La sorella di Mont-Saint-Michel sconosciuta ai turisti
Pubblicato il 13/11/2020

CuriositàFrancia

Twitter Facebook 12 condivisioni

Nella Mount's Bay, in Cornovaglia, c'è la "gemella" inglese di Mont-Saint-Michel. Le due località sono unite da una leggenda che va oltre la semplice somiglianza.

<strong></strong>
© Boris Stroujko/123RF

Tutti conoscono Mont Saint-Michel, piccolo comune della Normandia, noto per il fenomeno delle maree. Dichiarato patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel 1979, ha la particolarità di trasformarsi da isola a collina a seconda del livello raggiunto dall'acqua che la circonda. Uno spettacolo che, fino ad ora, si credeva unico al mondo...

Quello che in molti non sanno, è che esiste un doppione di Mont-Saint-Michel. È il St. Michael's Mount, un'isolotto situato nella cornice del Mount's Bay, nell'area occidentale della Cornovaglia. La quasi perfetta omonimia non è la sola caratteristica che accomuna i due luoghi.

<strong></strong>
© valeryegorov/123RF

Entrambe le isole sono dedicate all'arcangelo Michele, apparso, secondo delle leggende, in entrambi i siti in momenti distinti. Un gruppo di Benedettini avrebbe deciso di costruire a St. Michael's Mount un'abbazia che rendesse omaggio al santo, trasformata poi nell'attuale fortezza, ancora oggi visibile ai visitatori.
L'apparizione di San Michele in due luoghi così simili non sarebbe casuale. Le due isole, secondo alcune credenze, simboleggerebbero il rapporto tra Dio e l'uomo; l'acqua allontanerebbe l'isola dalla terraferma, analogamente a come il male e il bene uniscono e separano periodicamente gli uomini da Dio.

<strong></strong>
© colindamckie/123RF

Leggende a parte, quest'angolo del Regno Unito offre ai turisti dei panorami incredibili! Dalla vicina città di Marazion, potrete raggiungere a piedi - durante la bassa marea - la collina di St. Michael's Mount, oppure con un traghetto.
Giunti sul promontorio galleggiante, potrete visitare il castello che si erge sulla sommità del monte, abitato dalla famiglia di S. Aubyn che vive ancora qui dal lontano XVII secolo. Il giardino che si sviluppa nelle sue mura è "cullato" dalla Corrente del Golfo, che ne tempera il clima come un radiatore, assorbendo il calore di giorno e rilasciandolo di notte.
Il cuore pulsante della città si trova nell'area bassa del villaggio. Sono circa 30 gli isolani che abitano e lavorano qui, principalmente nell'area portuale. Perdetevi tra i vicoli di questo scorcio (quasi!) unico al mondo.