• Menu Esci
  • Easyviaggio, offerte viaggi
    • Voli
    • Hotel
    • Vacanze
    • Destinazioni
    • Per saperne di Più
      • Idee di viaggio
      • Campeggio
      • Itinerari di viaggio
      • Autonoleggio
      • Community
      • ComparatoreGreen
  • Connettiti
Norwegian taglia sui costi: vittima la base di Roma Fiumicino
Pubblicato il 18/01/2019

TransportiItalia

Twitter Facebook 2 condivisioni

Norwegian rifà i conti per il 2019 e decide di tagliare sui Boeing 737. Chiuderanno, a partire dall'orario estivo, sei basi, tra le quali quella di Roma Fiumicino. Ecco i voli coinvolti nell'operazione.

La base chiuderà con l'entrata in vigore dell'orario estivo

La base chiuderà con l'entrata in vigore dell'orario estivo
© Jiri Senohrabek/123RF

Anno nuovo, vita nuova per Norwegian Air. La compagnia di bandiera norvegese ha deciso di diminuire i voli operati con Boeing 737 in ottica di un'ottimizzazione dei costi. I Boeing 737 sono stati fin'ora usati principalmente su tratte in Europa, più qualche tratta a lungo raggio verso gli Stati Uniti e il Medio Oriente. La riduzione dei velivoli non intaccherà il personale, che sarà dirottato sui voli Boeing 787, con ricollocamento in altre basi.

«Abbiamo un obiettivo chiaro, ovvero evitare esuberi» ha specificato Helga Bollmann Leknes, chief commercial officer di Norwegian. «Per questo offriremo agli equipaggi interessati il trasferimento presso le nostre basi di Oslo, Stoccolma e Madrid, oppure il ricollocamento su operazioni a lungo raggio con aeromobili Dreamliner».

Subiranno invece conseguenze della scelta di Norwegian alcune basi in tutto il mondo, tra le quali quella di Roma Fiumicino, che verranno chiuse a partire da aprile 2019, ovvero all'inizio del passaggio all'orario estivo. Ad accompagnare Fiumicino anche le basi di Palma di Maiorca, Gran Canaria, Tenerife in Europa, e Steward e Providence negli Stati Uniti. Chiuderanno, inoltre, anche la basi piloti per i B785 di Bangkok, Fort Lauderdale e Amsterdam.

I voli a lungo raggio da Roma Fiumicino gestiti con aeromobili Dreamliner rimarranno operativi, dunque confermati tutti i collegamenti verso gli Stati Uniti. Cancellati, invece, dall'estate 2019, i voli per Göteborg, Reykjavik, Tenerife Sud e Tel Aviv, per un totale di quattro rotte. Una quinta rotta, la Roma - Helsinki, verrà invece ridotta di frequenza, passando da sei a quattro voli la settimana.

«Norwegian ha raggiunto un punto per cui era necessario operare degli accorgimenti alle sue rotte per migliorare le performance finanziarie e la sostenibilità economica dell'azienda» è stato il commento della Bollmann Leknes.
L'operazione varrà un risparmio totale di 234 milioni di dollari. La ristrutturazione potrebbe essere dovuta ad un'eventuale ottica di messa in vendita della compagnia.