• Menu Esci
  • Easyviaggio, offerte viaggi
    • Voli
    • Hotel
    • Vacanze
    • Destinazioni
    • Per saperne di Più
      • Idee di viaggio
      • Campeggio
      • Itinerari di viaggio
      • Autonoleggio
      • Community
      • ComparatoreGreen
  • Connettiti
Doha: per combattere il caldo, la strada diventa blu
Pubblicato il 18/09/2019

CuriositąQatar

Twitter Facebook 8 condivisioni

Nella capitale del Qatar, le temperature estive possono raggiungere livelli record, superando a volte i 50°C. Tutti gli accorgimenti sono utili per rinfrescare l'ambiente. Doha, ad esempio, ha iniziato a pitturare le strade urbane di colore blu, come parte di un progetto pilota per combattere gli effetti del calore estremo. Questo rivestimento riduce anche l'inquinamento e il consumo di carburante.

Con temperature fino a 50°C in estate, la capitale del Qatar, Doha, sta intraprendendo una nuova iniziativa per colorare di blu alcune strade. Questo progetto permetterebbe di abbassare la temperatura del cemento da 15°C a 20°C secondo Ashghal, l'autoritą del Qatar che ha promosso questa idea. Infatti, a differenza del cemento nero, che assorbe pił dell'80% dei raggi solari, questo rivestimento blu riflette il 50% dei raggi. Sviluppato da un'azienda giapponese (Japanese Oriental Company), secondo il quotidiano Qatar Tribune, questo progetto mira anche a "rallentare le reazioni chimiche che causano inquinamento".

Le strade blu in Qatar

In tutta Abdullah bin Jassim Street, il blu domina il suolo. Oltre a combattere il calore, questo asfalto riduce l'attrito dei pneumatici e il consumo di carburante. Riduce anche le emissioni inquinanti. Attualmente, 200 metri di strade sono state riverniciate per testare la durabilitą di questo progetto.
Se queste strade blu avranno un effetto positivo, potrebbero emergere altre strade blu.

Una tecnica nota altrove

Una tecnica nota altrove
©Fitria Ramli/123rf

Se il Qatar ha optato per il blu, altre cittą come Los Angeles avevano testato il bianco su alcune strade nel 2017, e, il rivestimento ha effettivamente ridotto il calore. Quest'anno, la cittą americana ha testato una "polvere di neve" a base di biossido di titanio, che viene utilizzato nei farmaci o dentifricio. Questa "neve" riduce la temperatura superficiale di 5,5°C. In ogni caso, questa iniziativa ha un costo: 60 euro al metro quadrato. Saranno tutti disposti a sborsare ingenti somme di denaro per rinfrescarsi?