• Connettiti
  • Trova i tuoi :
  • Voli
  • Hotel
  • Volo + Hotel
  • Case vacanza
  • Auto
  • Vacanze
  • Guida di viaggio
Zoom su Il Tour al via: vacanze in bicicletta, dove e come

8 - Avventure in altri continenti

Il Tour al via: vacanze in bicicletta, dove e come © Copyright

Partire all'avventura, per una transcontinentale su due ruote, è una idea messa in atto già da molti ciclisti. Nel 1996 Harry Gensler, professore universitario dell'Ohio, è partito nel 1996 da Los Angeles l'8 maggio per arrivare, poco più di un mese dopo, a New York.
Un viaggio Coast to Coast, nella migliore tradizione a stelle e strisce, ma con la sola compagnia di una bici Fuji che ha percorso ben 19 mila chilometri (con diverse sostituzioni di gomme e altri pezzi).
"Mi svegliavo con il sole, prendevo il caffé e i cereali - racconta il professore sul suo sito - prendevo le superstrade ma non le interstatali, talvolta mi fermavo a mangiare, spesso da McDonald, perché il servizio era veloce e potevo controllare la mia bici".
Nel suo sito harryhiker, organizzato in maniera asciutta ma dettagliata, il professore offre un ottimo resoconto delle difficoltà da affrontare in un'avventura simile. Ci sono anche una serie di domande (what do you do if, cosa faresti se...) che iniziano a mettere alla prova chi vuole pianificare lunghi viaggi in bicicletta.

Appassionante anche il diario di viaggio di due ragazzi americani, Tylor e Tara, impegnati in un vero e proprio giro del mondo (principalmente) in bici. I due documentano ogni tappa con bellissime foto, catalogando ogni fatto e persona che incontrano tramite i post del loro blog intitolato Going Slowly (andando piano).
Il risultato? Un enorme romanzo con tantissimi episodi che si può sfogliare anche da casa, decidendo se programmare un viaggio ispirandosi alle loro avventure in Asia centrale piuttosto che quello in una lunga biciclettata che li ha portati dalla Scozia all'Italia meridionale.

Il Mezzogiorno in bici Dal manubrio alla penna