Pubblicato il 28/02/2021

#Ecoturismo #Cile

Degustare del vino ammirando la Cordigliera: il Cile che non ti aspetti

La Ruta dei Vini del Cile vi aspetta nella famosa Valle Colchagua, zona battuta dagli appassionati di vino che vanta la migliore produzione vinicola del Paese. Grazie alle condizioni climatiche favorevoli e la presenza di cantine storiche ricche di tradizioni tramandate di padre in figlio, è la destinazione ideale per i wine lovers.

Valle Colchagua, Cile

Valle Colchagua, Cile ©longtaildog/123RF

Si parla del Cile come di un paese con la testa nel forno e i piedi nel frigo. Tra il deserto di Atacama a nord e la Patagonia e i suoi ghiacciai nell'estremo sud, il Cile ospita nella sua vallata centrale la capitale Santiago e la città coloniale di Valparaíso. Questa lunga striscia di terra, racchiusa tra la Cordigliera delle Ande e il Pacifico, risponde all'appellativo di paese dei tre continenti, poichè possiede territori in America, Oceania e Antartide.

Tra le località più famose del Cile c'è Valparaíso, città coloniale dove risiedeva Pablo Neruda e stazione balneare che sorge sulle colline; una delle città portuarie più turistiche del paese. La capitale del Cile, Santiago, ospita circa 7 milioni di persone (il 40% della popolazione) e conta 34 quartieri e stazioni di sci a meno di 30 km. Il sud è il luogo in cui la natura è al suo stato puro. Ma oggi vogliamo parlarvi di una delle valli più rinomate a livello internazionale; situata nel cuore della zona centrale, è il simbolo stesso della produzione vinicola cilena. Diverse cantine adornano questa valle e offrono visite guidate accompagnate da ottime degustazioni di vini, parliamo della Valle Colchagua.

Valle di Rapel

Valle di Rapel ©flaperval/123RF

Nella Valle di Rapel, nel Cile centrale, la regione della Colchagua segue il corso del fiume Tinguiririca e forma un corridoio di 30 chilometri incorniciato a nord e a sud dalle colline andine. Il clima è ideale per la viticoltura: il calore è mitigato dalle brezze del Pacifico e delle montagne andine e la siccità è mitigata dai fiumi e dalle piogge. La Valle di Colchagua ha molti microclimi. Le differenze di temperatura tra il giorno e la notte producono vini con tannini decisi e aromi intensi (gli intenditori sanno di cosa stiamo parlando).

Storie di "viti"

Furono Cortes e i Conquistadores Spagnoli nel 1500 a introdurre i vigneti e il vino in Cile, poiché il vino, era essenziale per la liturgia e per la celebrazione delle messe dei preti e missionari occidentali. La viticultura moderna è stata messa a punto dal cileno Silvestre Ochagavía e dal suo enologo, il francese Josep Bertrand. I due, nel 1851 importarono direttamente dalla Francia e dalla regione di Bordeaux i vini nobili come Souvignon, Merlot e Chardonnay.

Vigneto vista Ande

Vigneto vista Ande © Ksenia Ragozina/123rf

La conformazione geografica nazionale con un territorio che ha presupposti ideali per la viticoltura, ha impedito che i vigneti venissero attaccati dalla fillossera che invece, nell'800, rase al suolo tantissime coltivazioni europee. Agli inizio del 1900 il governo cileno impose molti divieti sulla coltivazione della vigne; questo rallento di molto il processo di crescita del vino del Cile. Fortunatamente i divieti finirono nel 1974, e da allora, il vino cileno ha raggiunto una notorietà a livello internazionale.

Le Cantine da visitare: tre spunti

Viña Concha y Toro - La più famosa in Cile, terza al mondo in termini di produzione e vendita, oltre ad essere una delle aziende più premiate nel settore. L'azienda ha luogo nel comune di San José de Maipo: è possibile visitarla, grazie alle numerose visite guidate che si tengono in settimana. Potrai visitare il famoso "casillero del diablo" (la cantina del diavolo), una cantina che da il nome ud uno dei vini più celebri del Cile.

Viña Cousiño Macul - Con più di 150 di storia, la Viña Cousiño Macul è la più antica del paese ed è ancora di proprietà della famiglia fondatrice. Fiore all'occhiello dell'azienda, l'utilizzo di sole uve, ignorando l'introduzione di additivi e prodotti chimici. Visite guidate quasi ogni giorno: è possibile visitare i vigneti e degustare i migliori fini dell'azienda.

Voir cette publication sur Instagram

¿Sabías que nos encontramos convirtiendo 2000 toneladas de compost a abono nutritivo para fertilizar la viña en el 2020? Trabajar constantemente para formar una viña sustentable es uno de los compromisos de Viña Cousiño Macul. Nos enorgullece formar parte de los preciosos espacios verdes de Santiago y compartir la responsabilidad de mantener nuestra ciudad. #SantiagoTieneUnSello #VinosDeChile #CousinoMacul #Sustentabilidad #Viñasustentable #MedioAmbiente

Une publication partagée par Viña Cousiño Macul (@cousinomacul) le

Viña Santa Rita - Si tratta della terza azienda di Santiago. Fondata nel 1880, Santa Rita vende i suoi eccellenti prodotti in oltre 75 paesi, focalizzandosi su di una fascia di mercato piuttosto alta. Sono previste visite guidate ogni giorno, a diversi orari, in cui avrai la possibilità di visitare le cantine e gli impianti di produzione, apprendendo i segreti dell'elaborazione del nettare degli dei. L'azienda possiede inoltre il ristorante La Casa de Doña Paula, che mette a disposizione dei visitatori piatti della tradizione. La cantina Santa Rita dispone di una sezione adibita a museo, in cui è possibile ammirare pezzi pregiati d'arte pre-colombiana e post-conquista.

Voir cette publication sur Instagram

Uno de los momentos que más esperamos del año está por venir ¡La Vendimia 2020 se vive en el Valle del Maipo! ? ? One of the most highly anticipated moments of the year: the 2020 Harvest in the Maipo Valley! ? ? ?? @conyrodriguezf ? #viñasantarita #winetime #viñaschile #tasting #vinoschile #winelover #consumoresponsable #winemaker #vendimia2020 #harvest2020 #maipovalley #valledelmaipo #vino #wine #vendimia

Une publication partagée par Viña Santa Rita (@santaritawinescl) le