Pubblicato il 13/11/2019

#Transporti #Regno Unito

Voli del futuro: addio alle code grazie al riconoscimento facciale

Stanchi delle file interminabili al gate? Aeroporti e vettori propongono esperimenti sempre più veloci per l'imbarco. Ecco che forma avrà l'aeroporto del futuro!

<strong></strong>

© rawpixel/132rf

Non tutti dispongono degli accessi prioritari in fase di imbarco. Questo significa solo una cosa: lunghe e stressanti attese in piedi davanti al gate, con il rischio di vedere il proprio bagaglio a mano imbarcato, senza una ragione precisa.
L'aeroporto di Gatwick e Korean Air - e molti altri prima di loro - hanno sperimentato delle soluzioni efficaci per dire, finalmente, addio alle code.

Il Londra Gatwick, secondo aeroporto più grande della città - con un mercato da oltre 170 milioni di viaggiatori all'anno - ha deciso di ovviare al problema mettendo in atto una strategia innovativa. Nei prossimi due mesi testerà l'imbarco in base alla poltrona: come nell'appello scolastico, si farà avvicinare al gate un passeggero per volta, chiamato per posto e numero di fila, a cominciare da quelli esterni.
Secondo gli esperti, questo piano operativo ridurrà drasticamente i tempi (del 10%) semplificando l'arrivo nell'aeromobile. Da quanto si evince dalle dichiarazioni, le famiglie che per motivi di fila dovrebbero essere imbarcate separatamente, saranno autorizzate a salire insieme sul velivolo.

<strong></strong>

© alicephoto/123RF

Le sorprese non finiscono qui. Ci spostiamo ad Atlanta per parlare della soluzione proposta da Korean Air; come altre compagnie, il vettore implementerà qui l'imbarco con riconoscimento facciale a partire dal 1° novembre. La tecnologia funzionerà grazie ad una foto scattata al gate, in grado controllare automaticamente la sua corrispondenza con il passaporto e con le informazioni sulla carta d'imbarco. Korean Air opera già il servizio di riconoscimento facciale negli aeroporti di Singapore e Los Angeles, con lo scopo di migliorare e semplificare l'esperienza di imbarco dei passeggeri. Sicuramente la strada da percorrere per arrivare all'azzeramento delle code al gate è ancora lunga e tortuosa, ma questi esperimenti potrebbero essere delle soluzioni efficienti per accorciare i tempi!

Altri articoli proposti dall'autore