• Connettiti
Iberia Plastic Free: le iniziative per ridurre la plastica in volo
Pubblicato il 27/07/2019

TrasportiSpagna

Twitter Facebook 3 condivisioni

Dopo le recenti strategie sviluppate per ridurre le emissioni di carburante, l'ultima sfida ecologica delle compagnie aeree consiste nel riciclo degli imballaggi di plastica utilizzati a bordo. In questo capo la spagnola Iberia si rivela campionessa di sostenibilità...

<strong></strong>
© Gerold Grotelueschen/123RF

È un momento delicato per l'equilibrio ambientale, l'ultimo provvedimento varato dalla Commissione Europea ne è la prova. Una sentenza inappellabile "stop al consumo di plastica monouso entro il 2021" che sembra più una richiesta d'aiuto, l'ultimo tentativo di porre rimedio a un inquinamento crescente capace di sfiorare conseguenze allarmanti per l'ecosistema. Le compagnie aeree sono da sempre nel mirino degli ambientalisti in quanto gestiscono i mezzi statisticamente più inquinanti del pianeta. Di recente si stanno triplicando le iniziative per ridurre l'uso di carburante e attenuare la produzione di gas di scarico, ma ancora poco è stato fatto per dimezzare il consumo di materie plastiche.

Fateci caso, la maggior parte degli oggetti con cui venite a contatto durante un volo è avvolto in un impalpabile involucro di plastica, oppure è composto di materiale plastico: cuscinetti imballati, piumini ricoperti di cellophane, cannucce, bicchierini, bottigliette cucchiai. Gli aerei sembrano ormai essere il regno della plastica per eccellenza: perché si tratta di un materiale comodo, sottile, non ingombrante, usa e getta, perfetto da utilizzare nel tempo limitato di un viaggio. Eppure le sue conseguenze sull'ambiente sono disastrose.

L'iniziativa di Iberia

Una delle prime compagnie aeree ad attivarsi in questo senso è la spagnola Iberia Airlines, che da tempo ha fatto della sostenibilità una priorità per i propri voli ad alto tasso ecologico. Iberia ha attuato una serie di iniziative che l'hanno condotta a ridurre notevolmente l'uso di plastica: nell'arco di un anno è arrivata a caricare 68,5 tonnellate di plastica in meno a bordo dei propri velivoli.

<strong></strong>
© Bato1995/123RF

Come è stato possibile un tale vertigionoso cambiamento? Semplice, con poche, attente ed efficaci mosse. La carta ha sostituito la plastica nell'imballaggio degli articoli più ingombranti, mentre per altri kit da viaggio di toilette il sottile involucro è stato totalmente eliminato. I bastoncini di plastica per le tazzine di caffé sono diventati di bambù, le cannucce delle bibite sono di carta, i sacchetti di plastica per coprire coperte e cuscini sono molto più sottili. Quando possibile Iberia ha scelto di riciclare i materiali plastici, specie quelli usati con pura funzione di imballaggio, e oltre l'80% dei rifiuti prodotti in cabina.

L'impegno della compagnia spagnola non si limita al viaggio in alta quota, persino il consumo di plastica a terra nella Lounge Premium di Iberia è stato ridotto notevolmente: nel settore lounge vengono utilizzate bottiglie di vetro, e le merci vengono consegnate in formati sfusi, privi di imballaggio.

Misure ecosostenibili

Le misure ecosostenibili adottate da Iberia sono la prova che un futuro senza plastica è possibile: bastano pochi provvedimenti semplici per ottenere risultati efficaci per la salvaguardia dell'ambiente. La gestione dei rifiuti cambia di paese in paese, di aeroporto a aeroporto, ma di certo uniformarla seguendo delle misure di prevenzione comuni potrebbe essere una valida alternativa all'invasione plastica che sta sconvolgendo il pianeta e avvelenando gli ecosistemi marini.

United Airlines lo scorso 5 giugno, in occasione della Giornata Mondiale dell'Ambiente, ha effettuato il volo più ecosostenibile della storia denominandolo, in ossequio all'occorrenza, "Flight for the Planet". I vari provvedimenti adottati dalla compagnia americana comprendevano anche l'uso di tazze di carta reciclabile e involucri in cera d'api. In Europa a dare l'esempio è la spagnola Iberia, ma anche altre compagnia, tra cui Air France, stanno attivando piani quinquiennali per cavalcare l'onda green della salvaguardia ambientale.