• Connettiti
Hotel Intercontinental Sun Peninsula Resort Danang Hotel 5 stelle
Easyesperti
Bai Bac, Son Tra Peninsula Tho Quang Ward, Son Tra District Da Nang, Vietnam -
Guarda la mappa
Paola Kim Simonelli Capo rubrica

Sulla spiaggia privata di Danang, l'Intercontinental è un indirizzo lussuoso che gioca con dimensioni stratosferiche e accetta la sfida di costruire un resort di 4 piani con 197 camere che domina il mare dell'Est preservando tuttavia la natura. Uno degli stabilimenti più impressionanti di tutto il Vietnam sia per le dimensioni che per la qualità delle infrastrutture e degli interni. Ideale come ultima tappa dopo un viaggio avventuroso, per concludere con un resort di lusso in cui non manca nulla.

+
  • Balneare
  • Famiglia
  • Gastronomia
  • Lusso
  • Benessere
  • Spa
  • Volo
    • Hotel Intercontinental Sun Peninsula Resort Danang

      Intercontinental Sun Peninsula Resort Danang   -   © 2013 Christopher Cypert

    • Hotel Intercontinental Sun Peninsula Resort Danang

      Intercontinental Sun Peninsula Resort Danang   -   © Hotel InterContinental Danang Resort

       
    Confronta tutte le tariffe

    Prezzo a notte - Trova in 44 partner
    • - AccorHotels.com - Vedi i prezzi
    • - AsiaTravel.com - Vedi i prezzi
    • - Amoma - Vedi i prezzi
    • - Ctrip.com - Vedi i prezzi
    • - Ebookers - Vedi i prezzi
    • - Elvoline - Vedi i prezzi
    • - Expedia - Vedi i prezzi
    • - Site officiel de l'hotel - Vedi i prezzi
    • - Getaroom - Vedi i prezzi
    • - Hanatour - Vedi i prezzi
    • - HappyRooms - Vedi i prezzi
    • - Hilton.com - Vedi i prezzi
    • - Homestay.com - Vedi i prezzi
    • - Hotel.info - Vedi i prezzi
    • - Hotelius - Vedi i prezzi
    • - Hotelnjoy - Vedi i prezzi
    • - Hotelpass - Vedi i prezzi
    • - HotelJoin - Vedi i prezzi
    • - Hotelopia - Vedi i prezzi
    • - Hotell.no - Vedi i prezzi
    • - Superbreak - Vedi i prezzi
    • - Hotels.com - Vedi i prezzi
    • - HotelsClick.com - Vedi i prezzi
    • - HotelTravel - Vedi i prezzi
    • - Hotelquickly - Vedi i prezzi
    • - Hotusa - Vedi i prezzi
    • - Jalan - Vedi i prezzi
    • - Lastminute.com - Vedi i prezzi
    • - Laterooms - Vedi i prezzi
    • - Otel - Vedi i prezzi
    • - Ostrovok - Vedi i prezzi
    • - Ozon Travel - Vedi i prezzi
    • - Prestigia - Vedi i prezzi
    • - Rumbo BravoFly Volagratis - Vedi i prezzi
    • - Rakuten - Vedi i prezzi
    • - Reserver avec l?hotel - Vedi i prezzi
    • - Sembo - Vedi i prezzi
    • - Skoosh - Vedi i prezzi
    • - TravelClick - Vedi i prezzi
    • - Travelocity - Vedi i prezzi
    • - Voyage SNCF - Vedi i prezzi
    • - Yanolja - Vedi i prezzi
    • - ZenHotels HC - Vedi i prezzi
    • - Agoda - Vedi i prezzi
    Vedi altri prodotti

    Posizione 5.27 /10

    A 800 km da Saigon e a 700 km da Ha Noi, lungo una spiaggia lunga 700 m, l'InterContinental Danang Sun Peninsula Resort si trova nella foresta tropicale di Monkey Mountain. A mezz'ora dall'hotel, il sito My Son e l'affascinante città di Hoi An. A 3 ore di strada dal Passo delle Nuvole, la cittadella imperiale di Hué.

    Alloggio 8.45 /10

    Dalle camere Classic alla Royale Residence by The Sea, i clienti possono scegliere tra molteplici sistemazioni associate a numerosi servizi. Chi opterà per le camere classiche avrà comunque a disposizione 70 m², vista mare e terrazzo. Poi ci sono altri piccoli vantaggi come la vista a 180° sulla baia, grill giapponese, accesso al Club Lounge o trasferimento privato in aeroporto. Ci sono poi le suite e le ville, appartenenti a un'altra categoria e con una superficie ben superiore che può raggiungere i 300 m² con tanto di piscina privata. Le camere sono arredate tutte in modo sobrio e raffinato in uno stile contemporaneo d'ispirazione asiatica. Ritroviamo la forma di una lanterna vietnamita nel disegno delle testiere del letto, nelle curve dei paralumi, o ancora nel contorno discreto di uno specchio sul soffitto che riflette i primi raggi del sole. L'influenza coloniale si riconosce nelle finestre di legno con apertura manuale, così come nelle assi scure del parquet laccato o ancora nelle persiane di tela grezza che lasciano filtrare la luce nel bagno dotato di una spaziosa vasca e di una doccia a pioggia. Nell'armadio, ciabatte, un cesto di vimini e un cappello vietnamita per la spiaggia. Piccole attenzioni per ricordare agli ospiti che qui si sguazza nel lusso. Per quanto riguarda le dotazioni, non manca niente: 81 canali appaiono con un semplice clic su uno schermo piatto, supporto iPod collegato a un impianto stereo Bose, una macchina da caffè Illy, connessione Wifi, minibar...

    Infrastrutture 8.95 /10

    Costruito dall'architetto Bill Bensley, questo resort di quattro piani e 197 camere e suite, sorge sul pendio della collina e domina il mare. Se la reception è in cima (in Paradiso), le piscine, la spa e la maggior parte dei ristoranti sono sul lungomare. Per muoversi in quest'enorme struttura ci sono delle piccole auto e soprattutto delle teleferiche! Per collegare i quattro piani del resort chiamati Heaven, Sky, Earth and Sea, l'architetto ha avuto la brillante idea di creare delle telecabine originali a forma di barche di vimini che scorrono lentamente su due vie parallele, dal Paradiso al Mare e dal Mare al Paradiso attraverso dei bei giardini. Anche in questo caso niente è stato lasciato al caso ed è stato scelto un design che si fonde perfettamente con la natura.
    Per quanto riguarda la decorazione, lo stile si può intuire già nella reception dove regna un'atmosfera descritta come "red carpet". Vasche, fontane, marmi, ampia terrazza affacciata sul mare per bere qualcosa. Allo stesso piano la portineria ispirata alle vecchie banche coloniali, il centro conferenze più spettacolare del Vietnam, il ristorante Citron aperto a qualsiasi ora e il Sun Peninsula Club Lounge riservato ai VIP. E per compensare il fatto di essere lontani dalla città, tutte le attività di animazione prevedono karaoke, cinema e discoteca. Niente di meno!
    Al livello del mare si trovano le Villa by the Beach, il Barefoot Foot Café, il L_o_n_g Bar, il Planet Trekker (il mini-club), il Soar Gym (sala fitness), la reception dell'HARNN Heritage Spa e, accoccolati attorno a una misteriosa laguna, i bungalow per trattamenti della Spa. Senza dimenticare lo spazio riservato allo yoga e al Tai Chi. Alcune delle infrastrutture che animano il resort aprono solo la sera. Questa moltitudine di attività permette ai clienti di vivere in perfetta autonomia:
    Il Karaoke "M Le Rouge", molto amato dalla clientela asiatica, si ispira all'epoca d'oro del Moulin Rouge di Parigi e dei cabaret di Broadway a New York o del West End londinese.
    Le sei sale per spettacoli, ispirate ognuna a un tema differente, fanno rivivere le grandi star della moda, del cinema e del Music hall degli anni 1920 - 1970: Josephine Baker, Coco Chanel, Marylin Monroe, Brigitte Bardot, Véronika Lake, Tina Turner. Ogni sala ha il proprio guardaroba, i propri costumi, la propria sala make-up per trasformarsi in pop-star prima di cantare davanti a un pubblico di fan, accompagnati da professionisti della scenografia, della musica e della luce.
    Il cinema possiede 108 posti, delle lussuose poltrone di pelle color zafferano e un grande schermo in cui sono proiettati gli ultimi grandi successi internazionali. Dietro le quinte, tecnici, truccatori, costumisti, tutta una squadra di professionisti è pronta ad accogliere sul palco e sotto i riflettori le più grandi star locali e internazionali.
    Un night club, l'"M", che può accogliere fino a 300 persone, e il suo "M privé", riservato a un centinaio di VIP, vi faranno ballare tutta la notte. Grazie all'arredo, alla musica e alla scelta dei 2 DJ, il responsabile, che ha lavorato per il Pacha Club d'Ibiza e L'Armani Club di Dubai, ha saputo creare un luogo particolarmente originale e innovativo.
    Infine, i più piccoli hanno un posto tutto per loro: il Planet Trekker. Un luogo originale dotato di giochi e di scivoli vari affinché i bambini dai 4 ai 12 anni si divertano in un'atmosfera pensata apposta per loro e decorata con gusto e ingegnosità. Ed è esattamente quello che ci si aspettava dai decoratori d'interni che non hanno lasciato nulla al caso. I bambini di età interiore ai 4 anni dovranno essere accompagnati per restare al mini-club!

    Ristoranti 8.70 /10

    L'Intercontinental ha prestato molta attenzione nella scelta dell'offerta gastronomica e la complicità tra l'architetto e lo chef stellato Michel Roux ha di certo partecipato all'eccellenza sia di uno dei migliori ristoranti dell'Asia, il Véranda, sia a quella degli altri ristoranti del complesso.
    Il Citron propone 120 posti a sedere in un ambiente solare che mette di buonumore sin dal mattino. È il centro nevralgico del resort con la sua atmosfera musicale e il suo immenso buffet, particolarmente spettacolare all'ora del brunch domenicale.
    I posti più ambiti sono quelli nelle navicelle esterne a forma di "non la" capovolto (il tipico cappello vietnamita) che sembrano galleggiare a 100 m sopra il mare.
    Lo Chef del Citron Nguyen Duc Duong ha vinto nel 2014 il "golden Spoon" del miglior chef vietnamita. Il suo menù passa in rassegna tutte le specialità del nord, del sud, del centro e del Mékong, con in più un tocco di cucina mediterranea. Tra i piatti più emblematici il "Wok-seared frogs legs" (cosce di rana), il "Wok-seared Eel" a base di anguille e il "Vietnamese Wok-seared Beef" con pomodori e basilico. Un festival di sapori con erbe e spezie locali: coriandolo, cannella, pepe verde, erba limoncina e zenzero.
    Oltre al Citron c'è il Sun Peninsula Club Lounge, molto esclusivo e panoramico, riservato ai clienti VIP.

    Per un pasto rapido in spiaggia tra un bagno e l'altro c'è il Barefoot Café, semplice e accogliente. La sera, e in particolare il venerdì, offre un abbondante e ottimo buffet di frutti di mare (pesce, crostacei e ostriche locali).

    C'è anche un altro ristorante che può essere privatizzato per una cena in tête à tête o il Long bar, per bere un cocktail stando sprofondati in comode poltrone di vimini. Tuttavia, il posto di cui si parla in tutto il mondo è senza dubbio La Maison 1888 di Michel Roux, con ben tre stelle. Frutto dell'amicizia di due uomini di talento - l'architetto americano Bill Bensley e lo Chef francese Michel Roux - e di un sogno condiviso, ossia ricreare la casa tipica dei proprietari di piantagioni, come quelle che esistevano un tempo in Indocina, con pergolato, sala da pranzo familiare, fumoir e, al piano di sopra, le camere dei bambini: ecco La Maison 1888.
    Per diventare un ristorante gastronomico con 60 posti a sedere, La Maison 1888 ha dovuto subire delle trasformazioni. Il pergolato è diventato una terrazza con tavoli affacciati sul mare circondati da giardini, il fumoir con i suoi trofei di caccia, i suoi sigari cubani e gli Champagne millesimati è stato battezzato "Buffalo Bar", la sala da pranzo è oggi il laboratorio dello Chef e un atelier per i corsi di cucina, la grande sala di ricevimento è diventata una sala ristorante con 30 posti a sedere, "La Véranda", con 4 alcove per cene a lume di candela. Le camere dei bambini sono state trasformate in sale private capaci di accogliere fino a dieci persone.
    La stanza del figlio avventuroso con un modellino aereo sul soffitto e ricordi di viaggio esposti nelle vetrine è diventata la "Traveller Room", mentre l'"Accountant room" del figliol prodigo propone un'impressionante quantità di macchine per fare i conti. Sul soffitto, una gigantesca ricetta scritta a mano da Michel Roux, redatta quando era bambino. La camera dalla sorellina frivola è diventata il "Boudoir de Madame", con letto cinese, tavolino da toilette, boa e fronzoli vari.
    In quest'atmosfera retrò, Michel Roux e la sua squadra, Stéphane Colliet, chef di cucina, Simone Galazzo, direttore del ristorante, e Stéphanie Aubriot, chef pasticcere, propongono un'autentica cucina francese servita "à la cloche", come vuole la tradizione.
    Il menù è un'antologia e solo a leggerlo si ha l'acquolina in bocca: insalata di astice agli agrumi e chutney di piccoli mandarini, petto di maiale confit al ginepro, stufato di cavolo e patate alla lionese rivisitate, teneri filetti di coniglio su fondente di sedano-rapa, salsa all'Armagnac e ai marrons glacés, per non parlare dei dessert: torta Tatin e gelato alla cannella, soufflé caldo al gran Marnier con aggiunta di mirtilli...
    Se le verdure vengono quasi tutte dal mercato di Danang e le spezie dal giardino, gli astici hanno invece tutt'altra storia. Non riuscendo a trovarne nessuno nelle reti dei pescatori locali che avesse delle dimensioni standard, sono stati importati dal Canada e ora vivono in un acquario gigante nelle cucine.

    Spa 8.7 /10

    Tutti gli alberghi dispongono ormai di un centro spa e quello dell'Intercontinental Sun Peninsula Resort Danang non ha niente da invidiare agli altri stabilimenti del Vietnam. In riva al mare, si tratta senza dubbio dell'unico spa al mondo in cui si può anche alloggiare. La qualità dei trattamenti, la scelta dei prodotti, la decorazione, tutto rispecchia l'immagine stessa dell'albergo, curato e di eccellente qualità. È stata scelta una marca thailandese, la HARNN Heritage, nota per la qualità e la purezza dei suoi prodotti naturali, ma gli oli essenziali utilizzati sono distillati sul posto per garantire la massima efficacia in base al vostro profilo ayurvedico: aria, fuoco, acqua o terra... I trattamenti, ispirati alla medicina cinese e alla naturopatia, mirano ad equilibrare le energie tra lo Yin e lo Yang e ad avere un'azione benefica su corpo e mente.
    Accolti come in un santuario alla reception dell'HARNN Heritage Spa, i clienti scelgono il loro trattamento durante una consultazione privata, guidati dai consigli di terapeuti qualificati. Dopodiché, una buggy li condurrà a uno degli 8 bungalow dello spa distribuiti attorno alla laguna, attrezzati con sala per trattamenti, idromassaggio, sauna e hammam.
    La parentesi benessere dura 180 minuti a seconda che abbiate scelto il detox "Journey of Marble Moutains", l'energizzante "Journey of Oriental Rose", il rilassante "Journey of Siamese Jasmine" o il "Journey of the Eurasians" all'essenza di citronella e lavanda, assolutamente anti-stress.
    Lo spa propone trattamenti per il viso, massaggi tradizionali, cure pre-natali, trattamenti per bambini, yoga, thai chi, così come delle "Wellness journeys" da 3, 5 o 7 giorni per un totale di 350, 540 e 930 minuti di trattamenti, una cura per il benessere e il ringiovanimento di lunga durata.
    Il vero "must" resta comunque la permanenza da 2, 3 o 5 giorni nella Spa Lagoon Retreat Villas, delle vere e proprie residenze private con camera profumata e luce soffusa per notti rigeneratrici, giornate di trattamenti e pasti dietetici su misura e su richiesta.
    Pensato innanzitutto per le persone contemplative che cercano un ritiro silenzioso e mistico, il posto offre una combinazione perfetta: la Villa nella Spa e la Spa nella Villa.
    Bastien Gonzalez, il pedicure delle star e dell'alta società, inaugura qui uno dei suoi più bei saloni, lo Studio ManiPediCure, arredato come il boudoir di una duchessa. Un'esperienza unica basata sul rispetto della bellezza naturale dell'unghia, un delicato approccio medico e un benefico massaggio. Questi trattamenti, noti in tutto il mondo per la loro qualità e raffinatezza, hanno ottenuto numerosi riconoscimenti nell'universo della bellezza asiatico. Per una pedicure-manicure come non ne avete mai viste prima!

    Spiaggia 7.95 /10

    La spiaggia si trova ai piedi dell'hotel. Se si deve prendere la teleferica per arrivarci, troverete bar, ristoranti e spa a portata di mano una volta scesi. Calma e ben attrezzata, la spiaggia sarà perfetta per tutti i tipi di bagnanti e amanti del dolce far niente.

    Da sapere

    Ci sono voluti 8 anni di lavori per costruire questo hotel. Sin dall'atterraggio all'aeroporto di Danang siete accolti in un salone privato InterContinental Danang Sun Peninsula Resort, mentre il personale dell'hotel si fa carico delle vostre valigie e una navetta climatizzata vi aspetta davanti la porta.
    Nelle suite e ville potrete scegliere fra due tipi di maggiordomo: il classico o il privato, e cioè maggiordomo e segretario al tempo stesso, che può accompagnarvi in città e realizzare tutti i vostri desideri, come un genio della lampada.
    I bimbi al di sotto dei 4 anni (con la presenza di un genitore) e i bimbi dai 4 ai 12 accompagnati da una baby-sitter hanno a loro disposizione il Planet Trekker, un mini-club con scivoli, playstation e diversi giochi. Per loro c'è anche una piscina sulla spiaggia e addirittura un L_o_n_g Bar, un Bar con gelati, caramelle e popcorn pensato appositamente per i bambini.

    Attrezzatura

    • Navetta
    • Parcheggio
    • Accesso disabili
    • Ristoranti
    • Internet
    • Aria condizionata
    • Spazio benessere

      massaggio, salone di bellezza, sauna, hammam, rimessa in forma, cure termali, bagno turco, zona benessere

    • Piscina
    • Sport

      tennis, golf, fitness

    • Parrucchiere
    • Idromassaggio
    • Cassaforte
    • Camere non fumatori
    • Solarium
    • Spiaggia privata
    • Sala riunioni

    I pareri dei viaggiatori sull'hotel

    • Voto Globale nc/10