• Menu Esci
  • Easyviaggio, offerte viaggi
    • Voli
    • Hotel
    • Vacanze
    • Destinazioni
    • Per saperne di Più
      • Idee di viaggio
      • Campeggio
      • Itinerari di viaggio
      • Autonoleggio
      • Community
      • ComparatoreGreen
  • Connettiti
La Francia ospiterà il primo santuario europeo per gli elefanti
Pubblicato il 23/01/2020

AnimaliFrancia

Twitter Facebook 2 condivisioni

Progettato da due allevatori belgi, Sofie Goetghebeur e Tony Verhulst, "Elephant Haven" è il primo santuario europeo per gli elefanti attualmente in costruzione a Bussière-Galant nella regione del Limosino. Questa "casa di riposo" per pachidermi dovrebbe accogliere i suoi primi residenti nei prossimi mesi.

E' un vero paradiso per tutti i conspecifici di Dumbo il "Rifugio degli elefanti", primo santuario dedicato ai pachidermi d'Europa costruito sul terreno di una vecchia fattoria equestre di 28 ettari.
Questo vasto parco giochi permetterà agli elefanti accolti di recuperare lo stress accumulato durante gli anni di cattività trascorsi in un circo o in uno zoo.
Il progetto è stato avviato da due ex custodi dello zoo di Anversa, Sofie Goetghebeur e Tony Verhulst.
L'idea è nata dalla loro passione per gli elefanti, ma il piano per la costruzione di un rifugio dedicato ai pachidermi ha preso corpo dopo aver letto un articolo nel quale si elencava il numero di elefanti ancora presenti nei circhi d'Europa: 141.

Diversi Paesi europei, tra cui la Svezia, hanno già deciso di bandire gli animali esotici dai circhi e anche alcune città francesi come Strasburgo hanno seguito questa strada rifiutando di ospitare circhi con gli animali.
Di fronte a questi progressi, si è posta ben presto una domanda per i due custodi: cosa fare di quegli elefanti che non vengono più utilizzati per gli spettacoli?
Rispedire nel proprio paese di origine gli esemplari catturati da giovani o nati in cattività, è un'opzione irrealistica e dannosa per gli elefanti stessi.

Così Tony Verhulst e Sofie Goetghebeur hanno avuto l'idea di offrire a questi pachidermi in pensione un rifugio sicuro in Europa, prendendo spunto d a quelli già esistenti negli Stati Uniti o in Asia.
La zona prescelta dai due custodi per la costruzione del rifugio non è frutto del caso: la spettacolare regione del Limosino ha una vegetazione abbondante, un clima ideale e una posizione tranquilla.

<strong></strong>
© Ivonne Wierink/123RF

Anche se la costruzione dovrebbe essere completata entro il 2020, i fondatori di "Elephant Haven" non hanno ancora deciso quando arriveranno i loro primi pensionanti: "stiamo lavorando dietro le quinte per stabilire dei contatti. Ma è complesso e richiede tempo", hanno detto.
La prima fase del progetto prevede l'accoglienza di due o tre elefanti nel primo recinto di quattro ettari.
Alla fine, il santuario potrebbe avere tre recinti per ospitare fino a dieci elefanti.
Il progetto prevede anche una struttura per accogliere il pubblico e per realizzare programmi educativi sulla fauna e la flora: "la pace e la tranquillità dei pachidermi in pensione rimarranno la priorità", sottolineano i due custodi.