• Menu Esci
  • Easyviaggio, offerte viaggi
    • Voli
    • Hotel
    • Vacanze
    • Destinazioni
    • Per saperne di Più
      • Idee di viaggio
      • Campeggio
      • Itinerari di viaggio
      • Autonoleggio
      • Community
      • ComparatoreGreen
  • Connettiti
La città dai mille nomi, sommersa per metà dal mar Mediterraneo
Pubblicato il 30/04/2017

CuriositàTurchia

Twitter Facebook 23 condivisioni

Quella sull'isola di Kekova è una città particolare: semi sommersa, si bagna nelle acque del Mar Mediterraneo da ormai 20 secoli e ha una storia affascinante quanto travagliata

un bagno lungo 20 secoli

un bagno lungo 20 secoli
© ridvanarda/123RF

Il passato di Kekova, isola turca bagnata dal Mediterraneo, non è di certo dei più tranquilli; nel corso dei secoli si è vista infatti contesa da diversi popoli, per poi finire abbandonata a sé stessa, distrutta e disabitata ma ricca di nomi, a testimonianza delle sue tante colonizzazioni.

Conosciuta anche come Simena, Kekova fu contesa tra diverse nazioni, tra le quali l'Italia, che nel 1932 dovette cedere l'isola alla Turchia. Sono però risalenti al secondo secolo le rovine semi-sommerse della città di Licia, a nord dell'isola.

la storia di licia

la storia di licia
© slava133/123RF

Inizialmente piccolo villaggio di pescatori, poi avanposto dei cavalieri di Rodi, Licia è una città visitabile a piedi, ma a una condizione: ad un certo punto, dovrete togliervi le scarpe, infilare maschera e boccaglio e addentrarvi nella sua parte sommersa. Caduta in acqua per colpa di un terremoto, Licia non si è più risollevata: il villaggio è stato raso al suolo, mentre le rovine in mare sono state conservate discretamente dal Mediterraneo e possono essere viste tutt'oggi sotto la superficie dell'acqua.

Kaleköy (questo il nome attuale) è stata poi ricostruita per diventare un importante porto in età bizantina, ma una volta giunti gli arabi è stata ancora una volta abbandonata. Tuttavia, una volta arrivati qui potrete vedere il Castello dei Cavalieri di Rodi, la necropoli di Licia e gli splendidi ulivi secolari che la circondano.

L'intera regione dell'isola è stata dichiarata protetta dal governo turco nel 1990, per poi vietare immersioni e balneazione nell'area; oggi il divieto non esiste più, ma l'accesso alla zona delle rovine sommerse resta comunque in parte limitato.

lo spettacolo della città semi sommersa

lo spettacolo della città semi sommersa
© ridvanarda/123RF

Che dite, vi tuffereste per vedere le rovine della città di Licia?