• Guatemala
    © kobby_dagan/123RF
  • Guatemala
    © elhielo / 123 RF
1      
  • Trova i tuoi :
  • Voli
  • Hotel
  • Volo + Hotel
  • Case vacanza
  • Auto
  • Vacanze
  • Guida di viaggio

L'incredidile Guatemala, viaggio fra Maya e vulcani!

Da Paola Kim Simonelli Paola Kim Simonelli Capo rubrica Profilo
Poco presente sui depliant dei tour operator, il Guatemala è un concentrato di tutte le attrazioni dell'America Centrale. Il puzzle guatemalteco, infatti, comprende vestigia Maya, vilaggi tradizionali e città coloniali. I vulcani, i laghi e la giungla selvaggia fanno da cornice a questo straordinario quadro! Una tale varietà su un territorio così piccolo è davvero unica, scopriamola insieme!

Guida di viaggio

In Guatemala sono presenti tutte le ricchezze dell'America Centrale, dalle coste selvagge del Pacifico, fino al Mar dei Caraibi. Esso racchiude al suo interno terre vulcaniche e vegetazioni lussureggianti, spiagge idilliache e lagune, senza dimenticare le architetture Maya e coloniali, retaggio di un passato affascinante e ancora, attualmente, ben conservate. Il Guatemala propone numerose attività che possono interessare agli amanti delle vacanze sportive. Gli sport che si possono praticare sono: il rafting, fra i fiumi impetuosi. Il surf sulla costa del Pacifico. L'esplorazione delle grotte di Lanqin. Le immersioni nelle acque turchesi e cristalline del mare e dei laghi, come in quello di Atitlan. Le planate con il parapendio dal maestoso vulcano San Pedro. Semuc Champey, vicino alla piccola città di Coban, è un sito naturale assolutamente da non perdere. Esso è l'unica piscina naturale d'acqua dolce dove è possibile tuffarsi, di tutto il Guatemala. Infatti, questo sito, situato nel bel mezzo della giungla, con le sue acque turchesi, rende indimenticabile la visita all'avventuriero giunto fin qui per ammirarne le bellezze.

Il Paese offre la possibilità di fare molte escursioni all'aria aperta, sia attraverso la misteriosa foresta del Péten, che sui pendii dei numerosi vulcani sparsi su tutto il territorio guatemalteco. Per esempio, l'ascensione del Tajumulco, la cima più alta dell'America centrale, è fattibile in soli due giorni! Il Pacaya, posto un pò più a sud, è un vulcano attivo e ribelle, ed è facilmente scalabile in una giornata. Ad un'ora di strada si trova l'antica capitale Antigua, che mette in bella mostra le sue vie colorate! Questa magnifica cittadina è oggi un ritrovo per studenti di lingue straniere. Le vie pavimentate e i monasteri dalle facciate variopinte ricordano l'occupazione spagnola. Chichicastenango è famoso per il suo mercato dell'artigianato, senza dubbio uno dei più antichi e dei più pittoreschi dell'America Latina! Qui si possono trovare, fra le altre cose, le maschere rituali utilizzate dai Maya. Anche Totonicapan, piccola città di montagna, è famosa per il talento dei suoi artigiani: ceramisti, vasai, tessitori, fabbri, falegnami, lavorano tutti nei loro atelier, sotto lo sguardo curioso dei passanti!

La Città di Guatemala, capitale attuale, non è particolarmente apprezzata dai turisti, che la considerano troppo moderna, rispetto al resto del Paese. Ciononostante, è degna di nota, con il suo centro storico, i suoi grandi musei, e la sua movida notturna. Molti preferiscono recarsi a Quetzaltenango, la seconda città più importante del Paese, che possiede edifici coloniali davvero magnifici da ammirare! Protetta da parchi e da riserve nazionali, la fauna guatemalteca offre un'ampio range degli animali presenti in America Centrale: tartarughe, lamantini, coccodrilli, giaguari, ocelots, puma, tapiri, scimmmie urlatrici, colibrì, tucani, pappagalli e... l'uccello nazionale, il quetzal, uno splendido uccello dal piumaggio rosso vivo e verdeblu, che abita la regione dell'Alta Verapaz. Una delle principali carte vincenti del Guatemala è il suo patrimonio culturale molto forte. Con più del 40 per cento della popolazione amerindia, per la maggior parte di origine Maya, le tradizioni ancestrali sono trasmesse attraverso le generazioni. In particolare, nella regione di Los Altos si concentra il retaggio culturale Maya. Inoltre in questa zona, lo spagnolo non è la lingua principale e la coltura del mais è estremamente sviluppata. Qui si perpetuano la conoscenza della fabbricazione dei tessuti tipicamente colorati, che vengono poi distribuiti in tutto il Paese. Il ricamo, i manufatti in vimini, la ceramica, le sculture in legno, sono mestieri ancora vivi e vengono praticati attualmente in numerosi villaggi. L'architettura Maya offre uno spettacolo indimenticabile: le impressionnanti vestigia di Tikal sono assolutamente da non perdere. I siti archeologici di Copan, Quiriguà e El Mirador, più piccoli e meno accessibili, rispetto a quelli più celebri, costituiscono, tuttavia, dei veri tesori, tutti da scoprire!

I consigli della redazione

Tenendo conto del basso livello di sicurezza presente nel Paese, è preferibile affidarsi, per l'organizzazione del proprio viaggio, ad un professionista. La formula più utilizzata per fare un tour del Paese è un pacchetto di una quindicina di giorni, che offre la possibilità di visitare i vari luoghi del Paese, in tutta sicurezza. Mentre, l'autotour è una formula che comprende nel prezzo un autista, ma che non ha tanto successo.

Non bisogna saltare i luoghi più caratteristici, anche se sempre superinflazionati di turisti, perché in questo modo si possono vedere gli indigeni abbilliati con costumi tradizionali, quali i tipici huipiles.

In Guatemala le temperature restano elevate durante tutto l'arco dell'anno. È perciò consigliato di evitare la stagione delle piogge che va da giugno ad ottobre. Tuttavia, è da notare che anche nel resto dell'anno il Paese rimane soggetto a forti acquazzoni, anche se meno intensi della stagione delle piogge. Le temperature durante la stagione secca sono gradevoli, soprattutto, se ci si trova in montagna: infatti, qui, esse sono stabili fra i 20° ed i 25°C.

I più

  • +Una enorme varietà di paesaggi e una concentrazione di luoghi storici su un piccolo territorio.
  • +Il patrimonio umano: le feste, il folclore e i riti dei discendenti dei maya sono di una vitalità incredibile.

I meno

  • -Gli spostamenti interni sono difficoltosi.
  • -L'insicurezza in costante aumento.
  • -Per un viaggio individuale occorre avere uno spirito combattivo.

Tradizioni

Mercanteggiare è un'abitudine ovunque, eccetto che nei ristoranti. I prezzi non sono mai affissi e vengono sempre gonfiati per i turisti. Si deve trattare obbligatoriamente. Gli abitanti non amano molto essere fotografati. Se accettano, vi chiederanno in cambio qualche quetzals. Se rifiutano, non insistete.

Contrariamente a quanto avviene in Messico, gli esercizi commerciali rimangono chiusi durante la pausa pranzo. Anche gli uffici pubblici rispettano questa usanza. Un'ultima cosa, quando vi rivolgete a qualcuno che non conoscete, date del lei utilizzando la parola "usted", sarà molto apprezzato!

Gastronomia

Poco onerosa, la cucina guatemalteca assomiglia alla cucina messicana. Alla base dell'alimentazione, il mais, in chicchi o sotto forma di focaccia (tortillas o enchiladas con salsa), accompagna tutti i piatti. I fagioli neri e il riso accompagnano il pollo nelle zone montagnose, i pesci e i frutti di mare sulla costa e le numerose varietà di carne grigliata nel Petén. Si trova anche il guacamole (purè di avocado) e il chirmol (la famosa salsa a base di pomodori, di peperoncino e di cipolle), senza dimenticare frutta a volontà, come ananas, banane, papaie e meloni. Per quanto riguarda le bevande: ci sono molte birre locali, una bevanda alcolica di mais detta "chicha" o alcolici di canna come il "levenado".

Souvenirs e artigianato

Tappe turistiche obbligatorie, i numerosi mercati mettono in mostra il bellissimo artigianato del Paese. I Guatemaltechi sono artigiani raffinati, come esige l'eredità Maya! Vi lascerete tentare dai tessuti dai colori sorprendenti, come i tradizionali huipiles (camicie ricamate), le cintas (larghe cinture di stoffa) o le mantas (coperte). Altre specialità: i braccialetti e gli oggetti di giada, i gioielli d'argento, le maschere di legno scolpito che raffigurano gli animali emblematici del Paese, le terracotte la cui maestria degli indios è ancestrale...