In Kenya una spaccatura del terreno porterà alla formazione di un nuovo continente
Pubblicato il 06/04/2018

AmbienteKenya

Twitter Facebook 22 condivisioni

Secondo alcuni studi, una frattura del terreno provocherà una spaccatura dell'Africa creando un altro continente. Accadrà circa tra 50 milioni di anni...

Africa

Africa
Anna Kozlenko

In Kenya il terreno si è spaccato in due causando una frattura in poco tempo. Secondo i media le prime avvisaglie si sarebbero verificate il 18 marzo. Nelle ultime settimane vi sono state in questa zona, lungo la Rift Valley, delle violenti piogge he hanno esteso la linea di faglia che geologicamente taglia in due il continente. L'enorme faglia, profonda oltre 15 metri e larga una ventina, ha spaccato la trafficata strada che unisce Mai Mahiu a Narok, a nord di Nairobi. Il fenomeno si estende, in profondità, lungo tutto il continente per oltre 3.400 chilometri.

Queste enormi spaccature costituiscono il campanello d'allarme di un fenomeno irreversibile. Un processo partito 25 milioni di anni fa e che porterà con i secoli ad un cambiamento sostanziale della geografia africana, dando la prova che questa andrà a dividersi in due, anche se ci vorranno milioni di anni. Si tratterebbe infatti di una spaccatura che sta sviluppandosi e andrà ad assottigliare la crosta terrestre fino a spezzare in due il continente africano. Secondo gli esperti, quattro paesi del Corno d'Africa, Somalia, Etiopia, Kenya e Tanzania si staccheranno dall'Africa e andranno a formare un nuovo continente, ma questo distacco definitivo delle placche, secondo gli esperti, non dovrebbe verificarsi prima di 50 milioni di anni, come già avvenuto con il Madagascar e la Nuova Zelanda.

Il geologo David Adede, ha spiegato al giornale locale Daily Nation che "La valle ha una storia di attività tettoniche e vulcaniche. Mentre la spaccatura è rimasta tettonicamente inattiva nel recente passato, ci potrebbero essere movimenti profondi all'interno della crosta terrestre, che portano a zone di debolezza che si estendono fino alla superficie". È da ricordare anche che, nel Corno d'Africa, il terreno ha già subito delle fratture: è un fenomeno, questo, analogo a quello della Pangea che ha portato il distacco dell'Africa dal Sud America.
Inoltre secondo gli studi, la spaccatura non è della stessa entità lungo tutta la sua lungezza: a sud, più recenti, la probabilità che vada estendendosi è piuttosto bassa soprattutto dove non vi sono grandi rischi di vulcanismo; nella regione di Afar, dove vi sono molte rocce vulcaniche, la litosfera si è assottigliata enormemente ed è probabile che si formerà qui un nuovo oceano.