• Menu Esci
  • Easyviaggio, offerte viaggi
    • Voli
    • Hotel
    • Vacanze
    • Destinazioni
    • Per saperne di Più
      • Idee di viaggio
      • Campeggio
      • Itinerari di viaggio
      • Autonoleggio
      • Community
      • ComparatoreGreen
  • Connettiti
San Pietroburgo celebra il centenario della Rivoluzione d'Ottobre con mostre ed eventi
Pubblicato il 31/10/2017

CulturaRussia

Twitter Facebook

La rivoluzione russa compie cent'anni. Per celebrare il ricordo dell'evento che segnò la fine dell'Impero zarista e l'inizio della Repubblica sovietica, San Pietroburgo ospita una serie di mostre ed eventi. Al di là delle tante e tuttora presenti conseguenze politico-sociali di quella rivoluzione, non si può negare che sia una pagina di storia interessante e che San Pietroburgo conservi un'aura di fascino algido e barocco che nemmeno una rivoluzione che ha cambiato il volto del Paese ha potuto cancellare.

Il Palazzo d'Inverno

Il Palazzo d'Inverno
© ppl58/123RF

Ponte del Palazzo e Fortezza dei Santi Pietro e Paolo sullo sfondo

Ponte del Palazzo e Fortezza dei Santi Pietro e Paolo sullo sfondo
© scaliger/123RF

Approfittare di questa occasione per un tour in battello sulla Neva è un ottimo modo per godersi il panorama della città. Imperdibile è la Fortezza dei Santi Pietro e Paolo, costruita su un'isoletta su cui è presente anche un carcere utilizzato durante il periodo zarista per i progionieri politici. La Cattedrale della Resurrezione è un luogo carico di storia, in cui sono stati sepolti molti zar e zarine.
Due grandi esempi che si discostano dallo stile barocco di altri monumenti, per rappresentare invece il coloratissimo stile russo medievale sono: la Chiesa del Salvatore sul Sangue Versato e la famosissima Cattedrale di San Basilio, che attirano ogni anno tantissimi turisti.

Il Cremlino e la Cattedrale di San Basilio sulla Piazza Rossa

Il Cremlino e la Cattedrale di San Basilio sulla Piazza Rossa
© scaliger/123RF

La Rivoluzione d'Ottobre ha in effetti avuto luogo in novembre, 7-8 novembre, ma secondo il calendario giuliano all'epoca in vigore, gli eventi culminanti sono successi tra il 25 e il 26 ottobre. Furono quelli i giorni in cui i moti iniziati in febbraio culminarono nella formazione del governo bolscevico guidato da Lenin. Questo centenario è l'occasione giusta per ripercorrere i luoghi-simbolo della rivoluzione e l'eredità architettonica dei Romanov.

Il Palazzo d'Inverno, che sorge sulle rive dalla Neva ed è stato fatto costruire da Pietro il Grande, per tutto l'inverno diventerà un enorme maxischermo su cui verranno proiettate immagini e rievocazioni della rivoluzione russa.
Parte dello stesso complesso architettonico è l'Hermitage, il più prestigioso museo russo. Qui sono conservate opere di Leonardo, Raffaello, Michelangelo, Caravaggio, Rembrandt, Rubens, Canova, Monet, Kandinsky, Picasso, e in occasione delle celebrazioni del centenario ci saranno due mostre temporanee: "Il Palazzo d'Inverno e l'Hermitage nel 1917" e "La stampa e la Rivoluzione: pubblicazioni degli anni 1917-1922 dalle collezioni Hermitage".
Anche il Museo Russo apporta il suo prezioso contributo con le esposizioni "Manifesti della Rivoluzione" e "Sogni di fioritura universale", che trattano dello sviluppo artistico durante il periodo sovietico. Al Museo della Storia Politica Russa troviamo la mostra "Le donne e la rivoluzione" e la tavola rotonda "Il museo nella Rivoluzione. La Rivoluzione nel museo".
Al MISP, il Museo dell'Arte del 20° e 21° secolo di San Pietroburgo, inaugura la mostra "Diritto al futuro", a cui si registra una forte presenza di artisti italiani.

Non perdete l'occasione di visitare anche i tantissimi mercatini delle pulci presenti in città. Sarà un tripudio di chincaglieria e oggettistica di epoca sovietica, tra cui si possono trovare manufatti di ogni sorta e anche curiosi oggetti simboli della rivoluzione. Insomma il centenario della rivoluzioni finalmente vi offre il pretesto per visitare la straordinaria San Pietroburgo che stavate aspettando.