che metterà in contatto Tallinn con il resto d'Europa.
Da pochi giorni sono infatti stati resi pubblici i disegni del progetto ed è lì che si rintraccia la mano di Zaha Hadid, una mano invisibile che continua a guidare i suoi collaboratori: punto focale dell'opera sarà un ponte dalle forme sinuose che si snoda perpendicolarmente ai binari, piegandosi verso il centro.