• Connettiti
Stelle Marine: tanto belle quanto morte (se le prendete in mano)
Pubblicato il 25/08/2019 8 condivisioni

AmbienteItalia

Twitter Facebook 8 condivisioni

Ce ne sono circa 2000 specie in tutto il mondo, eppure, ogni anno ne muoiono un'infinità. Una delle cause più documentate è senz'altro il contatto con le mani dell'uomo. Si, avete capito bene: le stelle marine muoiono anche per mano nostra.

<strong></strong>
© Viacheslav Dubrovin/123rf

Nonostante le più grandi e appariscenti popolino le aree tropicali del pianeta, è possibile ammirare questo animale invertebrato, appartenente alla famiglia degli echinodermi, in ogni mare del mondo. Attenzione, ammirare, e non toccare, a meno che non vogliate essere complici di una morte certa.

Chiamate in ambito scientifico asteroidi, le stelle marine non seguono uno standard da stella; se le più comuni hanno 5 braccia, va anche precisato che in natura esistono anche stelle marine con 10, 20 o addirittura 40 braccia. Il corpo è ricoperto da cartilagine ed attraversato da calcificazioni che hanno la funzione di proteggere l'animale da altri predatori marini. Il loro colore varia a seconda della specie e, i granuli e le spine che ricoprono il corpo, hanno la funzione di assorbire l'ossigeno dall'acqua.

Cosa mangiano le stelle marine?

Queste meravigliose creature conducono una vita bentonica, strettamente legata al substrato fangoso, sabbioso o roccioso, anche all'interno delle praterie algali. Si muovono strisciando grazie ai pedicelli ambulacrali, una sorta di piccolissime ventose poste sulla faccia ventrale del corpo, e sono costantemente alla ricerca di cibo, che percepiscono a distanza grazie a recettori chimici.

Voir cette publication sur Instagram

Photo made by @underwater_nano #nanophoto #wildlifeaddicts #wildlifplanet #italy #croatia #pose #macro #wild #sun #sunnyday #life #macro #mare #sea #sunset #picoftheday #vsco #vscocam #amazing #omg #snap #colors #starfish #stellamarina #style #fashion #pose #hug #bevsco #lifeonourplanet #animaladdicts #mysimpleclick @incrediblejourney

Une publication partagée par Under The Sea (@underthesea2734) le

Si nutrono di detriti organici e di animali vivi, quali crostacei, ricci di mare, molluschi e spugne. Il modo è molto particolare: nel caso dei molluschi, bloccano il guscio con le braccia flessibili e con una pressione prolungata e continua, ne forzano le valve fino ad aprirle. Poi, dalla apertura boccale, estroflettono sulla preda una porzione dello stomaco che produce e rilascia succhi digestivi; dopo questa digestione ?esterna?, le stelle marine succhiano le parti molli e lasciano le valve della conchiglia svuotate.

Perchè non bisogna toccarle

Le creme solari, gli idratanti e gli oli naturali presenti nella pelle umana causano danni duraturi alla maggior parte dei coralli, echinodermi e crostacei. Anche se non è subito evidente, il disturbo al mantello mucoso o all'anatomia della specie può portare a infezioni batteriche, alla diffusione di malattie e, infine, alla riduzione di quella specie all'interno dell'area dove si è verificato il misfatto.

Le stelle marine non vanno toccate perché sono creature molto delicate; le mani dell'uomo possono schiacciare o danneggiare le loro piccole strutture esterne e interne, condannandole a morte certa. Vivono grazie al loro dermascheletro e al madreporite, un filtro che gli consente di muoversi e di vivere, che si danneggerebbero al solo tocco. Le dita dell'uomo, inoltre, possono eliminare dal loro corpo il muco di autodifesa che possiedono, lasciandole così in balia di attacchi, nonché trasferire sul loro dermascheletro oli e batteri che possono generare infezioni anche gravi nel tempo.

Voir cette publication sur Instagram

Three different starfish!!! #brittlestar #starfish #ecotour #boatride #captainkatiescarlett #cortez #ami #florida

Une publication partagée par Katie Scarlett Tupin?? (@captainkatiescarlett) le

Ma non finisce qui. Ogni volta che si pesca una stella marina va incontro alla morte anche se rigettata in mare, considerando che una volta fuori dall'acqua ingloba aria che può compromettere il suo delicato sistema idraulico: si crea una bolla d'aria in tempi velocissimi che le impedisce di respirare sott'acqua.

Tutto chiaro?

Sono bellissime, ne siamo consapevoli, ma sono animali davvero delicati e non possono morire per permettervi di ricevere like. Non uccidete le stelle marine!