• Connettiti
Buone notizie per il Pianeta: Bali dice NO alla plastica
Pubblicato il 10/07/2019 17 condivisioni

AmbienteIndonesia

Twitter Facebook 17 condivisioni

Bali bandisce ufficialmente la plastica mono-uso. La prima cosa che immaginiamo quando pensiamo a questa isola esotica sono senza dubbio le sue meravigliose spiagge bianche, la natura incontaminata e le acque cristalline che attraggono migliaia di turisti ogni anno. Ma pochi sanno che Bali soffre da decenni a causa del massiccio inquinamento marino. La plastica ha purtroppo trovato la sua strada nell'oceano e si Ŕ infiltrata persino all'interno delle spiagge. Il turismo di massa non ha fatto altro che peggiorare la situazione...

<strong></strong>
ę tykhyi/123rf

Il governo di Bali spera di ridurre il consumo di plastica del 70%.
La guerra di Bali contro la plastica Ŕ iniziata lo scorso dicembre, in risposta all'inquinamento crescente riscontrato nelle spiagge, quando il governatore dell'isola, Wayan Koster annunci˛ il suo ambizioso piano di riqualificazione. Il suo progetto includeva anche un sostegno alle imprese locali.
Queste misure sono state finalmente applicate una settimana fa dopo sei mesi di trattative; e ora la plastica mono-uso, incluse le cannucce, le borse della spesa e le scatole di polistirolo, sono totalmente vietate a Bali!

Il cambiamento ha avuto inizio dai ristoranti locali e dai supermercati che hanno progressivamente introdotto imballaggi naturali alternativi fatti di foglie di banana al posto delle solite scatole di polistirolo.
Per essere certo che la legge fosse rispettata, Wayan Koster ha annunciato che sarebbero state imposte delle sanzioni ai negozi e alle attivitÓ che avessero trasgredito le nuove norme.

<strong></strong>
ę Oleg_Doroshenko/123RF

Le ricerche condotte nel 2015 dalla rivista Science Magazine hanno rivelato che l'Indonesia Ŕ il secondo pi¨ grande produttore di plastica al mondo dopo la Cina e appena un posto prima delle Filippine, che da sole contano ben l'83% dei rifiuti del Paese. Questa nuova legge Ŕ stata quindi considerata un'ottima notizia dagli ambientalisti di tutto il mondo.
Nel 2018 un allarmante video che mostrava un nuotatore britannico tuffarsi in mezzo ai rifiuti di plastica nei pressi di Bali era diventato virale, mostrando alla popolazione locale e al mondo intero il problema crescente dell'inquinamento dell'isola.

Ma fortunatamente Bali non Ŕ l'unico continenente a impegnarsi per combattere l'inquinamento plastico.
In Canada, il primo ministro Justin Trudeau ha annunciato lo scorso mese un piano per eliminare i materiali di plastica monos-uso entro il 2021. E proprio l'anno scorso il Parlamento Europeo ha approvato un regolamento per bandire la plastica mono-uso, come cannucce, tamponi di cotone e posate, che dovrebbe diventare effettivo a partire dal 2021.