Isola di San Giulio : weekend al centro di un lago
Pubblicato il 19/01/2021

CulturaItalia

Twitter Facebook 8 condivisioni

Nel bel mezzo del Lago d'Orta, c'è un luogo che tende al magico: è l'Isola di San Giulio, scelta come location per il film di Giuseppe Tornatore "La corrispondenza" e da Antonino Cannavacciuolo per il suo ristorante stellato nella "Villa Crespi". Pronti a saperne di più?

Orta San Giulio, Piemonte

Orta San Giulio, Piemonte
©Eleonora Travostino/123rf

Il comune di Orta San Giulio rientra nel circuito dei Borghi più belli d'Italia, e non ci sorprende. Situato sulle sponde del Lago d'Orta, in provincia di Novara, questo piccolo centro abitato si distingue per storia e cultura e comprende l'Isola di San Giulio, che misura 275 metri di larghezza e 140 di lunghezza (di pura bellezza).

Storicamente, il borgo è sempre stato il centro principale della Comunità della Riviera, un autonomo consorzio di comuni esistito dal medioevo fino a metà Settecento. Il centro storico, area completamente pedonale, è caratterizzato da strette viuzze che si snodano fino ad arrivare al Lago. Piazza Motta si affaccia direttamente sulle acque e, interessante, è ammirare il "broletto", un portico rinascimentale anticamente utilizzato per il mercato, davvero suggestivo!

<strong></strong>
©Claudio Giovanni Colombo123rf

Altre viuzze, se percorse verso la terraferma, portano verso il Sacro Monte d'Orta (Patrimonio Mondiale dell'Umanità), che fa parte del gruppo dei nove Sacri Monti alpini in Piemonte e Lombardia. Una volta qui, non dimenticate di degustare due piatti essenziali del posto: il risotto al pesce persico e la mortadella di fegato!

Tornando in Piazza Motta, da sapere è che dal porticciolo partono le imbarcazioni dirette all'Isola di San Giulio. Con pochi minuti di navigazione - l'isola dista appena 400 metri dalla riva - si raggiunge un piccolo gioiello. Qui sorge il monastero Mater Ecclesiae, abbazia benedettina femminile di clausura che oggi accoglie turisti tutto l'anno gratuitamente. Nel Monastero viene dato spazio all'ospitalità: è possibile potersi ritirare, anche per breve tempo, in questo luogo appartato e vivere un'esperienza lontani dalla frenesia e dai problemi della quotidianità. Vi è, infatti, una piccola foresteria, situata in un'apposita casa dell'Isola, dove possono essere accolti religiosi, laici, coppie, giovani, piccoli gruppi: in totale non più di venti persone, nella premessa che siano disposti a seguire la vita liturgica interna con momenti di meditazione e di incontro.

<strong></strong>
© Luca Lorenzelli/123RF


Questo piccolo borgo saprà stupirvi per un intero weekend!