• Menu Esci
  • Easyviaggio, offerte viaggi
    • Voli
    • Hotel
    • Vacanze
    • Destinazioni
    • Per saperne di Più
      • Idee di viaggio
      • Campeggio
      • Itinerari di viaggio
      • Autonoleggio
      • Community
      • ComparatoreGreen
  • Connettiti
Volterra medievale: Anno Domini 1398
Pubblicato il 23/07/2019 , Modificato il 25/07/2019

CulturaItalia

Twitter Facebook 14 condivisioni

La seconda e la terza domenica di agosto avrà luogo la ventiduesima edizione della tradizionale Rievocazione storica Volterra 1398 AD. La città è pronta a rivivere il suo Medioevo misterioso, animata da audaci cavalieri, dame, sbandieratori, musici e giullari...

<strong></strong>
© GrazianoGazzarri

Piazza dei Priori si risveglia nel milletrecento avvolta nel vociare cittadino, colorata dalla folla variopinta degli sbandieratori, con le trombe che squillano a festa.
Il nitrito dei cavalli fa da sfondo a un'atmosfera d'altri tempi, mentre lo scalpiccio degli zoccoli rimbomba sul terreno come l'annuncio di una battaglia. La città di Volterra ritorna così al suo glorioso passato mediceo rivivendolo nel corso delle giornate dell'11 e del 18 agosto.

Il Medioevo, in questo piccolo borgo sulle colline toscane, non ha mai cessato veramente di esistere; ne conservano l'antica impronta le imponenti mura che ancora circondano il centro abitato e la fortezza della Rocca Vecchia che ancora si erge maestosa dominando la città dall'alto e caratterizzandone il profilo. A essa fu aggiunta la struttura della Rocca Nuova detta "Il Mastio", voluta da Lorenzo de' Medici, per lungo tempo adibita a carcere politico: all'interno delle sue celle furono imprigionati gli oppositori della dinastia medicea e, alcuni secoli dopo, i patrioti del Risorgimento.

<strong></strong>
© SALVATORE RENNA

La storia si è impressa a Volterra come una cicatrice dai contorni indelebili. Passeggiare tra i vicoli stretti del borgo è come vivere un viaggio a ritroso nel tempo: dalla fiorente epoca etrusca alla dominazione romana - testimoniata dai numerosi archi e dai resti dell'antico teatro- fino all'oscura epoca medievale e alla nuova luce portata dall'arte del Rinascimento.
Questo antico borgo situato nel cuore della Toscana, a 40 chilometri dal mare, conserva il suo passato alla stregua di una gemma preziosa.
Ogni anno, a partire dalla seconda domenica di agosto, Volterra imbandisce la sua tradizionale festa medievale, una delle più belle e apprezzate Rievocazioni storiche italiane.

<strong></strong>
© Gruppo fotografico GIAN Volterra

La Rievocazione storica

La festa di Volterra si alterna tra due scenari, il centro storico -caratterizzato dal Palazzo dei Priori - e il parco archeologico - dominato dalla fortezza dei Medici.
Nessun dettaglio è lasciato al caso nel contesto suggestivo che caratterizza la manifestazione: cavalieri, dame, giullari, artigiani e mercanti invaderanno le strade della città riportandola al suo passato antico di intrighi, dominazioni e menzogne in cui rivive tutta la suggestiva oscurità dell'alto medioevo. Per due giornate intere Volterra sarà un palcoscenico vivente, arricchito da giochi, tornei, eventi musicali e teatrali.
Si tratta di una ricorrenza profondamente sentita da tutti i cittadini, che per tutto l'anno si impegnano duramente in attesa delle sfolgoranti giornate estive di festa collettiva.
Ci saranno spettacoli d'armi e di falconeria, e numerosi giochi a tema dedicati al divertimento dei più piccoli. Nel parco archeologico della città prenderà vita la campagna medievale, con i villaggi dei pastori e gli accampamenti dei soldati, ricreati sulla base degli originali con una mirabile opera di ricostruzione.

<strong></strong>
© GrazianoGazzarri9/1/1959

Biglietti e monete antiche

L'ingresso alla rievocazione prevede il pagamento di un biglietto di 10 euro, ma sono effettuate ulteriori riduzioni per i minori di 18 anni e i maggiori di 65, ed è gratuito per i bambini al di sotto dei 12 anni e per i portatori di handicap.
Il biglietto d'ingresso alla manifestazione consentirà anche l'accesso diretto ai più importanti musei della città.
Per l'intera durata della Rievocazione ogni acquisto dovrà essere effettuato pagando con il Grosso Volterano, l'antica moneta medievale che tornerà a vivere in memoria dell'Anno Domini 1398. Il semplice cambio potrà essere effettuato direttamente all'ingresso della manifestazione: 1 Grosso Volterano corrisponde ad 1 euro.

Una sfilata d'epoca

Dall'alba al tramonto i figuranti in costume d'epoca sfileranno lungo le vie della città, tra antiche torri e palazzi, facendo rivivere tutta la magia del Medioevo. Partecipare alla Rievocazione storica è uno dei modi più evocativi e affascinanti di scoprire la bellezza di Volterra, la città di pietra, ricca di architettura medievale di pregio come il Palazzo dei Priori, il Palazzo Pretorio, il Quadrivio dei Buomparenti con annessa l'alta torre di origine duecentesca.

<strong></strong>
© SALVATORE RENNA

Un evento internazionale

La risonanza dell'evento ha già varcato i confini nazionali.
Sono sempre più i turisti che si recano a Volterra nelle settimane centrali di agosto per vivere in prima persona le gesta della stirpe medicea. Complice anche il successo di fortunate serie tv internazionali, il borgo toscano sta diventando un palcoscenico a cielo aperto, un set cinematografico che ormai valica i confini della finzione.
È la città della storia, in cui il Medioevo sembra essersi depositato
come un tesoro nascosto e tuttora continua ad esistere tra le sue mura, negli anfratti dei palazzi, pronto a rinascere nell'atmosfera vitale di Piazza dei Priori al primo squillo di tromba.
Le gesta dei cavalieri sono pronte a rivivere nel centro della città durante lo spettacolare Torneo dei combattenti.