• Menu Esci
  • Easyviaggio, offerte viaggi
    • Voli
    • Hotel
    • Vacanze
    • Destinazioni
    • Per saperne di Più
      • Idee di viaggio
      • Campeggio
      • Itinerari di viaggio
      • Autonoleggio
      • Community
      • ComparatoreGreen
  • Connettiti
16 mesi di carcere per l'uomo che ha denunciato la falsa presenza di un ordigno su un aereo
Pubblicato il 25/01/2020 , Modificato il 28/01/2020

CuriositàRegno Unito

Twitter Facebook 4 condivisioni

Ecco l'ennesimo caso di un uomo che per non perdere l'aereo lancia un allarme bomba

Sembrano moltiplicarsi i casi di persone che per fermare la partenza di un volo chiamano anonimamente l'aeroporto denunciando la falsa presenza di un ordigno sul velivolo.
Forse non è neanche necessario analizzare il retropensiero dell'individuo che sceglie, in preda a un istinto di perseguimento dei propri obiettivi inarrestabile, di inventare una storia così sgradevole.
Sicuramente sarebbe opportuno capire il motivo di un incremento, negli ultimi anni, di episodi di questo genere.

Gli attacchi terroristici, a partire dai più drammaticamente celebri del 2001 sino ad arrivare ai recenti del 2015, devono aver fatto emergere, in ognuno di noi, una propensione alla credenza nel tragico.
La nostra ricettività a notizie o allarmi dal sapore funesto è aumentata, conviviamo con la paura di essere vittime noi stessi o i nostri cari di eventi luttuosi non casuali: sarà per questo che dal 2016 diverse persone che rischiavano di perdere un volo hanno sperato, riuscendoci, di bloccarne la partenza annunciando in forma anonima la presenza di una bomba sull'aereo.
Siamo a conoscenza delle paure di cui ci nutriamo quotidianamente e sappiamo, quindi, quanto panico possa creare la paura di morire per un attacco terroristico incarnata in un ordigno.

<strong></strong>
©rawpixel/123RF

Il caso

L'ultimo episodio è di pochi giorni fa: un trentaduenne britannico diretto all'aeroporto di Gatwick è rimasto imbottigliato nel traffico e per evitare di perdere il volo ha deciso di chiamare la polizia dichiarando la presenza di una bomba sull'aereo.
Scoperto l'autore della falsa notizia, ( l'uomo aveva effettuato la telefonata dal proprio cellulare mentre era in taxi) le autorità inglesi l'hanno arrestato una volta arrivato al gate e , dopo un processo, è stato condannato a 16 mesi di carcere.
Il danno economico totale per l'aerolinea (che ha fatto scendere l'equipaggio e i passeggeri a terra e ha controllato tutti i bagagli) è stato calcolato in 30mila sterline.