Viaggi Belize - Guida Belize con Easyviaggio
  • Connettiti
  • Belize
    © Mariusz Blach / 123RF
  • Belize
    © iStockphoto.com / Mlenny
1      
  • Trova i tuoi :
  • Voli
  • Hotel
  • Volo + Hotel
  • Case vacanza
  • Auto
  • Vacanze
  • Guida di viaggio

Belize, un viaggio tra bianche spiagge e foresta tropicale

Da Paola Kim Simonelli Paola Kim Simonelli Capo rubrica

Piccolo gioiello del Centro America, il Belize è apprezzato per le sue lagune color tuchese e per le dozzine di piccole isole una più bella dell'altra, i cayos. All'interno del territorio, la giungla lussureggiante che arriva fino a lambire le spiagge, ospita una stupefacente quantità di tesori maya che non finiranno mai di deliziarvi.

Guida di viaggio

Incastrato tra Guatemala e Messico, sulla costa che si affaccia sul mar dei Caraibi, il Belize è un vero paradiso, ancora poco frequentato dai turisti. Una volta covo di pirati, il paese è un'ex colonia britannica, e ciò ne fa una delle poche terre anglofone dell'America Centrale.

Ad ovest di una delle barriere più coralline più importanti al mondo, i celebri cayos del Belize vi accoglieranno nelle loro meravigliose lagune color turchese. Questi piccoli isolotti sono talmente piatti che può capitare che finiscano per scomparire durante i temporali. Con le loro spiagge di sabbia bianca e la loro rigogliosa vegetazione, queste isole ospitano una biodiversità abbondante, costituendo una destinazione da sogno, sia per chi dispone di un grande budget, con i suoi lussuosi resort, sia per chi ha finanze più ristrette.

Le poche centinaia di abitanti dei due principali isolotti, Caye Caulker e Ambergris Caye, vivono di pesca e turismo. Lo stile di vita dei beliziani che abitano i cayos riflette la semplicità, la spensieratezza e la gioia di vivere tipici dei tropici. I cayos sono luoghi perfetti per tutti gli appassionati delle immersioni e di snorkeling (la visibilità marina raggiunge svariate decine di metri), ma anche per coloro che amano le escursioni di un'intero giorno o anche solo di mezza giornata.

La barriera corallina che circonda l'arcipelago beliziano è riconosciuta come patrimonio mondiale per l'umanità dall'UNESCO. I coralli, che si estendono su una superficie di circa 295 km, si sviluppano con costanza ancora oggi, nonostante la temperatura molto alta dell'acqua marina, causata dal fenomeno climatico El Niño, che va ad aggiungersi alle numerose e, purtroppo, nefaste attività dell'uomo. Numerose riserve marine sono state create con lo scopo di proteggerle.

La foresta tropicale domina incontaminata questo stupefacente Paese, almeno fino alla catena montuosa locale, i monti Maya. Numerose specie animali, come i colibri, le scimmie urlatrici, i tapiri o i giaguari, hanno trovato domicilio in questa macchia. In questo frammento dell'immensa giungla del Péten si trova la riserva di Mountain Pine Ridge Forest, dove sono presenti grotte, con testimonianze degli ancestrali riti maya, oltre a cascate e fiumi, ideali per la pratica della canoa, per la felicità degli amanti delle escursioni più avventurose. L'umido clima tropicale consente alla lussureggiante vegetazione del Paese (composta da mogano, l'albero nazionale, cedri e tante altre piante) di svilupparsi in modo continuo e vasto.

La visita dei siti della cultura maya arricchiranno senza alcun dubbio il vostro viaggio. In Belize è possibile partire alla scoperta di magnifiche rovine, come quelle del sito di Xunantunich, uno dei più accessibili e conosciuti del Paese, oppure quelle di Lamanai, uno dei siti maya più antichi. Il tempio Caana (letteralmente "palazzo dei cieli"), si eleva fino a 43 metri di altezza e si trova a Caracol, quello che una volta era il regno più potente.

La pluralità culturale del Paese è l'indice dell'eredità storica accumulata dal Belize nel corso dei secoli precedenti. Largamente meticcia, la maggior parte della popolazione beliziana è nera, discendente degli schiavi in passato condotti sull'isola dagli inglesi. Il mélange della cultura creola e di quella britannica sorprende, in particolare a Belize City, l'antica e piuttosto affascinante capitale dello Stato. La capitale attuale, Belmopan, invece fa pensare più a un grande quartiere residenziale piuttosto piacevole che a una grande città caotica.

In Belize l'ecoturismo si è sviluppo in modo quasi naturale. Una grande quantità di abitazioni rispettose dell'ambiente sono presenti, così come sono molto sviluppate le visite dei parchi nazionali e delle riserve naturali, come l'incontaminato Guanacaste National Park. I beliziani hanno capito fin da subito che la ricchezza naturale del loro Paese meritava di essere preservata.

I consigli della redazione

Evitate di limitare la scoperta del Belize ai cayos, manchereste il meglio. Fate un programma che includa almeno un sito archeologico e una riserva naturale prima di partire all'esplorazione dei fondali marini delle lagune beliziane.

L'autorizzazione di soggiorno è rilasciata alla dogana. Solitamente, la validità del documento è di un mese, ma potete prolungarla per una ventina di euro ogni mese, se desiderate continuare ancora il vostro soggiorno. Non c'è una tassa da pagare quando si entra nel Paese, ma, in compenso, ve ne sarà richiesta una di uscita quando vorrete andarvene.

La temperature in Belize è alta, tranne che sulle montagne, ovviamente. Il periodo dell'anno maggiormente consigliato per un viaggio nel Paese è abbastanza ristretto e va da gennaio ad aprile. Se volete approfittare delle tariffe di bassa stagione, privilegiate i mesi di giugno o di novembre, duranti i quali i rischi di forti temporali sono meno frequenti.

Il costo della vita è un po' più alto rispetto al resto dei vicini paesi centroamericani, principalmente a causa del turismo. In caso di partenza, considerate tra 25 e 60 euro per una camera doppia e tra 6 e 12 euro per un pasto. Ovviamente, questi prezzi rimangono più che ragionevoli, se paragonati al resto delle tariffe europee.

I più

  • +Il Belize è una destinazione fuori dai sentieri battuti, quindi poco frequentata dai turisti.
  • +Il paese associa ricchezze naturali e archeologiche.
  • +Gli scogli affioranti e la barriera corallina sono di una bellezza indescrivibile

I meno

  • -La stagione turistica è ridotta a causa del clima.
  • -Le infrastrutture alberghiere sono ancora limitate.
  • -Non ci sono voli diretti né dall'Italia, né dai paesi circostanti.

Tradizioni

La contrattazione è praticamente obbligatoria nei mercati belizani, perché i prezzi superano ampiamente il valore degli oggetti. Dunque, se andate in un mercato locale e volete accaparrarvi a tutti costi un oggetti, armatevi di pazienza e affilate la voce, vi servirà non poco, se non volete strapagare il vostro souvenir di ricordo!

Sotto il profilo dei festival, un carnevale piuttosto spettacolare si svolge tra la fine del mese di febbraio e l'inizio di marzo. Nell'occasione, vie e strade vengono animate da sfilate di carri che attraversano le città, danze tradizionali, costumi colorati e sgargianti. I festeggiamenti sono dalle parti di San Pedro.

Come molti altri stati centroamericani, anche il Belize è a prevalenza cattolica. Le celebrazioni della Semana Santa sono la festività principale del Paese e durano per 4 giorni. Da venerdì fino a lunedì la vita civile sembra fermarsi come per incanto, facendo dimenticare i problemi e i turbamenti dei locali. Le processioni della passione di Cristo, che si tengono durante il Venerdì santo, sono particolarmente sentite nel nord e nell'ovest del Belize, dove la Settimana Santa è vista come l'espressione della cultura latina locale, a lungo repressa dal controllo coloniale inglese.

Il Sabato di Pasqua si tiene una corsa ciclistica, molto famosa in patria, la Cross Country Cycling Classic. Si tratta di una corsa di 142 miglia (circa 282 km!) che va da Belize City a San Ignacio-Santa Elena, per poi tornare nuovamente nella vecchia capitale. Le origini di questa corsa ciclistica vanno ricercate nell'epoca coloniale, quando i poveri avevano l'abitudine di spostarsi da un villaggio all'altro in bicicletta, per vedere il cricket e le partite di calcio, a causa dell'assenza di trasporti e delle pessime condizioni delle strade. Il ciclismo è considerato lo sport nazionale del Belize ed è la disciplina sportiva più praticata.

Gastronomia

La cucina del Belize è semplice, ma di qualità. I piatti tradizionali si compongono di riso e fagioli rossi, solitamente accompagnati da maiale o pollo. Sulla costa, assaggiate il pesce (orate, squalo) e i frutti di mare (gamberetti, aragoste, astici). Gli spuntini, tra dolci, pagnottine (fra cui il pane alla banana) e panini, sono numerosi. La birra locale è buona ma non dimenticate di chiederla ghiacciata perché viene spesso a temperatura ambiente. Considerando che la temperatura media annuale è di 22 gradi, vi ritrovereste a berla calda!

Souvenirs e artigianato

Potete portare a casa stoffe indiane tessute a mano, ceramiche in terracotta grezza o smaltata e maschere in legno. Evitate di compare oggetti di tartaruga (pettini, gioielli) per non contribuire all'estinzione delle tartarughe marine. Gli esercizi commerciali sono aperti dalle ore 8:00 alle ore 12:00 e dalle ore 13:00 alle ore 17:00.