• Connettiti
La Rochelle
© EASYVOYAGE
  • Trova i tuoi :
  • Voli
  • Hotel
  • Volo + Hotel
  • Case vacanza
  • Auto
  • Vacanze
  • Guida di viaggio

La Rochelle

Da Paola Kim Simonelli Paola Kim Simonelli Capo rubrica

Guida di viaggio

Tutta protesa sull'Atlantico e al tempo stesso protetta da una composizione insulare che è una vera e propria barriera naturale, La Rochelle lega la sua storia all'acqua. Forte nel commercio di vino e sale, dal 1200 al 1400 la città fu il principale porto francese sull'Atlantico.
Oggi è una destinazione vivace, sede di un'università pluridisciplinare che ne ha fatto una città studentesca, e meta di un turismo culturale rilassato. Merito anche di alcune attrazioni rivolte alle famiglie che han saputo nel tempo far parlare di sé: come l'acquario (uno dei più grandi stabilimenti privati europei) o il curioso Museo degli Automi, divertimento assicurato per i più piccoli. Messa in valore dalle bianche scogliere e forte di una splendida vista sull'Oceano, La Rochelle appare oggi una città semplice da vivere, da visitare in bicicletta, in battello, a piedi.

Da vedere

La Rochelle conserva diverse testimonianze delle epoche storiche vissute. E' il caso dell'orologio, l'antica porta delle mura che separavano il porto dalla città, ma anche della cattedrale, costruita nella seconda metà del Settecento, o della chiesa gotica di St. Sauveur (l'edificio originario brucio' nel 1418). Sempre in stile gotico il campanile di St. Barthélémy (nucleo originario quattrocentesco), mentre il palazzo di Giustizia presenta una facciata in stile corinzio.
L'edificio che fino ad una decina di anni fa (2002) ospito' la Camera di Commercio cittadina risale invece al Settecento: riunite da gallerie colonnate, le due ali creano una corte interna piacevole in visita. La stazione ferroviaria è infine un esempio di architettura novecentesca.

Da fare

Prima regola: la spontaneità. Camminate senza fretta per le vie della Rochelle, sarà il vostro primo approccio ad una città che va vissuta senza orologio. Ricamate da numerosi archi e portici, le vie vi riveleranno un ventaglio di case dalle facciate in legno e pietra di una sobrietà nobile, e realizzate in un periodo che abbraccia il 1400 e il 1700.
Il secondo appunto da segnare in agenda è il giro delle tre torri che proteggono l'ingresso in città. Di epoca medievale (1300-1400), comprendono la torre della Lanterna (Tour de la Lanterne, detta anche Dei quattro sergenti), ultimo faro medievale rimasto su tutta la costa atlantica, la torre della Catena (Tour de la Chaine) e la torre San Nicola (St. Nicolas).
Dei numerosi musei presenti in città vi segnaliamo il Museo delle Belle Arti (Musée des Beaux Arts), il d'Orbigny-Berrion (ospitato in un hotel particulier di fine XVIII sec.), e il curioso musée des automates: quest'ultimo presenta circa 300 personaggi di epoche diverse in movimento, un vero divertimento per i più piccoli.

I più

  • +  La vicinanza del mare
  • +  La vivacità dei suoi quartieri

I meno

  • -  L'accesso complicato
  • -  Pochi mezzi di trasporto pubblici.
  • -  La circolazione difficile.

Da pensare

Nella vostra visita turistica all'aria aperta, se le temperature lo permettono concedetevi il piacere di una cena en terrasse come si dice da queste parti, ovvero fuori: i quartieri San Nicola (antico punto di ritrovo dei pescatori) e San Jean du Pérot (quest'ultimo ottimo per continuare la serata più a lungo) offrono un'ampia varietà di scelta. Potete decidere di cenare in un ristorante tipico, o semplicemente di bere un bicchiere in una delle cantine (le caves) di queste zone popolari e molto vivaci.
Un'altra idea piacevole (e utile in particolare a chi soffre di difficoltà motorie) puo' essere la traversata in battello: alimentato ad energia elettrica e solare, trasborda locali e turisti al prezzo di 1?. Sul sito dell'ufficio turistico il tragitto e gli orari.

Da evitare

Durante il periodo estivo trovare un parcheggio per la macchina puo' essere un'eroica impresa.
La città dispone di quattro parcheggi gratuiti (gli indirizzi sono disponibili sul sito dell'Ufficio Turistico) ma sappiate che sarà molto difficile rientrare fra i privilegiati che potranno accedervi. Certo, tentar non nuoce. L'alternativa, e forse la soluzione più semplice, è di sfruttare lo spazio dei parcheggi situati in periferia, e di utilizzare i servizi pubblici per avvicinarsi al centro.
Chi invece si fosse inoltrato fin dentro il centro storico faccia attenzione a non parcheggiare in una delle piazze destinate ad accogliere il mercato: rischiate di avere una brutta sorpresa l'indomani.
Poche le zone da sconsigliare a La Rochelle. Il quartiere Mireuil fa parte delle aree sensibili della città.

Da degustare

Ostriche, farci charentais (specie di paté di cavolo, tipico regionale), tourteau fromager (specialità dolce a base di formaggio), cozze (la città ospita anche la Maison de la mytiliculture (la tecnica di allevamento delle cozze, ndr.): a La Rochelle non morirete certo di fame!
Il quartiere dell'Hotel de Vile ospita il maggior numero di ristoranti, la zona di St. Nicolas i caffé e le cantine più sfiziosi: un bicchiere di Cognac o uno di Pineau vi risolleveranno il morale e riscalderanno nelle stagioni più fredde.
E se siete curiosi di scoprire altri prodotti tipici prima che arrivino in cucina, andate a curiosare fra i banconi del mercato: il mercoledi' e il sabato ogni assaggio è permesso!

Da portare

Se siete appassionati si shopping nel senso più tradizionale del termine, sappiate che la più alta concentrazione di negozi si trova in pieno centro, intorno all'hotel de ville (il municipio).
Per acquisti più originali, invece, il quartiere di San Nicola è conosciuto non solo per le numerose caves ma anche per essere meta di un turismo più artistico: è qui che troverete gli indirizzi più bohème, le gallerie d'arte, le librerie e i piccoli bouquinistes (librerie di seconda mano, punto forte francese).
Altrimenti, una bottiglia di Cognac o di buon vino è sempre gradita...

Clima La Rochelle

Gli indici di comfort meteo rappresentano una famiglia di criteri utili per fornire un quadro generale delle condizioni climatiche e meteorologiche di La Rochelle . Quest'insieme di indici di comfort meteo vi aiuteranno nell'organizzazione del vostro viaggio a La Rochelle . Ad esempio, in base alle previsioni meteo della città potrete scegliere le attività da praticare durante il vostro soggiorno: rilassarsi in spiaggia, passeggiare sul lungomare, visitare monumenti e musei, praticare sport estivi o invernali ... Scoprite nel dettaglio, per ciascuna settimana a La Rochelle , l'indice meteo globale: una stima complessiva delle condizioni meteo, calcolata in base ad indici temperatura, pioggia, abbronzatura e vento!

Meteo Marzo
Voto globale 27/100
  • Indici temperatura 2% Freddo

    La temperatura massima non supera i 16°C, la temperatura percepita è <30°.

  • Indici precipitazioni 62% Precipitazioni scarse

    Media compresa tra 10,5 e 17,5 mm a settimana.

  • Indici abbronzatura 46% Schiarite

    Cielo parzialmente nuvoloso con schiarite (copertura nuvolosa compresa tra 40% e 60%).

  • Indici balneazione 22% Fresca

    Temperatura del mare compresa tra 18 e 20°.Velocità del vento compresa tra 12 e 29 km/h.

  • Indici vento 42% Vento moderato

    Velocità del vento compresa tra 20 km/h e 29 km/h.

  • Indici umidità 66% Sopportabile

    Sensazione di malessere relativo a una percentuale di umidità maggiore al 65%.

Francia : Scopri le città
  • Parigi Parigi, Parigi e Ile de France, Francia, Vista sulla Tour Eiffel
  • Nizza Nizza
  • Bordeaux Bordeaux
  • Lione Lione
  • Strasburgo Strasburgo
  • Marsiglia Marsiglia
Le regioni Francia
  • Provenza-Alpi-Costa Azzurra
  • Bretagna
  • Parigi e Ile de France
  • Midi-Pirenei
  • Normandia
  • Paesi della Loira
  • Nord-Pas-de-Calais
  • Corsica
  • Linguadoca-Rossiglione
  • Alvernia
  • Alsazia
  • Francia-Centro
  • Picardia
  • Poitou Charentes
  • Franca Contea
  • Lorraine
  • Aquitania
  • Rhône Alpes
  • Borgogna
  • Limousin
  • Champagne-Ardenne