Pubblicato il 10/02/2018

#Cultura #Italia

L'Umbria sotterranea, alla scoperta dei grandi tesori della storia

L'Umbria underground, dai tesori nascosti di Perugia a Orvieto, passare a Narni e concludere il percorso con la città di Todi. Un viaggio alla scoperta dei segreti sotterranei, dove pozzi, chiese, cisterne e grotte raccontano la storia della regione dagli Etruschi al Medioevo. Due storie diverse che si sviluppano sopra e sotto le città e che hanno plasmato nel tempo il territorio.

Perugia, Umbria

© siempreverde22/123RF

Orvieto, Umbria

Anche Orvieto, con il passare del tempo, si è modificata inglobando le nuove strutture con le le vecchie. Se la città sovrastante è dominata dalla bellezza del monumentale Duomo o Cattedrale di Santa Maria Assunta, la città sottostanze svela un mondo occulto dominato ancora dal mistero che si dirama tra cunicoli e cavità. - © jakobradlgruber/123RF

Pozzo di San Patrizio

© bwzenith/123RF

Todi, Umbria

© gkuna/123RF

Narni, Umbria

Il percorso comincia proprio da qui, dal convento di San Domenico da cui si accede per scivolare nei meandri della chiesa del XII secolo che conserva ancora oggi gli affreschi più antichi della città. Gli affreschi di epoca medievale vennero realizzati da artisti umbri e, dopo un primo restauro, sono emerse le figure di un cristo deposto, i simboli dei quattro evangelisti e l'incoranazione di Maria e la figura di un San Michele Arcangelo. - © clodio/123RF