• Menu Esci
  • Easyviaggio, offerte viaggi
    • Voli
    • Hotel
    • Vacanze
    • Destinazioni
    • Per saperne di Più
      • Idee di viaggio
      • Campeggio
      • Itinerari di viaggio
      • Autonoleggio
      • Community
      • ComparatoreGreen
  • Connettiti
Sulle tracce dell'Orient Express
Pubblicato il 30/11/2017 , Modificato il 04/12/2017

NovitàTurchia

Twitter Facebook

Rivive di nuovo sul grande schermo l'avventuroso viaggio di Hercule Poirot, grazie al film di Kenneth Branagh. Ma cos'era esattamente l'Orient Express di Agatha Christie? Qual era il suo percorso? Cosa rappresentava un viaggio sul famoso treno che attraversava l'Europa centro-orientale? Esiste ancora? Se anche voi vi siete posti queste domande, ecco qui le risposte a tutti i vostri dubbi.

Assassinio sull'Orient Express | Trailer Ufficiale HD | 20th Century Fox 2017

Il treno che andava da Parigi a Istanbul

Il treno che andava da Parigi a Istanbul
© Joseph de La Nézière/Wikipedia

L'Orient Express ha fatto la sua prima corsa nel 1883, partendo dalla Gare de l'Est di Parigi il 4 ottobre fino ad arrivare a Istanbul 80 ore dopo. A bordo c'erano molti giornalisti per raccontare al mondo il lusso, l'eleganza e la meraviglia del nuovo straordinario mezzo per raggiungere l'oriente. Il treno della Compagnie Internationale des Wagons-Lits ha continuato, con alterne vicende, ad arrivare a Istanbul fino al 1977. Infatti si interruppe durante le due guerre mondiali, fra il 1914 e il 1921 e fra il 1939 e il 1945.
Era un collegamento quotidiano, che sempre di più, e in particolare dagli anni '30 in poi, divenne un servizio accessibile solo a nobili, principi e ricchi borghesi. Il lusso degli arredi interni, il comfort, per non parlare della carrozza ristorante in cui veniva servite cene raffinate, tutto era studiato per garantire ai passeggeri un viaggio di classe. Il percorso che seguiva passava per Strasburgo, Monaco, Vienna, Budapest, Bucarest e a Giurgiu si proseguiva in nave attraverso il Danubio fino in Bulgaria, dove si prendeva un altro treno fino a Varna, e poi infine un traghetto fino a Istanbul. Ben presto però con le nuove linee ferroviare fu possibile arrivare fino a Istanbul in treno.

Quando nel 1962 l'Orient Express e l'Arlberg Orient Express interruppero il servizio, solo il Simplon rimase attivo, ma venne sostituito da una linea più lenta, il Direct Orient Express: Parigi-Belgrado tutti i giorni e due volte alla settimana Parigi-Atene/Istanbul. I collegamenti diminuirono sempre più, fino a eliminare definitivamente Istanbul come capolinea nel 1977. La tratta fu sempre più accorciata, fino a quando nel 2009 la linea fu soppressa completamente (oggi esiste ancora un Orient Express che va da Londra a Venezia, non è l'originale ma rievoca comunque tutto il lusso e il fascino di un'epoca passata).
Naturalmente furono gli aerei a decretare prima il declino poi la fine del'Orient Express. Oggi noi, per percorrere lunghe distanze, non siamo più abituati a viaggiare su rotaia. In fondo chi sceglierebbe di impiegare giorni per raggiungere la propria destinazione, quando ci si possono mettere poche ore?
Certo il fascino rimane e possiamo solo immaginare come doveva essere veder scivolare oltre il finestrino i paesaggi che cambiavano attraverso l'Europa, sentire la noia preziosa di ogni lungo viaggio, fare conversazione con le persone conosciute nella carrozza ristorante e sentire chiaramente la sensazione di aver guadagnato la perla sul Bosforo.

Il nuovo film di Kenneth Branagh, Assassinio sull'Orient Express, ci riporta nell'immaginario, reso celebra dal romanzo di Agatha Christie, dei viaggi transeuropei. Il treno che attraversava l'Europa centro-orientale rappresenta l'ambientazione del mistero che Hercule Poirot è chiamato a risolvere. Se c'è un cadavare assassinato, c'è per forza un assassino. E non può essere che uno dei presenti...
Il film in uscita il 30 novembre in Italia ha dalla sua un cast d'eccezione e un budget di 55 milioni di dollari.

Simplon Orient Express brochure, 1930 #bliss #blissfrombygonedays #bygonedays #vintage #vintagestyle #fashion #1920s #vintagemagazine #artdecostyle #artdeco #lifestyle #posters #vintageposter #vintageadvertising #illustrator #vintageillustration #design #decorating #creative #antiques #vintagetrain #vintagetravel #orientexpress #simplonorientexpress #vintagephoto #vintagepictures

Un post condiviso da Bliss from Bygone Days (@bliss_frombygonedays) in data:

Dopo gli anni '60

Dopo gli anni '60
© vectoreps/123RF

In seguito all'apertura del tunnel del Sempione, nel 1919 si aprì una nuova via più a sud. Quello che attraversava l'Italia via Losanna, Milano, Venezia , Trieste, Belgrado e Sofia venne chiamato Simplon Orient Express. Divenne ben presto ancor più utilizzato dell'originale. Nel 1924 arrivò l'ultimo della famiglia, l'Arlberg-Orient Express, che passava per Basilea, Zurigo, Innsbruck e Vienna diretto a Bucarest e Atene.
Nell'epoca d'oro dell'Orient Express, cioè negli anni '30 il servizio raggiunse anche Calais e Londra. È proprio questo il tragitto che Hercule Poirot segue, partendo da Istanbul e prendendo il Simplon Orient Express fino a Calais.