• Menu Esci
  • Easyviaggio, offerte viaggi
    • Voli
    • Hotel
    • Vacanze
    • Destinazioni
    • Per saperne di Più
      • Idee di viaggio
      • Campeggio
      • Itinerari di viaggio
      • Autonoleggio
      • Community
      • ComparatoreGreen
  • Connettiti
Covid-19: il punto in Italia e nel mondo
Pubblicato il 06/04/2020

SocietàItalia

Twitter Facebook 5 condivisioni

La Johns Hopkins University parla di 69.498 vittime per il Covid-19. Un milione le persone contagiate: gli Stati Uniti sono il Paese con il maggior numero di casi, l'Italia quello con il numero più alto di vittime. Ecco perché dobbiamo NECESSARIAMENTE restate a casa!

<strong></strong>
©Jerome Cronenberger/123rf

Gli Stati Uniti contano il maggior numero di contagi; oltre mille lavoratori della subway positivi e sono ventidue i morti accertati. Anche la Spagna conta le sue vittime giorno dopo giorno; sempre dalla Johns Hopkins University si apprende che il numero dei morti sale a 12.641.

Haiti

Intanto, su La Repubblica, apprendiamo che il virus è arrivato ad Haiti e ha mietuto la sua prima vittima. "Si tratta di un uomo di 55 anni che soffriva di diabete e ipertensione. Il paziente rientrava nel gruppo di 21 contagiati ufficialmente registrati sull'isola. Finora sono stati condotti solo 218 test dal primo caso riscontrato, il 19 marzo, e le misure restrittive adottate dal governo vengono sistematicamente violate (come il divieto di assembramento di più di 10 persone). Anche restare a casa appare difficile perché la maggioranza della popolazione dipende dall'economia informale, in un paese poverissimo che ancora non si è risollevato dal terribile terremoto di 10 anni fa."

Decreto Argentina

In Argentina, la Gazzetta ufficiale di Buenos Aires prevede l'esenzione della quarantena per donne e membri della comunità LGBT vittime di violenza. Nella normativa rientrano "quelle situazioni per cui donne o persone del gruppo Lgbt, sole o con i figli, debbano abbandonare il loro domicilio al fine di realizzare le pertinenti denunce penali rispetto a episodi di violenza. Oppure intendano chiedere aiuto, assistenza o protezione per la situazione di violenza in cui sono coinvolte".

Giappone

Anche il Giappone dichiarerà presto lo Stato di emergenza, lo rivela una fonte governativa all'agenzia Kyodo, che spiega come il provvedimento sarà operativo da domani e consentirà alle municipalità di formulare gli avvisi ai cittadini a rimanere a casa e richiedere la chiusura delle scuole e di altri servizi alla comunità.