Pubblicato il 07/10/2017

#Curiosità #Italia

Alla scoperta di Venzone, tra zucche dorate e mummie medioevali

Easyviaggio vi porta oggi alla scoperta di Venzone, in provincia di Udine, inserito nella lista dei Borghi più Belli d'Italia e con un passato davvero glorioso che oggi rivive grazie alle feste tradizionali; in particolare quella della zucca.

Semi distrutto dal terremoto del Friuli del 1976, Venzone oggi, dopo una lunga e riuscitissima ricostruzione, si presenta agli occhi del visitatore come un borgo davvero incantevole, tutto da scoprire! E quale occasione migliore per farlo, se non la tradizionale festa della zucca?
Ogni anno, a partire dal 1999, nel borgo medioevale di Venzone a fine ottobre si celebra la festa della zucca, un weekend interamente dedicato a questo ortaggio: le vie del borgo si riempiono di zucche, dame e cavalieri, bancarelle e locande dove degustare piatti tipici e buon vino, concorsi per le zucche più belle e strane e anche per quelle meglio decorate!

La festa della zucca

Une publication partagée par My Little Italian Kitchen (@mylittle_italian_kitchen) le

Ma Vanzone non é conosciuta solo per la leggenda della zucca dorata...nella cripta della chiesa del paese si trovano infatti 5 mummie perfettamente conservate! La più vecchia, risale al medioevo, mentre le altre 4 sono più recenti.
La presenza di queste mummie é dovuta ad una particolare muffa che, a quanto pare, ama il microclima di Venzone e ha contribuito a conservare questi corpi, che un tempo si trovavano sepolti sotto a una vecchia chiesa del paese.
La loro scorperta risale al 1647, quando si decise di ampliare il Duomo. Le mummie che si conservarono sotto la pavimentazione erano ben 21!
Di queste solo 15 sono sopravvissute al terremoto del 1976. Oggi, nella cripta della Chiesa se ne possono osservare 5, disposte in teche di vetro.
Una visita a Venzone, bisogna proprio farla. Anche solo per ammirarne le mura circondate da fossato e il centro storico medievale!
Festa della zucca di Venzone: 21- 22 ottobre.
Info e contatti: http: //www.venzoneturismo.it/it/festa-della-zucca/

La chiesa di venzone

© sergiodvphoto/123RF

La leggenda della zucca d'oro:

Il rapporto che Venzone ha con le zucche é davvero unico e un po conflittuale, segnato da un'evento storico accaduto nel medioevo, quando il piccolo borgo di Venzone aveva un ruolo davvero importantissimo per il controllo del territorio udenese, e per questo motivo cercava di espandersi e di dotarsi di nuovi edifici.
A quell'epoca era fondamentale avere un bel palazzo comunale (per far vedere chi comandava) ma anche una bella chiesa, il cui campanile si vedesse a chilometri di distanza per suscitare l'invidia dei paesi vicini.
Ecco quindi che gli abitanti di Venzone chiamarono a raccolta gli artigiani più capaci per ridare lustro al loro villaggio, e per pagarli inziarono a tassarli e a costringerli a lavorare gratis. Lo stesso fecero con mercanti e gente di passaggio, finché arrivò il momento di pagare l'artigiano che venne incaricato di rifinire il campanile del duomo, che era stato decorato con una preziosa palla dorata, di ottima fattura.
Quando l'artigiano ebbe terminato il suo lavoro, si presentò ai nobili di Venzone per riscuotere quanto gli era dovuto, ma in cambio ottenne poco o nulla: i soldi delle casse comunali erano finti!
All'uomo venne offerto 1/3 di quanto pattuito, e gli fu detto che anche lui, come tutti gli altri, doveva contribuire alla grandezza di Venzone e che quindi non lo avrebbero pagato.

L'uomo, saggiammente, disse che era d'accordo con quanto stabilito dal consiglio e se ne andò; ma la notte stessa l'artigiano si arrampicò su per le impalcature fino a raggiungere la sommità del campanile e sostituì la sfera dorata con una grande zucca dipinta a regola d'arte.
Il giorno dopo, l'artigiano smontò l'impalcatura e lasciò il villaggio senza dira nulla.
Solo dopo qualche tempo, gli abitanti di Venzone si accorsero di quanto era accaduto!
La zucca infatti iniziò a marcire e a perdere pezzi!
Ben presto la notizia della zucca dorata di Venzone passò di bocca in bocca e gli abitanti del luogo vennero soprannominati Cogoçârs e associati alle zucche!
Ecco perché a fine ottobre si svolge questa festa tradizionale.

Ma perché proprio una festa della zucca, in un territorio che di zucche non é poi così ghiotto?
A darci una risposta, in questo caso, é la storia, con la leggenda della zucca d'oro!

Il vecchio municipio di Venzone

© federicofoto/123RF

Una delle mummie di Venzone

Une publication partagée par Adriano Di Gaspero (@magoudg) le