• Connettiti
Thailandia: La grotta Tham Luang, da prigione di una squadra di calcio a destinazione turistica
Pubblicato il 22/12/2018

CuriositàThailandia

Twitter Facebook 4 condivisioni

Per ben oltre due settimane la sua storia ha fatto il giro del mondo, e oggi la famigerata grotta di Tham Luang è diventata meta turistica frequentatissima. Proprio qui, solo questo giugno, erano rimasti imprigionati dodici ragazzini e il loro allenatore. Oggi si pensa ad un resort e un museo dedicato.

Sono diverse le grotte del parco, come la splendida grotta di Buddha

Sono diverse le grotte del parco, come la splendida grotta di Buddha
© Heinz-Peter Schwerin/123RF

È stata protagonista della cronaca mondiale quest'estate, lì dove una squadra di giovanissimi calciatori e il loro allenatore sono rimasti intrappolati a causa di una piena per ben 17 giorni questo giugno. Nonostante sia stata una storia a lieto fine, era decisamente difficile prevedere che qualcuno avrebbe voluto tornarci. Eppure, contro ogni previsione, oggi la grotta di Tham Luang a Chiang Rai, in Thailandia, è diventata meta di pelligrinaggio turistico.

Situato nel parco forestale di Tham Luang-Khun Nam Nang, incastrato tra colline boscose, il complesso di grotte è stato rieaperto il 16 novembre. Ai visitatori è al momento interdetto di entrare all'interno della grotta di Tham Luang. I turisti possono difatti vedere la grotta solo attraverso una recinzione, e dedicarsi all' esplorarazione delle altre grotte del complesso, quella di Buddha, di Naga e di Chamois.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da kayoko Santai (@kayoko471) in data:

Il luogo resta parecchio affollato, con un centinaio di bancarelle dedicate ai souvenir, con magliette e cibo, e orde di turisti pronti ad immortalare quella caverna che ha affollato i nostri schermi la scorsa estate. Il giorno della riapertura parecchi hanno posato fiori all'ingresso della grotta, in memoria dell'incidente.

D'altro canto la storia della squadra di calcio "Wild Boars" ha impressionato tutto il mondo, vista la giovane età dei suoi protagonisti, tra gli 11 e i 16 anni, così come dell'allenatore di soli 25, rimasti intrappolati mentre esploravano le grotte come attività di squadra. Il lieto fine di questa vicenda non è stato totale, perché, se dopo oltre due settimane la squadra è stata tratta in salvo dalla riva fangosa dove si era rifugiata, il sub Saman Gunan, della Navy Seal che ha partecipato all'operazione, ha perso la vita nel tentativo di salvataggio.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da FC_nongadul.samon (@fc_nongadul.samon) in data:

Adesso il complesso è a lavoro per l'apertura di un museo commemorativo dedicato a Saman e alla celebrazione dell'operazione di salvataggio. Nel frattempo, vista l'inaspettata affluenza, si valuta anche la realizzazione di un resort e un campeggio per ospitare i numerosi visitatori sulla strada di accesso al parco.

Gli abitanti di Chiang Rai si dicono entusiasti di quest'ondata di visitatori che ha migliorato l'economia locale, visto che prima che l'incidente facesse il giro del mondo Tham Luang non era un'attrazione turistica particolarmente popolare per i turisti non thailandesi. Dunque, da quella che è stata una scampata tragedia a una storia con inaspettato lieto fine per la comunità locale!