Pubblicato il 13/01/2018

#Cultura #Spagna

Saragozza: un viaggio dal medioevo ai giorni nostri

Vi proponiamo un viaggio alla scoperta della Saragozza medievale che fù città romana, musulmana in stile mudéjar e infine capitale del regno di Aragona. Ecco cosa fare e vedere per capirne la vera essenza.

Basilica di Nostra Signora del Pilar a Saragozza, Aragona.

© cineuno/123RF

Le decorazioni a traforo del Castello dell'Aljafería, Saragozza.

© pigprox/123RF

A piazza San Felipe troviamo altri esempi di edifici in stile mudéjar ovvero l'antica torre del XV secolo chiamata Torreón Fortea, la Torreón de la Zuda e il Monasterio de la Resurrección del Santo Sepulcro costruito sulle antiche mura romane della città.

L'intera città é tracciata dalle piccole strutture religiose in stile mudéjar, la Chiesa di Santa Maria Maddalena costruita nel XIII secolo e successivamente rimaneggiata ma che conserva ancora lo spettacolare campanile, la Chiesa di San Pablo con le sue eleganti volte a sesto acuto in stile gotico in contrasto con le decorazioni arabeggianti del campanile e, infine, la Chiesa di San Miguel, quasi completamente ricostruita sull'antica chiesa romanica, ma che conserva ancora un bellissimo pavimenti a mosaico. Il monastero cistercense reale di Santa Maria de Veruela risalente al XII secolo, edificato in stile romanico e gotico.

La Cattedrale del Salvatore a Saragozza, in Spagna.

© ggfoto/123RF

La Cattedrale del Salvatore é l'edificio di culto più importante della città. Sorge sul sito dell'antico foro romano dedicato ad Augusto e realizzata a partire dal XII secolo. La cattedrale in stile romanico, venne modificata e ampliata. Oggi ci appare come una fusione tra decorazioni mudéjar dell'arte araba con quelle tipiche dell'arte religiosa spagnola.